Rafael Kubelík

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rafael Jeroným Kubelík (Býchory, 29 giugno 1914Kastanienbaum, 11 agosto 1996) è stato un compositore e direttore d'orchestra ceco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del violinista Jan Kubelik, Rafael Kubelik nacque in un territorio che all'epoca faceva parte dell'Impero Austro-Ungarico. Completò i suoi studi a Praga e nel 1948 emigrò negli Stati Uniti quando i comunisti salirono al potere con il Colpo di stato cecoslovacco del 1948. Nel 1967 si trasferì a Lucerna prendendo la cittadinanza svizzera.

Nella sua lunga carriera diresse numerose orchestre sinfoniche, tra cui l'Orchestra Filarmonica Ceca dal 1936 al 1939 e dal 1942 al 1948, la Chicago Symphony Orchestra dal 1950 al 1953, l'orchestra del Royal Opera House, Covent Garden di Londra dal 1955 al 1958 quella del Metropolitan di New York dal 1972 al 1974 e, come direttore stabile, l'Orchestra Sinfonica della Bayerischer Rundfunk dal 1961 al 1979, incarico nel quale succedette a Eugen Jochum.

Nel 1948 dirige la Royal Philharmonic Orchestra in Don Giovanni al Kings Theatre di Edimburgo per il Glyndebourne Festival Opera.

A Salisburgo dirige nel 1950, 1951, 1952, 1956, 1959, 1965, 1966 e 1971 un concerto con i Wiener Philharmoniker, nel 1955 un concerto con Wolfgang Schneiderhan, nel 1957 con la Berliner Philharmonisches Orchester e nel 1970 tre Sinfonie di Mozart, la Sinfonia n. 9 (Beethoven) e la Musica funebre massonica in Do minore K 477 con Rosalind Elias e Walter Berry.

Nel 1950 dirige la prima esecuzione assoluta nell'Orchestra Hall di Chicago dello Scherzo fantastico per pianoforte e orchestra di Ernest Bloch.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1953 dirige due concerti con Zino Francescatti, nel 1959 lo Stabat Mater (Dvořák) con Renata Scotto e Giulietta Simionato e nel 1960 Les Troyens con Mario Del Monaco, Fiorenza Cossotto, la Simionato ed Adriana Lazzarini.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra dirige nel 1955 La sposa venduta, Otello (Verdi) con Ramón Vinay e La bohème, nel 1956 Il flauto magico con Amy Shuard, La dama di picche (opera), Jenůfa di Leoš Janáček e Carmen (opera), nel 1957 I maestri cantori di Norimberga con Joan Sutherland, Les Troyens ed Aida con Fedora Barbieri e nel 1958 I dialoghi delle Carmelitane (opera) con la Sutherland, Peter Grimes (Britten), Tristan und Isolde e Boris Godunov (opera) con Boris Christoff. Al Covent Garden diresse fino al 1968 in 33 rappresentazioni.

Al Wiener Staatsoper nel 1955 dirige Aida con Leonie Rysanek.

Nel 1963 dirige la prima esecuzione assoluta nella Großes Haus della Staatsoper di Colonia della Sinfonia n. 8 di Karl Amadeus Hartmann.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 1967 dirige Don Giovanni con Fernando Corena, Josè van Dam e Graziella Sciutti.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1968 dirige l'Orchestra Sinfonica della Bayerischer Rundfunk in un concerto.

Al Metropolitan Opera House di New York debutta nel 1973 con Les Troyens con Shirley Verrett e nel 1974 Il crepuscolo degli dei con Birgit Nilsson.

Soprattutto con l'Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese e con i Berliner Philharmoniker, realizzò, tra la prima metà degli anni '60 ed il 1977, alcune tra le migliori registrazioni della sua vasta discografia tra cui spiccano il ciclo completo delle 9 sinfonie e dei poemi sinfonici di Antonin Dvorak (a tutt'oggi ancora presente nel catalogo dell'etichetta Deutsche Grammophon e considerato di riferimento per l'interpretazione di questo autore) e le 4 sinfonie di Robert Schumann. Importantissime, nell'intera storia della discografia, le sue incisioni di Ma Vlast (La mia Patria), il ciclo di sei poemi sinfonici di Bedrich Smetana, soprattutto quella realizzata per Deutsche Grammophon, con la Boston Symphony Orchestra, nel 1971; di notevole interesse anche la sua integrale delle sinfonie di Gustav Mahler pubblicata (sempre da DG) nel 1973.

Dopo la Rivoluzione di velluto del 1989 torna a Praga per fondare un festival.

Le etichette discografiche Orfeo ed Audite, viceversa, hanno pubblicato numerose registrazioni live dirette da Kubelik a Monaco di Baviera, tra cui spiccano soprattutto quelle dedicate a Beethoven (Sinfonia n. 9 e Missa Solemnis), Bruckner e Mahler.

Come compositore seguì le orme della scuola nazionale ceca, secondo un gusto tardoromantico. Compose musica sinfonica, sinfonico-corale e operistica.

