Arthur Rubinstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthur Rubinstein fotografato da Carl van Vechten nel 1937

Arthur Rubinstein (nato Artur Rubinstein; Łódź, 28 gennaio 1887Ginevra, 20 dicembre 1982) fu un pianista polacco, considerato tra i massimi concertisti del Novecento, e celebre soprattutto per le sue virtuosistiche esecuzioni di Chopin, del quale era considerato il massimo interprete, e per l'impegno personale per la difesa della musica ispanica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Arthur Rubinstein fotografato da Erling Mandelmann nel 1963

Rubinstein nacque a Łódź da una famiglia ebraica. Studiò a Varsavia, proseguendo i suoi studi a Berlino su consiglio del celebre violinista Joseph Joachim; ebbe come maestro Karl Heinrich Barth e perfezionò la propria tecnica con il compositore Ignacy Paderewski. Nel 1894 tiene un concerto di beneficenza nel Conservatorio di Lódz con musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Franz Schubert e Felix Mendelssohn.

Debuttò a Berlino nel 1900 e, in seguito, fece altre apparizioni in Germania e in Polonia. Nel 1904 si recò a Parigi, dove incontrò i compositori Ravel, Dukas, Saint-Saëns e il violinista Jacques Thibaud.

Rubinstein debuttò a New York alla Carnegie Hall nel 1906, per poi estendere il tour al resto degli Stati Uniti, oltreché all'Austria, all'Italia e alla Russia.

Nel 1911 suona nella prima esecuzione assoluta nel Teatr Wielki di Varsavia della Sonata n. 2 op. 21 in la minore per pianoforte di Karol Szymanowski.

Nel 1912 si esibì per la prima volta anche a Londra.

Durante la prima guerra mondiale Rubinstein visse prevalentemente a Londra, accompagnando il violinista Eugène Ysaÿe. Dal 1916 al 1917, suonò in Spagna e nel Sud America, sviluppando un grande entusiasmo per la musica di Granados, Albéniz, Heitor Villa-Lobos e Falla.

Nel 1920 partecipò ad un concerto al Metropolitan Opera House.

Nel 1932 iniziò un periodo di assenza dai concerti che durò alcuni anni, per lavorare su tecnica e repertorio.

Rubinstein trascorse il periodo della seconda guerra mondiale negli Stati Uniti, paese del quale ottenne la cittadinanza nel 1946.

Per il Teatro La Fenice di Venezia nel 1947 eseguì il concerto per pianoforte e orchestra n. 4 di Beethoven e la Rapsodia su un tema di Paganini di Rachmaninov ed un recital, nel 1954 i concerto per pianoforte e orchestra n. 1 e n. 2 di Chopin ed un recital, nel 1955 un concerto con musiche di Chopin, nel 1957 nel Cortile di Palazzo Ducale (Venezia) il concerto per pianoforte e orchestra n. 4 di Beethoven ed il concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Rachmaninov ed un concerto dedicato a Chopin, nel 1958 sempre nel Palazzo Ducale il concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Brahms e due concerti dedicati a Chopin, nel 1961, 1962, 1963 e 1965 un recital, nel 1967 un concerto dedicato a Chopin, nel 1969 un recital, nel 1970 il concerto per pianoforte e orchestra n. 3 di Beethoven, nel 1971 un concerto dedicato a Chopin e nel 1974 un recital.

Dopo le vicende belliche, rifiutò di esibirsi nelle due Germanie per rispetto delle vittime dell'Olocausto. Nel 1949, assieme ad Heifetz e Piatigorsky, fu tra i firmatari di una lettera di protesta con cui si voleva impedire un concerto sinfonico di Wilhelm Furtwängler, programmato per quello stesso anno a Chicago.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1954 eseguì il concerto per pianoforte e orchestra n. 4 di Beethoven, nel 1955 il concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Brahms diretto da Thomas Schippers, nel 1956 i concerti per pianoforte e orchestra n. 3 e 5 di Beethoven, nel 1957 il concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Chopin e nel 1958 il concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di Chopin ed il concerto per pianoforte e orchestra di Schumann.

