Pete Seeger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pete Seeger
Pete Seeger in concerto (1986)
Pete Seeger in concerto (1986)
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Folk
Periodo di attività 1939-2014
Strumento voce, chitarra, armonica, banjo

Peter Seeger, più noto come Pete Seeger (New York, 3 maggio 1919New York, 27 gennaio 2014), è stato un cantante e compositore statunitense di musica folk.

È assieme a Woody Guthrie (con cui ha collaborato e cantato assieme fin dagli anni quaranta), fra i più conosciuti folk-singer statunitensi.[1][2]

Attivista politico dell'estrema sinistra americana e uno dei massimi autori della folk music e della canzone di protesta degli anni cinquanta e sessanta, è autore di famosi talking blues.[3]

In Italia era molto nota la sua canzone If I Had a Hammer, lanciata da Rita Pavone con il testo in italiano scritto da Sergio Bardotti e il titolo Datemi un martello.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Seeger nel 1955

Suo padre, Charles Seeger, era un musicologo di fama e uno dei primi ricercatori impegnati nel campo della musica orientale; i suoi fratelli, Mike e Peggy, sono ugualmente musicisti e cantanti di fama. Nel 1943 Pete sposò Toshi-Aline Ohta, "la persona cui devo tutto nella mia vita", come amava ripetere.

Alla fine degli anni trenta risale il suo incontro con Woody Guthrie, che lo segnerà definitivamente e con il quale girerà moltissime località degli Stati Uniti d'America, negli anni quaranta, alla ricerca della vera anima popolare musicale del paese. Per fare questo, Seeger abbandonò gli studi di sociologia che stava svolgendo a Harvard.

Membro fondatore dei gruppi folk The Almanac Singers e The Weavers (quest'ultimo godette di un grande successo alla fine degli anni cinquanta), Pete Seeger, per le sue idee, cadde ben presto vittima del maccartismo che colpì la cultura statunitense progressista durante gli anni cinquanta.

Pete Seeger concerto gratuito a Stern Grove, San Francisco, nel 1978

Pete Seeger ha iniziato la sua carriera di solista nel 1958 componendo canzoni che sono diventate ben presto dei classici della folk music: fra le altre, si segnalano If I Had a Hammer (scritta assieme a Lee Hays), Turn! Turn! Turn! (con testo adattato dal libro biblico dell'Ecclesiaste e brano successivamente rielaborato in chiave folk rock dal gruppo The Byrds), The Bells of Rhymney (musicata su versi di un poema del gallese Idris Davies), We Shall Overcome (canzone basata su uno spiritual, a sua volta divenuta un cavallo di battaglia di Joan Baez e di altri interpreti impegnati nelle battaglie per i diritti civili) e in particolare Where Have All the Flowers Gone?, canzone contro la guerra, anch'essa reinterpretata da artisti come Joan Baez, Peter, Paul and Mary, The Kingston Trio, The Mamas and the Papas e dall'attrice e cantante croato-statunitense Ksenia Prohaska nel suo mitico monodramma musicale Marlene Dietrich, proprio perché la diva berlinese lo aveva inserito nel proprio repertorio nel 1962.

Negli anni sessanta, Seeger ha scritto la prima versione di un manuale divenuto un classico: How to Play the Five-String Banjo, un'opera che ha formato intere generazioni di banjoisti.

Ecologismo e comunismo[modifica | modifica wikitesto]

Pete Seeger è da sempre stato impegnato come ecologista rigoroso e combattente per la tutela dell'ambiente. Nel 1966 fu tra i soci fondatori del Clearwater Group, un'organizzazione che, da allora, lotta contro l'inquinamento delle acque del fiume Hudson e promuove la sua pulizia.

Pete Seeger è noto per essere, da sempre, un comunista; il che, negli Stati Uniti d'America, era notoriamente un problema di non poco conto. Gli furono affibbiati soprannomi come "Stalin's songbird" (l'usignolo di Stalin), e altri appellativi del genere. Effettivamente, almeno negli anni quaranta e cinquanta, Seeger era stato uno strenuo sostenitore dell'Unione Sovietica. Dopo il XX congresso del PCUS, durante il quale Nikita Khruščёv rivelò i crimini di Stalin e dello stalinismo, Seeger lasciò il Partito Comunista Statunitense (di stretta osservanza sovietica) ma rimase comunque un comunista e un marxista.

Seeger al Clearwater Festival 2008

La guerra nel Vietnam provocò in Pete Seeger un'autentica opposizione a tutto campo, che si concretizzò nel suo celebre e violento attacco televisivo alla politica di guerra del presidente Lyndon B. Johnson, avvenuto durante il popolare Smothers Brothers Comedy Hour, dove Seeger cantò anche quella che è una delle prime canzoni contro la guerra vietnamita, Waist Deep in the Big Muddy ("Giù fino al collo nel grande pantano").

