Nikolaus Harnoncourt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nikolaus Harnoncourt nome completo Johann Nicolaus Graf[1] de la Fontaine und d'Harnoncourt-Unverzagt (Berlino, 6 dicembre 1929) è un direttore d'orchestra, violoncellista, gambista e musicologo austriaco, molto noto per le sue esecuzioni accurate da un punto di vista della pratica esecutiva storica della musica dell'era classica e precedente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Harnoncourt nacque a Berlino, ma visse la sua giovinezza a Graz e studiò a Vienna. Sua madre Ladislaja Gräfin von Meran, Freiin von Brandhoven, era la nipote dell'Arciduca Giovanni di Stiria. Suo padre Eberhard de la Fontaine Graf d'Harnoncourt-Unverzagt aveva studiato ingegneria e lavorava a Berlino. Dal suo primo matrimonio aveva avuto due figli. Due anni dopo la nascita di Nikolaus, nacque suo fratello Philipp Harnoncourt. La famiglia si trasferì a Graz, dove il padre ebbe un lavoro negli uffici governativi (Landesregierung) della Stiria.

Divenuto violoncellista entrò nell'Orchestra Sinfonica di Vienna dove suonava anche sua moglie. Nel 1953, assieme alla moglie Alice Hoffelner, fondò il Concentus Musicus Wien. Il gruppo si occupò dell'esecuzione di musica rinascimentale e barocca su strumenti dell'epoca e applicando una lettura filologica alle musiche interpretate. Alla fine degli anni anni settanta il suo lavoro con tale gruppo lo aveva reso famoso in tutto il mondo.

In seguito si è esibito con molte altre orchestre utilizzando strumenti moderni, ma sempre con un occhio all'inquadramento storico in termini di tempi, dinamica e così via. Ha anche incrementato il suo repertorio, continuando a suonare le opere barocche che lo avevano reso famoso, ma anche dedicandosi al repertorio dell'operetta viennese. Negli ultimi anni, si è dedicato all'incisione delle sinfonie di Beethoven con la Chamber Orchestra of Europe.

Nel 1967 dirige i Concentus Musicus Wien nella colonna sonora del film Cronaca di Anna Magdalena Bach.

Nel 1971, Harnoncourt ha iniziato un progetto congiunto con il direttore d'orchestra Gustav Leonhardt per incidere tutte le cantate di Johann Sebastian Bach. Il progetto giunse a termine nel 1990. Con l'eccezione di un paio di cantate (la numero 51 e la numero 199) è stato il primo e finora l'unico ciclo di cantate ad utilizzare coro e solisti composti di sole voci maschili.

Nel 1971 debutta al Theater an der Wien con Il ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi.

Nel 1972 ha diretto la prima rappresentazione di Il ritorno di Ulisse in patria alla Piccola Scala e nel 1978 ha diretto le riprese nel Teatro alla Scala di Milano ed a Edimburgo di "L'Orfeo", di "L'incoronazione di Poppea" e di "Il ritorno di Ulisse in patria" di Monteverdi. Dal 1975 al 1979 ha diretto all'Opernhaus Zürich le stesse tre opere di Monteverdi.

Diresse le prime rappresentazioni di Lucio Silla (Mozart) con Edita Gruberová nell'Opernhaus Zürich nel 1980 e nel Theater an der Wien anche con Frederica von Stade nel 1981.

Al Wiener Staatsoper ha diretto Idomeneo (opera) nel 1987, Die Zauberflöte con Hermann Prey e Luciana Serra nel 1988, Die Entführung aus dem Serail e Così fan tutte con Rolando Panerai nel 1989.

Nel 1989 ha diretto la prima esecuzione assoluta nel Concertgebouw di Amsterdam di "Rendering" di Luciano Berio.

All'Opera di Zurigo dirige la messa in scena di: Fidelio, 1992; Der Freischütz, 1993; La Belle Hélène, 1994; Aida, 1997; Die Fledermaus, 2000 ed Armida, 2003.

Nel 1994 vince il Polar Music Prize.

Nell'ottobre 2000 Harnoncourt è stato designato direttore ospite onorario della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam[2]- Nel 2001 la registrazione della Passione secondo Matteo di Bach diretta da Harnoncourt fu pubblicata con ampi riconoscimenti della critica e gli è valso un Grammy Award. La confezione includeva tra l'altro l'intera partitura dell'opera nella versione autografa di Bach su un CD-ROM.

Nel 2001 e nel 2003 dirige il Concerto di Capodanno di Vienna in mondovisione.

Nel 2012 dirige lo Stabat Mater (Dvořák) ed un concerto a Graz e Die Zauberflöte al Festival di Salisburgo.

Un tratto peculiare che caratterizza l'attività artistica di Harnoncourt, in questi ultimi anni, consiste nella scelta di affrontare il repertorio classico e romantico con gli strumenti d'epoca del Concentus Musicus, che viene concepito, quindi, come vera e propria orchestra piuttosto che come "ensemble" tipicamente barocco. Di qui una nuova interprertazione, con strumenti originali, delle ultime sinfonie e dei capolavori operistici di Mozart, nonché delle sinfonie di Beethoven.

Harnoncourt è autore di diversi saggi relativi il suo lavoro di interprete-musicologo.

