Billy Eckstine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billy Eckstine
Fotografia di Billy Eckstine
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Strumento voce

Billy Eckstine, "Mr. B.", nato William Clarence Eckstein (Pittsburgh, 8 luglio 1914Pittsburgh, 8 marzo 1993), è stato un cantante statunitense jazz.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Divenuto famoso come cantante e leader di una grande orchestra attorno alla metà degli anni 1940 ('44-'47), Eckstine, un afroamericano di nonno paterno tedesco che aveva cambiato il suo nome da Eckstein (pare, dopo che il proprietario di un locale gli aveva detto che il suo era troppo ebreo; ma si dice pure in seguito alla scoperta che un Eckstein jazzista era già famoso prima che Billy cominciasse la sua carriera) ebbe anche una grande influenza sulla musica jazz moderna, in particolare sul bebop, assumendo nelle sue orchestre molti dei più importanti esponenti di questa corrente musicale che in quegli anni si andava esprimendo solo in alcuni piccoli localini neviorchesi, dove avrebbe rischiato di spegnersi. E sul canto jazz, tanto che non c'è cantante jazz che non abbia ammesso di avere avuto in Eckstine una sorte di "faro", a partire da Nat King Cole e suo fratello Freddy, a Joe Williams e a Johnny Hartman, Earl Coleman e Al Hibbler, Arthur Prysock, ecc. fino ai giorni nostri.

Dopo aver trascoso gli anni dal 1939 al 1943 con l'orchestra di Earl Hines (una delle cinque più importanti d'America, con quelle di Ellington, Basie, Lunceford e Goodman), Eckstine, che suonava anche la chitarra, la tromba e il trombone a pistoni, debuttò senza fortuna sulla cinquantaduesima strada, a New York come "Billy X. Stine", trionfandovi poi qualche anno più tardi con il suo nome e come leader di un'orchestra che nel corso della sua esistenza, annoverò tra i propri membri l'aristocrazia del jazz contemporaneo tra cui:

Negli anni successivi Eckstine diresse un ottetto e poi lavorò come solista, divenendo un popolare cantante di ballad. La sua voce di potente baritono lo fece diventare uno dei primi cantanti afroamericani di successo presso il pubblico tradizionale della muscia leggera. Compose il blues "Jelly, Jelly", divenuto un classico, e registrò "Stormy Monday Blues" (da non confondere con il pezzo di T-Bone Walker Call It Stormy Monday (But Tuesday Is Just As Bad), del 1947) un pezzo di rhythm and blues che divenne un successo ed entrò in testa alle classifiche nel 1942.

Nel 1947 Biilly Eckstine è il primo nero a firmare un contratto (principesco) con una major, la MGM, diretta da Leonard George "Lennie" Hayton, un musicista ebreo americano, marito di Lena Horne, la quale non solo è amica di Eckstine, ma si era esibita con la sua orchestra be-bop.

Tra il 1948 e il 1953, a turno, Down Beat, Billboard e Metronome Star lo collocano al primo posto nei gusti del pubblico e della critica. Anzi, per Down Beat è al primo posto per cinque anni di filae nel 1948 si aggiudica pure la classifica Arrangiatori. A Hollywood,gli viene dedicata la stella al numero 6638 di Hollywood Blvd. Nel dicembre del 1951 - è solo il periodico afroamericano "Jet" a riportarlo: la "macchina" segregazionista e razzista era in piena azione nei suoi riguardi - Eckstine viene premiato dalla MGM per avere venduto in quell'anno ben 10 milioni di dischi relativi ad una ventina di titoli, tra cui quattro canzoni che vennero lanciate nei primissimi Trenta dal primo cantante italoamericano: Russ Colombo, morto (pare) suicida, poco più che trentenne.

Nel 1949 la prestigiosa rivista di jazz "Metronome" presentò una classifica - votanti, i lettori - il cui risultato fu commentato con sorpresa dalla rivista "Time" del 20 giugno di quell'anno: "Grande sorpresa: Billy ("Mr. B.") Eckstine è stato eletto 'Il più popolare cantante maschile di tutti i tempi' davanti a Bing Crosby."[1].