Dal 1943 al 1961 è stato sposato con la violinista ceca Ludmilla Bertlová e dal 1963 è stato sposato con il soprano australiano Elsie Morison.

Opere liriche[modifica | modifica sorgente]

  • Veronika opera comica in 4 atti, libretto di Dalibor C. Faltis Vacká (1947) nel Moravské Státní Divadlo di Brno diretta dal compositore
  • Cornelia Faroli (Augusta, 1972)

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Beethoven: Symphonies No. 4, 5 & 6 - Boston Symphony Orchestra/Israel Philharmonic Orchestra/Orchestre de Paris/Rafael Kubelik, 1976 Deutsche Grammophon
  • Beethoven: Sinf. n. 7, 8, 9 - Kubelik/Donath/Berganza/Ochman, Deutsche Grammophon
  • Dvorak: Danze slave op. 46, 72 - Kubelik/Bayer. RSO, Deutsche Grammophon
  • Dvorak, Sinf. n. 1-9/Carnival/Scherzo - Kubelik/BPO/Bayer. RSO, Deutsche Grammophon
  • Dvorak: Sinf. n. 8, 9 - Kubelik/BPO, Deutsche Grammophon
  • Dvorak, Sinf. n. 9 - Kubelik/BPO, Deutsche Grammophon
  • Dvorak, Stabat Mater/Leggende - Kubelik/Mathis/Ochman, Deutsche Grammophon
  • Dvorak Smetana, Sinf. n. 9/Moldava - Kubelik/BPO/BSO, Deutsche Grammophon
  • Haendel, Mus. sull'acqua/Mus. fuochi - Kubelik/BPO, Deutsche Grammophon
  • Haydn: Cecilia-Mass, Mass in time of war, Little Organ Mass - Rafael Kubelik & Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsche Grammophon
  • Janácek: Glagolitic Mass; The Diary of One Who Disappeared - Ernst Haefliger/Rafael Kubelik/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsche Grammophon
  • Mahler, Symphony No. 1 - Dietrich Fischer-Dieskau/Rafael Kubelik/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, 1996 Deutsche Grammophon
  • Mahler, Sinf. n. 2 - Kubelik/Bayer. RSO/Mathis/Procter, 1969 Deutsche Grammophon
  • Mahler: Symphony No. 4, Lieder eines fahrenden Gesellen - Dietrich Fischer-Dieskau/Elsie Morison/Rafael Kubelik/Rudolf Koeckert/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsche Grammophon
  • Mahler, Symphony No. 8 - Rafael Kubelik & Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, 1971 Deutsche Grammophon
  • Mahler, The 10 Symphonies - Rafael Kubelik & Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsche Grammophon
  • Mendelssohn Bartholdy: A Summernight's Dream, The Hebrides - Chor des Bayerischen Rundfunks/Edith Mathis/Gabriel Chmura/London Symphony Orchestra/Rafael Kubelik/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks/Ursula Boese/Wolfgang Schubert, Deutsche Grammophon
  • Mozart, Messe K. 220, 317/Ave verum - Kubelik/Bayer. RSO, Deutsche Grammophon
  • Mozart, Symphony No. 40 and Symphony No. 41 "Jupiter" - Rafael Kubelik & Bavarian Radio Symphony Orchestra, 1981 Sony
  • Moussorgsky, Pictures At An Exhibition - Chicago Symphony Orchestra/Kubelik, 1951 Naxos Classical Archives - Grammy Hall of Fame Award 1998
  • Pfitzner, Palestrina - Chor des Bayerischen Rundfunks/Der Tolzer Knabenchor/Dietrich Fischer-Dieskau/Rafael Kubelik/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, 1989 Deutsche Grammophon
  • Schumann, Sinf. n. 1-4/Manfred/Genoveva Ouverture - Kubelik/BPO, 1963/1964 Deutsche Grammophon
  • Schumann, Conc. pf./Kinderszenen - Kempff/Kubelik/Bayer. RSO, 1971/1973 Deutsche Grammophon
  • Smetana, Mia patria - Kubelik/BSO, Deutsche Grammophon
  • Smetana, Mia patria - Kubelik/WPO, 1959 Decca
  • Smetana, Mia patria/Sposa venduta - Kubelik/Levine/BSO/WPO, Deutsche Grammophon
  • Verdi, Rigoletto - Kubelik/Fischer-D./Bergonzi/Scotto/Cossotto/Orchestra del Teatro alla Scala, 1964 Deutsche Grammophon
  • Wagner, Lohengrin - Kubelik/King/Janowitz/Jones, Deutsche Grammophon
  • Weber, Oberon - Birgit Nilsson/Plácido Domingo/Rafael Kubelik/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Deutsche Grammophon
  • Kubelik, Beethoven/Schumann/Dvorak/Mahler - The Symphony Edition, 1963/1975 Deutsche Grammophon

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze ceche[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Tomáš Garrigue Masaryk
— 1991

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica (Portogallo)
— 10 dicembre 1955

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 104150709 LCCN: n81080036