George Arliss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

George Arliss, nato Augustus George Andrews, (Londra, 10 aprile 1868Londra, 5 febbraio 1946), è stato un attore britannico ed il primo di nazionalità britannica a vincere il Premio Oscar per la sua interpretazione in Disraeli del 1930.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato con il nome di battesimo di Augustus George Andrews[1][2], viene comunemente ricordato nelle biografie come George Augustus Andrews. Venne educato a Harrow, aiutando poi suo padre nelle sue attività editoriali che, finiti gli studi, abbandonò per dedicarsi al teatro.

Debuttò nel 1886 a soli diciotto anni, recitando in provincia. Nei seguenti cinque anni, raccolse molti consensi nel West End di Londra (il corrispettivo britannico di Broadway).

Nel 1901, si imbarcò alla volta degli Stati Uniti per una tournée con la compagnia di Mrs Patrick Campbell. Era sua intenzione fermarsi in America solo per la durata di un tour, ma il successo che riscosse lo fece decidere di fermarsi oltreoceano. Iniziò ad interpretare i grandi personaggi storici sui palcoscenici di Broadway al fianco di sua moglie, Florence Arliss.

Arliss si avvicinò al cinema quando aveva già 53 anni, debuttando sullo schermo in The Devil di James Young, un testo che aveva già interpretato in teatro nel 1906. Conquistò definitivamente il successo e la notorietà con la sua interpretazione di Disraeli, film biografico sul primo ministro britannico Benjamin Disraeli, uno dei suoi cavalli di battaglia anche a teatro. L'interpretazione gli valse il premio Oscar quale migliore attore. Tuttavia Arliss non comprese né apprezzò pienamente il valore del premio vinto, disdegnando la cerimonia di consegna al Capitol Theatre di Los Angeles, cui preferì una vacanza in Francia. Alla cerimonia fu Darryll Zanuck, il rappresentante della Warner Bros, la casa di produzione, a ritirare a suo nome la prestigiosa statuetta.

Arliss firmò un contratto in esclusiva con la Warner Bros per la quale girò circa una decina di film, pretendendo però nello stesso contratto di avere ampia decisionalità sulle sue scelte artistiche. Sebbene non fosse contemplato nel contratto, egli godette anche del privilegio di scegliere personalmente il cast delle sue pellicole, ed in questo ebbe il merito di valorizzare e far debuttare l'attrice Bette Davis nella pellicola del 1932 The Man Who Played God.

Tornato in patria durante la Seconda guerra mondiale, morì a Londra per una broncopolmonite, nel 1946 a 77 anni.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1930, ebbe due candidature agli Oscar per due film, Disraeli e La dea verde: vinse l'Oscar al miglior attore con Disraeli.

Spettacoli teatrali[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IBDB
  2. ^ BFI

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar al miglior attore Successore
Warner Baxter
per Notte di tradimento
novembre 1930
per Disraeli
Lionel Barrymore
per Io amo

Controllo di autorità VIAF: 44563073 LCCN: no89006300