La maggior parte dei suoi successi è dovuta all'interpretazione di ballad quali "I Apologize", "Everything I have is Yours", Blue Moon, "Caravan", "Prisoner of Love"," "You Go to My Head," "The cottage for sale", "That Old Black Magic", come pure una canzone scritta da lui stesso e divenuta, nei Sessanta, un cavallo di battaglia di John Coltrane: "I want to take about you". Il suo ultimo successo (da hit parade) fu "Passing Strangers", cantata in duetto con Sarah Vaughan nel 1957.

Eckstine curava molto la sua immagine ed era un iniziatore di mode e tendenze, che inventò (e brevettò col nome di "Mr B. collar": Mr. B era il suo soprannome) un colletto per camicie che formava una B sopra una cravatta annodata alla Windsor: oltre al fattore estetico, il colletto era elastico e permetteva al collo di Mr. B di espandersi quando suonava la tromba senza dovere sbottonare il colletto. Il "Mr B. Collar" divenne un oggetto di moda tra molti hipster negli anni quaranta e anni cinquanta.

Nella sua autobiografia, Miles Davis ricorda Eckstine come una persona di carattere, molto decisa e costantemente circondato di bellissime donne. Ma soprattutto dice che grazie all'ascolto di quella orchestra, ha deciso di dedicarsi al jazz: "Suonavano 'roba' - scrive Davis - mai sentita prima, che ti faceva ballare le budella"...

Eckstine non registrò moltissimi album: come affermò Quincy Jones, "se Billy fosse stato un bianco, il cielo non gli sarebbe stato un limite". Mr.B infatti fu un grande combattente per i diritti civili e umani dei Neri in un'America fortemente razzista e segregazionista. È questo anche il motivo per cui non ebbe mai spazio alla televisione, se non come saltuario ospite di grandi conduttori, nel cinema e a Broadway. Tant'è che dagli anni sessanta Billy Eckstine trascorrerà il grosso del proprio tempo professionale a Las Vegas (invero, con guadagni favolosi) e in fortunate tournée in America, Europa (in Francia l'allora ministro della Cultura Jack Lang lo premierà per meriti artistici) e Giappone.

Riuscì comunque ad incidere con le principali orchestre americane e con i migliori arrangiatori (Mancini, Rugolo, Riddle, Hal Mooney) in ambito pop e anche jazz: Count Basie (che nei primi anni cinquanta aiutò a rimettere in piedi una big band), Woody Herman, Quincy Jones, Billy May. Con l'amico Duke Ellington, che all'epoca della B.E.Orchestra ogni tanto vi si esibiva al piano, non inciderà mai neppure un disco, in compenso assieme faranno tour nel Pacifico e concerti di musica sacra (scritta dal Duca). E sempre con grandi case discografiche: MGM, Mercury, Emercy, Roulette Jazz Records, quindi Motown, Stax...

Nel decennio a cavallo dei Sessanta/Settanta, Eckstine si lega alla Motown e alla Stax - label prettamente "colored" e non di rado vi lavora con i singoli ed i gruppi più o meno emergenti, come i Four Tops e Isaac Hines e Steve Wonde.

Il suo ultimo album inciso è stato "Billy Eckstine sings with Benny Carter" (l'ultraottantenne sassofonista, che qui suona anche la tromba), del 1986, con la direzione del pianista Bobby Tucker: il CD contiene anche due duetti di Mr.B con Helen Merryll, coproduttrice dell'album: l'anno successivo farà parte della cinquina dei candidati al Grammy, mentre il Carter riceverà il premio alla carriera. Nota oltremodo curiosa: in questo disco Eckstine inciderà per la prima volta, nella sua cinquantennale carriera, brani che peraltro non ha mai smesso di cantare nei concerti, come "Summertime", "My Funny Valentine", "Over the Raimbow", "Le foglie morte"... Ma l'ultimo CD ad uscire sul mercato, nel 1988, è stato "I am a singer" (dal titolo di una canzone che rappresenta un po' il suo percorso di vita e artistico), inciso quattro anni prima: nel 1984. Anche in questo caso il CD contiene delle novità assolute rispetto alla "storia" di Mr.B, tra cui "The shadow of your smile". È questo un album di ballad arrangiate e dirette da Angelo DiPippo in cui appare anche l'armonicista Toots Thielemans.