La canzone fu tagliata una prima volta dai censori televisivi e la trasmissione interrotta, ma Seeger comparve di nuovo la settimana dopo al programma e riuscì a cantarla per intero.

Come molti esponenti della vecchia sinistra statunitense, Pete Seeger non si trovò molto a proprio agio con il radicalismo culturale e politico degli anni sessanta, sfociato nelle rivolte studentesche che dagli USA si diffusero in tutto il pianeta. Non gli piacevano molto le tensioni generazionali fomentate dal movimento (registrò una volta una canzone intitolata Be Kind to Parents, "Siate gentili con i genitori") e ammonì ripetutamente i giovani radicali a evitare divisioni basate sui divari tra generazioni.

Con il trascorrere degli anni c'è stato da parte di Seeger un ripensamento profondo della sua attività politica: ciò nonostante, negli anni settanta e ottanta ha continuato a sostenere ogni sorta di causa progressista, pur dedicandosi prevalentemente a quelle di carattere ambientalista.

È deceduto, all'età di 94 anni, il 27 gennaio 2014.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Release Date Album Title Record Label
1954 The Pete Seeger Sampler Folkways Records
1954 How to Play a 5-String Banjo (instruction) Folkways Records
1955 Bantu Choral Folk Songs Folkways Records
1955 The Folksinger's Guitar Guide (Instruction) Folkways Records
1955 Birds, Beasts, Bugs and Little Fishes & Birds, Beasts, Bugs and Bigger Fishes (for Children) Folkways Records
1956 Love Songs for Friends and Foes Folkways Records
1956 With Voices Together We Sing Folkways Records
1957 American Ballads Folkways Records
1958 Gazette, Vol. 1 Folkways Records
1959 American Play Parties Folkways Records
1960 Champlain Valley Songs Folkways Records
1960 At The Village Gate Folkways Records
1961 Story Songs Columbia Records
1962 12-String Guitar as Played by Lead Belly Folkways Records
1963 We Shall Overcome Columbia Records
1964 Broadsides – Songs and Ballads Folkways Records
1964 Songs of Struggle and Protest, 1930–50 Folkways Records
1966 God Bless The Grass Columbia Records
1966 Dangerous Songs!? Columbia Records
1967 Waist Deep In The Big Muddy And Other Love Songs Columbia Records
1968 Wimoweh and Other Songs of Freedom and Protest Folkways Records
1973 Rainbow Race Columbia Records
1974 Banks of Marble and Other Songs Folkways Records
1979 Circles & Seasons Warner Bros. Records
1980 God Bless the Grass Folkways Records
1989 Traditional Christmas Carols Smithsonian Folkways
1990 American Folk Songs for Children Smithsonian Folkways
1990 Folk Songs for Young People Smithsonian Folkways
1991 Abiyoyo and Other Story Songs for Children Smithsonian Folkways
1992 American Industrial Ballads (Reissue of 1956 album) Smithsonian Folkways
1993 Darling Corey/Goofing-Off Suite Smithsonian Folkways
1996 Pete Living Music Records
1998 Birds, Beasts, Bugs and Fishes (Little and Big) Smithsonian Folkways
1998 If I Had a Hammer: Songs of Hope and Struggle Smithsonian Folkways
1998 Headlines and Footnotes: A Collection of Topical Songs Smithsonian Folkways
2000 American Folk, Game and Activity Songs Smithsonian Folkways
2002 American Favorite Ballads, Vol. 1 Smithsonian Folkways
2003 American Favorite Ballads, Vol. 2 Smithsonian Folkways
2004 American Favorite Ballads, Vol. 3 Smithsonian Folkways
2006 American Favorite Ballads, Vol. 4 Smithsonian Folkways
2007 American Favorite Ballads, Vol. 5 Smithsonian Folkways
2008 At 89 Appleseed Recordings
2009 Pete Seeger at Bard College
credited to "Ono Okoy and the Banshees", a student performance art group dedicated to "preserving the footsteps of Pete Seeger" by singing folk music and recording his footsteps.
Appleseed Recordings
2009 American Favorite Ballads, The Complete Collection Vol. 1–5 Smithsonian Folkways

2010 "Tomorrow's Children, Pete Seeger and the Rivertown Kids and Friends" Appleseed Recordings

2012 The Complete Bowdoin College Concert 1960 Smithsonian Folkways
2012 A More Perfect Union
2012 Pete Remembers Woody Appleseed Recordings
2013 The Storm King - Stories, Narratives, Poems Hachette Original

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pete Seeger Biography | Rolling Stone
  2. ^ Pete Seeger | Biography | AllMusic
  3. ^ The History of Rock Music. Pete Seeger: biography, discography, reviews, links
  4. ^ Addio a Pete Seeger, l'eroe del folk in La Repubblica, 28-1-2014. URL consultato il 28-1-2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 27248780 LCCN: n50006375