Continuò a esibirsi in concerti sino al 1976, quando dovette abbandonare le apparizioni pubbliche a causa del grave deterioramento della vista. Morì a Ginevra nel 1982 all'età di novantacinque anni.

Sebbene la sua notorietà internazionale sia prevalentemente legata al repertorio da solista, Rubinstein è stato anche un ottimo interprete della musica da camera, insieme a Szeryng, Heifetz, Piatigorsky e al Guarneri Quartet. Oltre a Chopin, egli registrò, tra le altre, interpretazioni di Beethoven, Brahms, Schubert, Schumann, Dvořák, Albéniz, Bach, Debussy, De Falla, Fauré, Mendelssohn, Franck, Granados, Grieg, Ravel.

DVD & BLU-RAY parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Chopin Grieg Saint-Saëns, Conc. pf./Conc. pf. n. 2/Conc. pf. n. 2 - Rubinstein/Previn/LSO, 1975/1977 Deutsche Grammophon
  • Rubinstein, In concerto (Amsterdam 1973) - Rubinstein/Haitink/CGO, Deutsche Grammophon (5.1 DTS Surround Sound)

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Incisioni complete[modifica | modifica sorgente]

Elenco di tutte le incisioni, ripetute in diverse occasioni:

  • Isaac Albéniz: Córdoba; Evocación (da Iberia); Navarra; Sevillanas; Triana.
  • Johann Sebastian Bach: Toccata, Adagio e Fuga in C major, BWV 564 (arr. Busoni); Chaconne in D minor, BWV 1004 (arr. Busoni).
  • Ludwig van Beethoven: Sonata in C major, Op. 2, n. 3; Sonata in C minor, Op. 13 Pathétique; Piano concerto n. 1 in C major, Op. 15; Piano concerto n. 2 in B-flat major, Op. 19; Sonata per violino e piano in F major, Op. 24 Spring; Sonata in C-sharp minor, Op. 27, n. 2 Moonlight; Sonata per violino e piano in G major, Op. 30, n. 3; Sonata in E-flat major, Op. 31, n. 3; Piano concerto n. 3 in C minor, Op. 37; Sonata per violino e piano in A major, Op. 47 Kreutzer; Sonata in C major, Op. 53 Waldstein; Sonata in F minor, Op. 57 Appassionata; Piano concerto n. 4 in G major, Op. 58; Piano concerto n. 5 in E-flat major, Op. 73 Emperor; Sonata in E-flat major, Op. 81a "Les Adieux"; Piano Trio in B-flat major, Op. 97 Archduke.
  • Johannes Brahms: Piano Sonata n. 3 in F Minor, Op. 5; Piano Trio in B major, Op. 8; Four Ballades, Op. 10; Piano Concerto in D minor, Op. 15; Piano Quartet in G minor, Op. 25; Piano Quartet in A major, Op. 26; Piano Quintet in F minor, Op. 34a; Cello Sonata in E minor, Op. 38; Wiegenlied, Op. 49, n. 4; Piano Quartet in C minor, Op. 60; Capriccio in B minor, Op. 76, n. 2; Intermezzo in A minor, Op. 76, n. 7; Sonata per violino e piano in G major, Op. 78; Rhapsody in B minor, Op. 79, n. 1; Rhapsody in G minor, Op. 79, n. 2; Piano Concerto in B-flat major, Op. 83; Piano Trio in C major, Op. 87; Cello Sonata in F major, Op. 99; Sonata per violino e piano in A major, Op. 100; Piano Trio n. 3, Op. 101; Sonata per violino e piano in D minor, Op. 108; Intermezzo in E minor, Op. 116, n. 5; Intermezzo in E major, Op. 116, n. 6; Intermezzo in E-flat major, Op. 117, n. 1; Intermezzo in B-flat minor, Op. 117, n. 2; Intermezzo in C-sharp, Op. 117, n. 3; Intermezzo in A major, Op. 118, n. 2; Ballade in G minor, Op. 118, n. 3; Romance in F major, Op. 118, n. 5; Intermezzo in E-flat minor, Op. 118, n. 6; Intermezzo in E minor, Op. 119, n. 2; Intermezzo in C major, Op. 119, n. 3; Rhapsody in E-flat major, Op. 119, n. 4; Hungarian Dance in F minor, WoO 1, n. 4.
  • Pëtr Il'ič Čajkovskij: Piano Concerto n. 1 in B-flat minor, Op. 23; Piano Trio in A minor, Op. 50.
  • Emmanuel Chabrier: Scherzo-valse (da Pièces pittoresques).