Tra le ultime grandi apparizioni di Eckstine, si segnala la Festa di compleanno del centesimo anno di età di Irving Berlin alla Carnagie Hall di New York ("Irving Berlin 100th Birthday Celebration: 5/11/1988"). Insieme a lui ci sono Frank Sinatra e Joe Williams, Bob Hope Tony Bennett, Ray Charles e Rosemary Clooney, il folksinger Willi Nelson e la cantante lirica Marylin Horne, il violinista Isaac Stern e il giornalista Walter Cronkite. Altro grande appuntamento a cui non manca, né avrebbe mai potuto mancare: l'omaggio a Sarah Vaughn a un anno dalla scomparsa della cantante, peraltro da lui scoperta e lanciata.

Muore nel 1993 per un attacco di cuore, dopo averne subito già uno in precedenza, a causa della scomparsa di Sarah Vaughn di cui era stato scopritore, amico e mentore: Nel corso di un concerto tenutosi all'Apollo nel 1985, così la Vaughn lo presentò: "Signori, il mio amico, mio padre, il mio sangue... Billy Eckstine!". Da sottolineare che nel quadriennio 1989-1993 Mr.B perse oltre alla Divina Sarah, ben quattro grandi amici ed ex orchestrali: Miles Davis, Dexter Gordon, Art Blakey e Dizzy Gillespie. Eckstine ha lasciato sette figli, di cui sei musicisti. Tra costoro, la cantante Gina e il produttore e Premio Grammy (2008) per il disco di Herby Hancock. Infine, il primogenito Ed è da vent'anni ai vertici della Emercy.

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Earl Hines & His Orchestra, with vocals by Billy Eckstine, 1942
  • Billy Eckstine Orchestra, 1945
  • Mister B And The Band - The Savoy Sessions (2 Recordings date from 1945 to '47)
  • Everything I Have Is Yours/The Best Of … 1950
  • The Metronome All Stars 1954
  • Billy Eckstine-Sarah Vaughn Irving Berlin Songbook 1957
  • Billy's Best 1958
  • Billy Eckstine's Imagination 1958
  • No Cover No Minimum 1960
  • Billy Eckstine & Count Basie Inc 1960
  • Once More With Feeling 1960
  • At Basin Street East 1961
  • Now Singing In 12 Great Movies 1962
  • Don't Worry 'bout Me 1962
  • The Motown Years 1966 (3 Album)
  • Stormy/Feel The Warm 1971
  • Senior Soul/If She Walked Into My Life 1972
  • Everything I Have Is Yours: Best Of... 1985 (3 Album)
  • Billy Eckstine Sings With Benny Carter 1986
  • I Am a Singer 1987
  • Verve Jazz Masters 22 1994
  • The Swinging Mr. B 1995
  • The Magnificent Mr. B 1996
  • Mr. B & The Bebop Band 1996
  • Mr. B (Ember) 1998
  • That Old Black Magic 1999
  • Cocktail Hour 2001
  • The Cool Mr. B 2001
  • Complete Savoy Recordings 2001
  • The Legendary Big Band 2002
  • Now Singing In 12 Great Movies 2002
  • Love Songs 2004
  • Jukebox Hits 1943-1953 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Biggest surprise: Billy ("Mr. B.") Eckstine (TIME, June 20) was voted "greatest popular male singer of all time," just a iump ahead of Bing Crosby" articolo di Time Magazine

Controllo di autorità VIAF: 5117429 LCCN: n92059679