CD parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Bach, Matthäus-Passion - Concentus Musicus Wien/Nikolaus Harnoncourt, 2001 Teldec
  • Bartók: Music for Strings, Percussions and Celeste - Nikolaus Harnoncourt/Chamber Orchestra of Europe, 2004 SONY BMG/RCA
  • Brahms: Ein Deutsches Requiem, Op. 45 - Nikolaus Harnoncourt, 2010 Sony/RCA
  • Bruckner, Symphony No. 5 - Nikolaus Harnoncourt/Wiener Philharmoniker, 2004 BMG Ariola/RCA
  • Gershwin, Porgy & Bess - Nikolaus Harnoncourt/Chamber Orchestra of Europe, 2009 Sony
  • Haydn, Symphonies Nos 45 & 60 - Nikolaus Harnoncourt, 1990 Teldec
  • Haydn, Sinfonien Nr. 82 & 83 - Nikolaus Harnoncourt/Concentus Musicus Wien, 2005 Sony
  • Haydn, Die Jahreszeiten (The Seasons) - Nikolaus Harnoncourt/Concentus Musicus Wien, 2008 SONY BMG
  • Haydn, Orlando Paladino - Concentus Musicus Wien/Nikolaus Harnoncourt, 2006 SONY BMG
  • Monteverdi, L'Orfeo - Concentus Musicus Wien/Nikolaus Harnoncourt/Rotraud Hansmann/Cathy Berberian/Lajos Kozma/Kurt Equiluz/Max van Egmond/Nikolaus Harnoncourt/Concentus musicus Wien, 1968 Teldec
  • Mozart, Conc. per vl. n. 1-5/Sinf. conc. - Kremer/Harnoncourt/WPO, Deutsche Grammophon
  • Mozart: Requiem, K. 626 - Nikolaus Harnoncourt/Arnold Schoenberg Chor/Concentus Musicus Wien, 2004 Sony
  • Mozart, Le Nozze di Figaro - Anna Netrebko/Wiener Philharmoniker/Nikolaus Harnoncourt, 2007 Deutsche Grammophon
  • Mozart: Zaide (Das Serail), KV 344 - Concentus Musicus Wien/Diana Damrau/Michael Schade/Nikolaus Harnoncourt/Tobias Moretti, 2006 SONY BMG
  • Mozart: Sinfonia Concertante K. 364, Violin Concerto No. 1 - Nikolaus Harnoncourt/Wiener Philharmoniker, 1984 Deutsche Grammophon
  • Mozart, Early Symphonies Vol. 2 - Nikolaus Harnoncourt/Concentus Musicus Wien, 2006 SONY BMG
  • Mozart, Piano Concertos Nos. 23 & 25 - Nikolaus Harnoncourt/Rudolf Buchbinder/Concentus Musicus Wien, 2012 Sony
  • Schumann, Das Paradies Und Die Peri - Nikolaus Harnoncourt/Bernarda Fink/Chor des Bayerischen Rundfunks/Christian Gerhaher/Christoph Strehl/Dorothea Röschmann/Malin Hartelius/Rebecca Martin/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks/Werner Güra, 2008 SONY BMG/RCA
  • Verdi, Aida - Nikolaus Harnoncourt/Wiener Philharmoniker, 2001 TELDEC
  • Neujahrskonzert 2001, Wiener Philharmoniker - Johann Strauß, Joseph Lanner e Josef Strauss - Teldec (Warner) - prima posizione nella classifica in Austria
  • Neujahrskonzert 2003, Wiener Philharmoniker - Deutsche Grammophon - prima posizione nella classifica in Austria
  • Walzer Revolution - Nikolaus Harnoncourt/Concentus Musicus Wien, 2012 Sony

DVD & BLU-RAY parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Bach, Conc. brand. n. 1-6/Cant. BWV 211/Conc. per oboe/Suite n.3 - Harnoncourt/Schreier/Holl/Concentus Musicus Wien, 1982/1984 Deutsche Grammophon
  • Bach, Oratorio di Natale - Harnoncourt/Schreier/Holl, 1981 Deutsche Grammophon
  • Bach, Passione Giovanni - Harnoncourt/Equiluz/Moser, 1985 Deutsche Grammophon
  • Monteverdi, Incoronazione di Poppea - Harnoncourt/Yakar/Tappy, regia Jean-Pierre Ponnelle 1978 Deutsche Grammophon
  • Monteverdi, Orfeo - Harnoncourt/Huttenlocher/Linos, regia Jean-Pierre Ponnelle 1978 Deutsche Grammophon
  • Mozart, Conc. per vl. n. 1-5/Sinf. conc. K.364 - Kremer/Harnoncourt/Kaskashian, 1983/1987 Deutsche Grammophon
  • Mozart, Così fan tutte - Harnoncourt/Gruberova/Stratas, regia Jean-Pierre Ponnelle 1988 Decca
  • Mozart, Flauto magico - Harnoncourt/Salminen/Strehl, regia Martin Kusej 2007 Deutsche Grammophon

Premi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ il titolo tedesco Graf è un titolo nobiliare, traducibile in genere con Conte.
  2. ^ Harnoncourt nel sito della Royal Concertgebouw Orchestra

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nikolaus Harnoncourt, Reinhard G. Pauly, The Musical Dialogue: Thoughts on Monteverdi, Bach, and Mozart, Portland, Amadeus Press, 1997, ISBN 1-57467-023-9.
  • Nikolaus Harnoncourt, Reinhard G. Pauly, Baroque Music Today: Music As Speech, Portland, Amadeus Press, 1988, ISBN 978-0-931340-91-8.
  • Nikolaus Harnoncourt, Musik als Klangrede: Wege zu einem neuen, Salisburgo, Residenz Verlag, 1983, ISBN 978-3-7017-0315-9.
  • Nikolaus Harnoncourt, Die Macht der Musik: Zwei Reden, Salisburgo, Residenz Verlag, 1993, ISBN 978-3-7017-0827-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 42025397 LCCN: n81084038