  • Fryderyk Chopin: 51 Mazurkas (Opp. 6, 7, 17, 24, 30, 33, 41, 50, 56, 59, 63, 67, 68, "à Émile Gaillard", "Notre temps"); 21 Nocturnes (Opp. 9, 15, 27, 32, 37, 48, 55, 62, 72, op. posth.); Étude in C-sharp minor, Op. 10, n. 4; Étude in E-flat minor, Op. 10, n. 5; Étude in C Minor, Op. 10, n. 12; Piano Concerto n. 1 in E minor, Op. 11; Fantasia on Polish Airs, Op. 13; Berceuse, Op. 16; 14 Waltzes (Opp. 18, 34, 64, 69, 70); Bolero, Op. 19; Scherzo n. 1 in B minor, Op. 20; Piano Concerto n. 2 in F minor, Op. 21 Funeral March; Andante Spianato e Grand Polonaise in E-flat major, Op. 22; Ballade n. 1 in G minor, op. 23; Étude in A-flat major, Op. 25, n. 1; Étude in F Minor, Op. 25, n. 2; Étude in F major, Op. 25, n. 3; Étude in E minor, Op. 25, n. 5; Polonaise n. 1 in C-sharp minor, Op. 26 n. 1; Polonaise n. 2 in E-flat minor, Op. 26 n. 2; 24 Preludes, Op. 28; Impromptu in A-flat major, Op. 29; Scherzo n. 2 in B-flat minor, Op. 31; Sonata in B-flat minor, Op. 35; Impromptu in F-sharp major, Op. 36; Ballade n. 2 in F major, op. 38; Scherzo n. 3 in C-sharp minor, Op. 39; Polonaise n. 3 in A major, Op. 40 n. 1; Polonaise n. 4 in C minor, Op. 40 n. 2; Tarantelle, Op. 43; Polonaise n. 5 in F-sharp minor, Op. 44; Prelude in C-sharp minor, Op. 45; Ballade n. 3 in A-flat major, op. 47; Fantaisie in F minor, Op. 49; Impromptu in G-flat major, Op. 51; Ballade n. 4 in F minor, op. 52; Polonaise n. 6 in A-flat major, Op. 53 Héroique; Scherzo n. 4 in E major, Op. 54; Berceuse in D-flat major, Op. 57; Sonata in B minor, Op. 58; Barcarolle, Op. 60; Polonaise-Fantasie in A-flat major, Op. 61; Fantaisie-lmpromptu in C-sharp minor, Op. 66; Trois nouvelles études.
  • Claude Debussy: Prélude (da Suite Bergamasque); La soirée dans Grenade (da Estampes); Jardins sous la pluie (da Estampes); Masques; L'Isle joyeuse; Hommage à Rameau (da Images, I); Reflets dans l'eau (da Images, I); Poissons d'or (da Images, II); Mouvement (da Images, II); Danseuses de Delphes (da Préludes, I); La fille aux cheveux de lin (da Préludes, I); La cathédrale engloutie (da Préludes, I); Minstrels (da Préludes, I); La plus que lente; La terrasse des audiences du clair de lune (da Préludes, II); Ondine (da Préludes, II).
  • Antonín Dvořák: Piano Quintet in A major, Op. 81; Piano Quartet in E-flat major, Op. 87.
  • Manuel de Falla: Andaluza G. 37; Dance of Terror (da El amor brujo); Ritual Fire Dance (da El amor brujo); Dance of the Miller's Wife (da El sombrero de tres picos); Miller's Dance (da El sombrero de tres picos); Nights in the Gardens of Spain.
  • Gabriel Fauré: Piano Quartet in C minor, Op. 15; Nocturne in A-flat major, Op. 33, n. 3.
  • César Franck: Prélude, Choral et Fugue, M. 21; Sonata per violino e piano in A major; Symphonic Variations.
  • George Gershwin: Prelude n. 2.
  • Enrique Granados: Andaluza (da Danzas españolas, Op. 37); The Maiden and the Nightingale (Quejas o la maja y el ruiseñor, da Goyescas).
  • Edvard Grieg: Elves' Dance, Op. 12, n. 4; Folk Song, Op. 12, n. 5; Piano Concerto in A minor, Op. 16; Ballade in G minor, Op. 24; Album Leaf in C-sharp minor, Op. 28, n. 4; Berceuse, Op. 38, n. 1; Spring Dance, Op. 38, n. 5; Folk Song, Op. 38, n. 2; Butterfly, Op. 43, n. 1; Little Bird, Op. 43, n. 4; Spring Dance, Op. 47, n. 6; Shepherd Boy, Op. 54, n. 1; March of the Dwarfs, Op. 54, n. 3; At the Cradle, Op. 68, n. 5.
  • Franz Joseph Haydn: Andante with variations for piano in F minor, H. 17, n. 6.
