Neil Diamond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Neil Diamond
Neil Diamond
Neil Diamond
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop
Soft rock
Folk
Country
Periodo di attività 1960 – in attività
Album pubblicati 27
Sito web

Neil Leslie Diamond, conosciuto come Neil Diamond (New York, 24 gennaio 1941), è un cantautore e compositore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Calda e possente voce, dotato di carisma scenico, fra gli anni sessanta ed ottanta ha avuto grande seguito e un corrispondente successo di vendite, non disgiunto dall'apprezzamento artistico, testimoniato da diverse celebri cover dei suoi brani più famosi. Ha raggiunto la vetta delle classifiche pop diverse volte. Nel 1984 è stato incluso nella Songwriters Hall of Fame. Tra le sue canzoni più popolari: I'm a Believer e A Little Bit Me, a Little Bit You (scritte per The Monkees), Solitary Man, I am I said, Cracklin' Rosie che nel 1970 arriva prima nella Billboard Hot 100 ed in Norvegia per cinque settimane, seconda in Australia, terza nel Regno Unito, sesta in Austria ed Olanda e settima in Germania, Song Sung Blue che arriva prima nella Billboard Hot 100 ed in Svizzera, seconda in Norvegia, terza in Olanda e sesta in Germania, Sweet Caroline, Soolaimon, Holly Holy, Cherry, Cherry, Thank the Lord for the Night Time, Beautiful noise, I Got the Feelin', Canta libre, Red Red Wine (portata al successo anche dagli UB40), You Don't Bring Me Flowers (con Barbra Streisand), And the Grass Won't Pay No Mind (reinterpretata, tra gli altri, da Elvis Presley), Desirée, Love on the Rocks, Heartlight.[1] In Italia ha avuto un successo notevole anche con il dolce e melodico brano September Morn pubblicato all'interno dell'omonimo album nel dicembre 1979 sotto etichetta Columbia Records.

Ha composto la colonna sonora per il film Il gabbiano Jonathan Livingston (Jonathan Livingston Seagull) del 1975, colonna sonora che ha ottenuto successo e incassi assai maggiori del film medesimo.

Nel 1994 ha duettato con Frank Sinatra in The House I Live In, nell'album Duets II.

Nel 2011 è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame.

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 è apparso nel ruolo di se stesso nel film Assatanata (Saving Silverman) e nel 2006 nel film Al passo con gli Stein (Keeping Up with the Steins).

Nel 1980 ha ottenuto il primo riconoscimento dei premi Razzie Awards quale peggiore attore dell'anno per la sua interpretazione in Il cantante di Jazz (The Jazz Singer). Anche in questo caso il successo della colonna sonora è però risultato enorme (dalla Enciclopedia del Rock del Gruppo Editoriale L'Espresso 2006).

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 Gianni Morandi ha portato al successo in Italia la sua canzone Solitary Man riscritta da Franco Migliacci con il titolo di Se perdo anche te, arrangiata da Ennio Morricone e contenuta nel 33 giri Gianni 4. Anche Caterina Caselli nel 1967 ha portato al successo in Italia la sua canzone I'm a believer con il titolo di Sono bugiarda. Sempre la Caselli inciderà nel 1971 la versione italiana di I am I said intitolata La casa degli angeli. "Sweet Caroline" è diventata "Ciao. Te ne vai", cover interpretata da Diego Peano nel 1969.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio
Album live
Raccolte (parziale)
  • 1968 - Neil Diamond's Greatest Hits
  • 1970 - Shilo
  • 1973 - Double Gold
  • 1973 - Rainbow
  • 1974 - His 12 Greatest Hits
  • 1982 - 12 Greatest Hits Vol. II
  • 1982 - Classics: The Early Years
  • 1992 - The Greatest Hits: 1966-1992
  • 2001 - The Essential Neil Diamond

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) http://www.allmusic.com/artist/neil-diamond-p4083/charts-awards/billboard-singles

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 3570589 LCCN: n82020006