Jessye Norman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jessye Norman (Augusta, 15 settembre 1945) è un soprano e mezzosoprano statunitense. È stata associata, sin dal suo debutto, ai ruoli drammatici di Aida (Aida), Cassandra (Les Troyens), Alceste (Alceste), e Leonora (Fidelio), prima di volgere la sua attenzione all'intero repertorio della musica del XIX e XX secolo, particolarmente a quella tedesca e francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata negli Stati Uniti in una famiglia di musicisti dilettanti (madre pianista e padre cantante nel coro locale), iniziò lo studio della musica ad Augusta, passando poi alla Howard University dove si diplomò in musica nel 1967. Si perfezionò con il baritono Pierre Bernac all'Università del Michigan, passando poi al Conservatorio (Peabody Conservatory) di Baltimora. L'anno seguente vinse il Concorso internazionale di musica ARD a Monaco di Baviera. Nel 1968 fa la sua prima apparizione nel National Council Concert per il Metropolitan Opera House di New York. Fece il suo debutto nel 1969 nel ruolo di Elisabeth nel Tannhäuser all'Opera di Berlino. In seguito cantò in diversi teatri tedeschi e italiani. Nel 1972 è Aida nella replica nel Teatro alla Scala di Milano di "Aida" di Giuseppe Verdi diretta Claudio Abbado. Al Royal Opera House di Londra è Cassandra in Les Troyens nel 1972, Elisabeth in Tannhäuser nel 1973 e Primadonna in Ariadne auf Naxos con Kathleen Battle nel 1985. Tornata negli Stati Uniti nel 1973 fece il suo debutto al Lincoln Center e, dieci anni dopo, nel 1983 debutta come Cassandra in una recita de Les Troyens di Berlioz con Plácido Domingo al Metropolitan Opera, nell'ambito dei festeggiamenti per il centesimo anniversario del teatro. Nel 1984 è Jocasta in Oedipus rex (Stravinskij) e Ariadne in Ariadne auf Naxos e nel 1986 canta nel Norman - Levine Concert, nel 1987 è Elisabeth in Tannhäuser e Madame Lidoine ne I dialoghi delle Carmelitane (opera), nel 1989 è Judith in Bluebeard's Castle con Samuel Ramey e The Woman in Erwartung di Arnold Schoenberg, Sieglinde in Die Walküre con Hildegard Behrens e Christa Ludwig, nel 1991 è Kundry in Parsifal (opera) con Domingo, nel 1996 è Emilia Marty in The Makropulos Case di Leoš Janáček.

Alla Scala dopo il 1972 ha tenuto tre concerti nel 1977, uno nel 1981 ed uno nel 1987.

Nel 1978 tiene un recital al Grand Théâtre di Ginevra.

Jessye Norman viene spesso chiamata ad esibirsi in occasione di avvenimenti pubblici e cerimonie come nel caso dell'insediamento di due presidenti degli Stati Uniti nel 1985 e nel 1997, e per il sessantesimo compleanno della regina Elisabetta II. Ma l'evento più importante nel quale ha cantato è stato per la celebrazione del bicentenario della rivoluzione francese nel concerto tenuto a Place de la Concorde a Parigi, dove cantò La Marseillaise, indossando un abito dai colori della bandiera francese, disegnato dallo stilista Jean-Paul Goude.

La maggior parte della sua attività artistica è consistita in concerti e recital, piuttosto che in recite di intere opere. Il suo repertorio più importante va da Beethoven a Berg e da Berlioz a Poulenc, ma fra le sue romanze esistono anche musiche di Purcell, Haydn, Gluck, Mozart, Verdi, Bartok, Duke Ellington, e numerosi spiritual. Ha eseguito la prima del ciclo di canzoni Woman life song di Judith Weir, un'opera commissionata per lei dalla Carnegie Hall, su testi di Toni Morrison, Maya Angelou e Clarissa Pinkola Estés. La Norman ha poi inciso un album di jazz, Jessye Norman chante Michel Legrand.

Ad essa si ispira il film francese del 1981, Diva. La sua voce e la sua personalità hanno indotto i suoi fans a soprannominarla Just Enormous (gioco sonoro con il suo nome, e che significa «Enorme, grandiosa»).

Nel 1984 è Didon/Elissa nella prima rappresentazione nel Théâtre national de l'Opéra-Comique di Parigi di "Didone ed Enea" di Henry Purcell ed il governo francese le ha conferito il titolo di Commandeur de l'ordre des Arts et des Lettres.

Nel 1985 è Primadonna/Ariadne in Ariadne auf Naxos al Wiener Staatsoper.

Nel 1986 è Mulier Samaritana nella ripresa nel Großes Festspielhaus di Salisburgo della Sinfonia n. 8 (Mahler) con Christa Ludwig diretta da Lorin Maazel.

Nel 1989 canta in due recital per il San Francisco Opera.

Nello stesso anno ha ricevuto la Legion d'Onore dal presidente francese Mitterrand e nel 1990 è stata nominata Ambasciatore Onorario presso le Nazioni Unite dal Segretario Xavier Perez de Cuellar.

La sua città natale, Augusta, ha intitolato al suo nome un anfiteatro nel 1990.

Nel 1997, le è stato conferito un importante premio negli Stati Uniti nel campo delle arti dello spettacolo, il Kennedy Center Honor, risultando così come il più giovane destinatario di questo riconoscimento.

Nel 1999 la sua incisione di Castello di Barbablù con Pierre Boulez e la Chicago Symphony Orchestra ha ricevuto il Grammy Award per la migliore opera.

Nel 2006 ha vinto il premio Grammy Award alla carriera (quarto cantante d'opera).

Nel 2010 tiene un concerto a Masada registrando il tutto esaurito.

Nel 2012 tiene un concerto al Palacio de Bellas Artes di Mexico City.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Lied, melodie ecc.[modifica | modifica wikitesto]

Musica sacra[modifica | modifica wikitesto]

Sinfonia[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 110833350 LCCN: n81132078