  • Franz Liszt: Piano Concerto in E-flat major, S. 124; Consolation in D-flat major, S. 172, n. 3; Harmonies poétiques et religieuses, S. 173, n. 7 Funérailles; Sonata in B minor, S. 178; Valse-Impromptu, S. 213; Valse oubliée n. 1, S. 215; Hungarian Rhapsody n. 10 in E major, S. 244; Hungarian Rhapsody n. 12 in C-sharp minor, S. 244; Mephisto Waltz n. 1, S. 514; Liebesträume, in A-flat major, S. 541, n. 3; Widmung (da Schumann, arr. Liszt, S. 566).
  • Felix Mendelssohn: Piano Trio in D minor, Op. 49; Spinning Song, Op. 67, n. 4.
  • Darius Milhaud: Ipanema (da Saudades do Brasil, n. 5); Sumaré (da Saudades do Brasil, n. 9); Larenjeiras (da Saudades do Brasil, n. 11).
  • Federico Mompou: Cançones i dansas, n. 1 e n. 6.
  • Wolfgang Amadeus Mozart: Piano Concerto in G major, K. 453; Piano Concerto in D minor, K. 466; Piano Concerto in C major, K. 467; Piano Quartet in G minor, K. 478; Piano Concerto in A major, K. 488; Piano Concerto in C minor, K. 491; Piano Quartet in E-flat major, K. 493; Rondo in A minor, K. 511.
  • Francis Poulenc: Trois mouvements perpétuels, FP 14; Napoli, FP 40; Intermezzo for piano in D-flat major, FP 71, n. 2; Intermezzo in A-flat major, FP 118.
  • Sergej Prokof'ev: Visions fugitives, Op. 22 (selezione); March (da L'amore delle tre melarance, Op. 33).
  • Sergej Rachmaninoff: Prélude in C-sharp minor, Op. 3, n. 2; Piano Concerto n. 2 in C minor, Op. 18; Rhapsody on a theme of Paganini, Op. 43.
  • Maurice Ravel: La vallée des cloches (da Miroirs); Valses nobles et sentimentales; Piano Trio in A minor; Forlane (da Le tombeau de Couperin).
  • Anton Rubinstein: Barcarolle in G minor, Op. 50, n. 3; Barcarolle n. 4 in G major; Walse-Caprice in E-flat major.
  • Camille Saint-Saëns: Piano Concerto in G minor, Op. 22.
  • Franz Schubert: Fantasy in C major, D. 760 Wanderer; Minuetto da Sonata in G major, D. 894; Piano Trio in B-flat major, D. 898; Impromptu in G-flat major, D. 899, n. 3; Impromptu in A-flat major, D. 899, n. 4; Piano Trio n. 2, D. 929; Sonata in B-flat major, D. 960.
  • Robert Schumann: Carnaval, Op. 9; Fantasiestücke, Op. 12; Symphonic Études, Op. 13; Träumerei (da Kinderszenen), Op. 15, n. 7 Kreisleriana, Op. 16; Fantasie in C major, Op. 17; Arabeske in C major, Op. 18; Novelette in F major, Op. 21 n. 1; Novelette in D major, Op. 21 n. 2; Novelette in D major, Op. 21, n. 5; Nachtstück in F major, Op. 23, n. 4; Romance in F-sharp major, Op. 28, n. 2; Piano Quintet in E-flat major, Op. 44; Piano Concerto in A minor, Op. 54; Piano Trio in D minor, Op. 63; The Prophet Bird (da Waldszenen), Op. 82.
  • Alexander Scriabin: Nocturne for the Left-hand alone in D-flat, Op. 9, n. 2.
  • Igor' Stravinskij: Three Scenes (da Petrouchka).
  • Karol Szymanowski: Mazurka, Op. 50, n. 1; Mazurka, Op. 50, n. 2; Mazurka, Op. 50, n. 3; Mazurka, Op. 50, n. 4; Mazurka, Op. 50, n. 6; Symphonia Concertante, Op. 60.
  • Heitor Villa-Lobos: Alegria na horta, (da Suite floral), A. 117, n. 3; Branquinha (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 1); Moreninha (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 2); Caboclinha (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 3); Negrinha (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 5); A pobresinha (da A Prole do bebê, I, A. 140 n. 6); O Polichinelo (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 7); A Bruxa (da A Prole do bebê, I, A. 140, n. 8).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Statua bronzea raffigurante Rubinstein, in Ulica Piotrkowska, via principale del centro di Łódź, sua città natale

