Birgit Nilsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Birgit Nilsson

Birgit Nilsson, pseudonimo di Birgit Märta Svensson (Västra Karup, 17 maggio 1918Bjärlöv, 25 dicembre 2005), è stata un soprano svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in una fattoria di una piccola località nella contea di Skåne (100 km a nord di Malmö), figlia unica di Nils Peter e Justine (Paulsson) Svensson, ricevette la prima educazione musicale dalla madre, che, quando aveva appena tre anni, le regalò un pianoforte giocattolo. Il talento per il canto venne notato per la prima volta quando Birgit iniziò a cantare con il coro della sua chiesa; iniziò quindi gli studi con Ragnar Blennow a Båstad e, nel 1941, con Joseph Hislop e Arne Sunnegard all'Accademia Reale di Musica di Stoccolma.

Debuttò all'Opera Reale di Stoccolma nel 1946, quando, con un preavviso di soli tre giorni, dovette sostituire la cantante che interpretava Agathe in Der Freischütz di Carl Maria von Weber. In seguito, nell'autobiografia, ricordò quella prima esperienza come molto negativa. Seguirono molti altri ruoli in opere di Strauss (Marescialla), Verdi (Aida), Wagner (Sieglinde, Senta), Puccini (Tosca), Mozart (Donna Anna) e Čajkovskij, tutti cantati in lingua svedese. Una certa notorietà in Svezia le venne dall'interpretazione della verdiana Lady Macbeth, diretta da Fritz Busch.

Birgit Nilsson nel ruolo di Lady Macbeth, Stoccolma, 1947.

Sotto le cure di Fritz Busch, la sua carriera prese il volo: grazie a lui infatti si procurò il primo ingaggio importante al di fuori della Svezia nel 1951, quando interpretò Elettra nell'Idomeneo di Mozart al Glyndebourne Festival Opera.

Nel 1953 vi fu il debutto alla Staatsoper di Vienna, dove per più di 25 anni sarebbe divenuta una presenza fissa. Quindi fu Elsa nel Lohengrin al Festival di Bayreuth del 1954 (da allora ritornerà a Bayreuth in vari ruoli fino al 1969, sempre con strepitoso successo) e Brünnhilde, per la prima volta nel ciclo completo del Ring, all'Opera di Stato bavarese e al Festival di Monaco.

Interpretò il ruolo di Turandot alla Scala di Milano nel 1958, e in seguito in vari altri teatri italiani. Affermò in proposito che la cosa di cui andava più orgogliosa era che le fosse stato accordato l'onore di cantare alla prima scaligera; dopo Maria Callas, fu la prima cantante non italiana che ebbe tale opportunità.

Debuttò negli Stati Uniti nel 1956 come Isolde nel Tristan und Isolde di Wagner all'Opera di San Francisco e tre anni dopo trionfò, nello stesso ruolo, al Metropolitan Opera di New York. Fu presente inoltre in altri importanti teatri in tutto il mondo: Berlino, Royal Opera House di Londra, Tokyo, Parigi, Buenos Aires. La sua fu una carriera molto lunga, che proseguì fino agli anni ottanta, quando cantò prevalentemente nei ruoli di Elettra e della "Moglie del tintore" in Die Frau ohne Schatten di Strauss.

Si ritirò dalle scene nel 1984, facendo ritorno nella sua terra d'origine nel sud della Svezia.

Nel 1948 aveva sposato Bertil Niklasson, allora studente di veterinaria; la coppia non ebbe figli. Nel 1977 era stata pubblicata l'autobiografia Mina minnesbilder e nel 1981 le poste svedesi avevano emesso un francobollo che la ritraeva nel ruolo di Turandot. Fra le molte conferitele, spicca la medaglia d'oro Illis Quorum, la più alta onorificenza del governo svedese.

Morì a 87 anni nella sua casa di un piccolo villaggio vicino Kristianstad.

Note vocali e artistiche[modifica | modifica wikitesto]

Birgit Nilsson si impose sulla scena musicale lasciando un'impronta caratteristica nelle opere di Richard Strauss (Salomè ed Elettra in particolare), in Turandot di Giacomo Puccini e in Wagner, di cui eseguì tutti i titoli principali guadagnandosi la reputazione di maggior interprete del suo tempo, erede della grande Kirsten Flagstad. Si esibì tuttavia, come già accennato, anche in diversi altri importanti ruoli, fra i quali Donna Anna, Leonora nel Fidelio, Aida, Lady Macbeth, Amelia, Tosca.