Grammy Award for Best Chamber Music Performance:

  • Pierre Fournier, Arthur Rubinstein & Henryk Szeryng for Schubert: Trios Nos. 1 in B-flat, Op. 99 and 2 in E-flat, Op. 100 (Piano Trios) (Grammy Awards of 1976)
  • Pierre Fournier, Arthur Rubinstein & Henryk Szeryng for Brahms: Trios (Complete)/Schumann: Trio No. 1 in D Minor (Grammy Awards of 1975)
  • Arthur Rubinstein for Beethoven: Sonatas No. 21 in C (Waldstein) and No. 18 in E-flat (Grammy Awards of 1960)

Grammy Award for Best Instrumental Soloist Performance (without orchestra):

  • Arthur Rubinstein for 'Beethoven: Piano Sonata No. 18 in E-flat/Schumann: Fantasiestücke, Op. 12 (Grammy Awards of 1978)
  • Arthur Rubinstein for Beethoven: Sonatas No. 21 in C (Waldstein) and No. 18 in E-flat (Grammy Awards of 1960)

Grammy Lifetime Achievement Award (1994)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze polacche[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica sorgente]

Medaglia Presidenziale della Libertà con lode - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà con lode
— 1º aprile 1976

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 15 aprile 1971[1]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 4 agosto 1979[2]
Ufficiale dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 31 maggio 1958
Grand'Ufficiale dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 9 maggio 1972
Cavaliere Commendatore Onorario dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore Onorario dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
— 1977
Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio (Spagna)
— 1963

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73859563 LCCN: n/81/125304