Sorprendeva per la potenza vocale e per il grande controllo del fiato, che, uniti a una tecnica ferrata, le consentivano di penetrare facilmente attraverso le più spesse orchestrazioni e di tenere le note più acute per tempi lunghissimi. Non fu certo tuttavia solo un fenomeno vocale, ma esibì anche notevoli doti d'interprete, ravvisabili anche in alcuni capisaldi del repertorio italiano, come le citate Aida e Tosca. Le doti di recitazione videro un costante miglioramento nel corso della carriera, fino a raggiungere un discreto livello, pur prevalendo sempre lo strapotere vocale.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Si narra che, nel pieno del fulgore vocale, un suo do sopracuto in Turandot all'Arena di Verona portò la gente fuori dal teatro a pensare ad un allarme antincendio. Il famoso soprano Leonie Rysanek, richiesta di subentrare alla Nilsson nello stesso ruolo al Metropolitan, rifiutò, spaventata dal confronto[senza fonte].

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954 con Elsa von Brabant in Lohengrin (opera) debutta alla Staatsoper di Vienna; nello stesso anno al Wiener Staatsoper è Aida e Senta in Der fliegende Holländer, nel 1956 è Donna Anna in Don Giovanni, Isolde in Tristan und Isolde, Leonore in Fidelio con Wilma Lipp, Elisabeth in Tannhäuser (opera) e Salome, nel 1957 Brünnhilde in Die Walküre con Christa Ludwig diretta da Herbert von Karajan, Turandot e Brünnhilde in Sigfrido (opera) con la Lipp diretta da Karajan, nel 1958 Tosca ed Amelia ne Un ballo in maschera con Giuseppe di Stefano, Ettore Bastianini e Giulietta Simionato, nel 1960 Brünnhilde ne Il crepuscolo degli dei con Ludwig, Lipp diretta da Karajan, nel 1965 Elettra diretta dal Dr. Karl Böhm.

Nel 1970 è Lady Macbeth, nel 1977 Sein Weib in Die Frau ohne Schatten diretta da Böhm. Complessivamente la Nilsson ha cantato in 229 rappresentazioni viennesi.

Debutta negli Stati Uniti nel 1956 in un concerto nell'Hollywood Bowl di Los Angeles. Sempre nel 1956 al Lyric Opera di Chicago è Brünnhilde in Die Walküre di Wagner, nel 1958 Turandot con Anna Moffo e Giuseppe di Stefano diretta da Tullio Serafin ed Isolde nel Tristan und Isolde, nel 1959 Amelia ne Un ballo in maschera con Tito Gobbi e canta in Der fliegende Holländer.

Nel 1956 all'Opera di San Francisco è Brünnhilde in Die Walküre, nel 1964 è Leonore in Fidelio e Turandot con Pilar Lorengar, nel 1970 è Isolde nel Tristan und Isolde, nel 1972 Brünnhilde ne Il crepuscolo degli dei e Sigfrido (opera), nel 1979 canta nel Birgit Nilsson Gala Concert e nel 1980 La moglie del tintore in Die Frau ohne Schatten.

Nel 1957 è Brünnhilde in Die Walküre, Sigfrido e ne Il crepuscolo degli dei al Royal Opera House di Londra.

Ancora al Covent Garden nel 1962 è Isolde in Tristan und Isolde, nel 1967 Turandot, nel 1969 Elettra diretta da Georg Solti e nel 1973 Leonore in Fidelio.

Nel 1959 è Isolde nel Tristan und Isolde diretta da Karl Böhm, al Metropolitan Opera di New York. Ancora al Met nel 1960 diretta da Böhm è Brünnhilde in Die Walküre e Leonore in Fidelio, nel 1961 è Elisabeth in Tannhäuser (opera) con Teresa Stratas, Turandot con Franco Corelli, Anna Moffo e Bonaldo Giaiotti, Aida e Brünnhilde ne Il crepuscolo degli dei, nel 1962 è Brünnhilde in Sigfrido e Tosca con Franco Corelli, nel 1963 è Amelia ne Un Ballo in Maschera, nel 1964 Lady Macbeth, nel 1965 Salome diretta da Böhm ed Aida, nel 1966 è Elettra, nel 1979 si esibisce nel Nilsson - Levine Concert, nel 1981 La moglie del tintore in Die Frau ohne Schatten con Eva Marton e nel 1983 fece la sua ultima apparizione in un concerto. Complessivamente la Nilsson ha partecipato ad oltre 200 rappresentazioni al Metropolitan.

Nel 1957 è Leonore-Fidelio nella ripresa nel Teatro dell'Opera di Roma di "Fidelio oder Die eheliche Liebe" di Ludwig van Beethoven.

Nel 1958 è Isolde nella ripresa nel Teatro alla Fenice di Venezia di "Tristan und Isolde" di Richard Wagner diretta da Wolfgang Sawallisch.

Al Scala di Milano nel 1958 è Brünnhilde nella prima rappresentazione di La Walchiria (anche nel 1963) con Christa Ludwig diretta da Herbert von Karajan ed interpretò poi il ruolo di Turandot con Renato Capecchi nella serata di gala per l'apertura della stagione 1958/1959 e nel 1964 con Mirella Freni, Franco Corelli e nel 1970. Ancora alla Scala nel 1959 è Isotta nella prima rappresentazione di "Tristano e Isotta" diretta da Herbert von Karajan (anche nel 1964 diretta da Lorin Maazel) e Senta nella prima rappresentazione di Il vascello fantasma; nel 1960 è Turandot con Franco Corelli (anche nel 1962), Aida nella ripresa di "Aida" di Giuseppe Verdi con Giulietta Simionato e Nicolai Ghiaurov, Leonore-Fidelio nella ripresa diretta da Karajan con Wilma Lipp, nel 1963 è Brünnhilde in Siegfried e ne Il crepuscolo degli dei, nel 1964 Lady Macbeth, nel 1967 Salome ed infine nel 1972 Elettra diretta da Wofgang Sawallisch.

Nel 1959 è Isotta nella ripresa nel Teatro dell'Opera di Roma di "Tristano e Isotta", a Edimburgo è Amelia in Un ballo in maschera e Brünnhilde ne La Walkiria e nel 1974 Elettra.

Al Grand Théâtre di Ginevra è Turandot nel 1976.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo
Ruolo
Cast Direttore Casa
1958 La fanciulla del West
Minnie
João Gibin, Andrea Mongelli Lovro von Matačić EMI
1959 Don Giovanni
Donna Anna
Cesare Siepi, Fernando Corena, Cesare Valletti, Leontyne Price Erich Leinsdorf RCA
Turandot
Turandot
Jussi Bjorling, Renata Tebaldi, Giorgio Tozzi Erich Leinsdorf RCA
1960 Tristan und Isolde
Isolde
Fritz Uhl, Regina Resnik, Tom Krause Georg Solti Decca
1960/61 Un ballo in maschera
Amelia
Carlo Bergonzi, Cornell MacNeil, Giulietta Simionato Georg Solti Decca
1961 Salomè
Salomè
Eberhard Wächter, Gerhard Stolze, Waldemar Kmentt Georg Solti Decca
Die Walküre
Sieglinde
Jon Vickers, George London, Rita Gorr Erich Leinsdorf RCA
1962 Siegfried
Brunilde
Wolfgang Windgassen, Gerhard Stolze, Joan Sutherland Georg Solti Decca
1964 Fidelio
Leonore
James McCracken, Tom Krause, Graziella Sciutti Lorin Maazel Decca
Götterdämmerung
Brunilde
Wolfgang Windgassen, Gottlob Frick, Dietrich Fischer-Dieskau Georg Solti Decca
Macbeth
Lady Macbeth
Giuseppe Taddei, Bruno Prevedi, Giovanni Foiani Thomas Schippers Decca
1965 Aida
Aida
Franco Corelli, Grace Bumbry, Mario Sereni Zubin Mehta EMI
Turandot
Turandot
Franco Corelli, Renata Scotto, Bonaldo Giaiotti Francesco Molinari-Pradelli EMI
Die Walküre
Sieglinde
James King, Régine Crespin, Christa Ludwig, Hans Hotter Georg Solti Decca
1966 Tosca
Floria Tosca
Franco Corelli, Dietrich Fischer-Dieskau Lorin Maazel Decca
Elektra
Elektra
Regina Resnik, Tom Krause, Marie Collier Georg Solti Decca
1967 Don Giovanni
Donna Anna
Dietrich Fischer-Dieskau, Walter Berry, Peter Schreier, Martina Arroyo Karl Böhm Deutsche Grammophon
1968 Der Freischütz
Agathe
Nicolai Gedda, Walter Berry Robert Heger EMI
Oberon
Reiza
Donald Grobe, Placido Domingo, Hermann Prey Rafael Kubelik Deutsche Grammophon
Tannhäuser
Venere, Elizabeth
Wolfgang Wingassen, Dietrich Fischer-Dieskau, Theo Adam Otto Gerdes Deutsche Grammophon

Video[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Birgit Nilsson, La Nilsson: My Life in Opera, University Press of New England, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51799562 LCCN: n80122960

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica