Ein deutsches Requiem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Requiem tedesco
JBrahms.jpg
l'autore Johannes Brahms
Compositore Johannes Brahms
Numero d'opera Op. 45
Epoca di composizione 1865-1868
Durata media 70-80 min.
Organico

soprano e baritono soli, coro, orchestra - versione "di Londra" con pianoforte a quattro mani.

Ein deutsches Requiem (noto in Italia come Requiem tedesco) è un'opera sacra di Johannes Brahms. Completato nel 1868, è un lavoro sinfonico corale polifonico. Rese noto il compositore tedesco, allora trentacinquenne.

Concetto[modifica | modifica sorgente]

Non si tratta di un requiem in senso propriamente liturgico, e non ha una diretta relazione con le messe funebri in latino come quelle di Mozart o Verdi. Si tratta infatti di un'opera concepita essenzialmente per le rappresentazioni concertistiche. Questa funzione si rispecchia indirettamente nel testo, che è di forma abbastanza libera. Brahms stesso compose un libretto traendolo dalla Bibbia in tedesco nella versione di Martin Lutero. Il concetto di fondo portato avanti da Brahms era comunque di natura più filosofica che politica: le persone cui portare aiuto e consolazione non erano i morti, ma i vivi. [1] Il tono di pace e consolazione, peraltro, è chiaramente percepibile sin dalle prime battute dell'opera e rimane tale anche nell'ultimo brano, il quale riecheggia il primo numero e porta a compimento, in maniera quasi ciclica, il lavoro.

Genesi[modifica | modifica sorgente]

La morte della madre, nel febbraio del 1865 (alla cui memoria il compositore ha dedicato l'opera[2]) diede la spinta decisiva per la composizione. Brahms compose sei movimenti entro la fine dell'estate 1866[3].

I primi tre movimenti furono eseguiti il I dicembre 1867 a Vienna sotto la direzione di Johannes Herbeck e la prima suscitò reazioni contrastanti; la serie completa dei 6 movimenti ebbe la prima nella cattedrale di Brema, il Venerdì Santo del 1868: il successo che riscosse produsse una svolta decisiva nella carriera di Brahms[4].

Il brano per soprano solo e coro «Ihr habt nun Traurigkeit» fu aggiunto dal compositore in un secondo momento e l'opera fu finalmente rappresentata nella sua attuale forma completa alla Gewandhaus di Lipsia il 18 febbraio 1869.

Movimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. Coro - „Selig sind, die da Leid tragen“ (Moderatamente lento con espressione)
  2. Coro - „Denn alles Fleisch, es ist wie Gras“ (Allegro non troppo)
  3. Baritono solo e coro - „Herr, lehre doch mich“ (Andante moderato)
  4. Coro - „Wie lieblich sind deine Wohnungen“ (Moderatamente mosso)
  5. Soprano solo e coro - „Ihr habt nun Traurigkeit“
  6. Baritono solo e coro - „Denn wir haben hie keine bleibende Statt“ (Andante, vivace, allegro)
  7. Coro - „Selig sind die Toten“ (Solenne)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Steinberg, 70.
  2. ^ Francesco Bussi, Requiem, in Enciclopedia della Musica Rizzoli - Ricordi, Milano, Rizzoli, 1972, vol. V, p. 198
  3. ^ (EN) George S. Bozarth, Brahms, Johannes, in The new Grove Dictionary of Music and Musicians, 2a ed., Stanley Sadie, 2001. L'ipotesi secondo la quale già dalla morte dell'amico Robert Schumann, avvenuta nel 1856, Brahms avesse concepito Requiem, o che addirittura ne avesse già composto delle parti, non ha finora trovato alcuna conferma.
  4. ^ Steinberg, 68-69.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Michael Musgrave, Brahms: A German Requiem, Cambridge Music Handbooks, Cambridge, Cambridge University Press, 1996.
  • (EN) Michael Steinberg, Johannes Brahms: A German Requiem on Words from Holy Scripture, op. 45, Choral Masterworks: A Listener's Guide, Oxford, Oxford University Press, 2005, 68-74.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

  1. Coro: „Selig sind, die da Leid tragen“
  2. Coro: „Denn alles Fleisch, es ist wie Gras“
  3. Baritono solo e coro: „Herr, lehre doch mich“
  4. Coro: „Wie lieblich sind deine Wohnungen“
  5. Soprano solo e coro: „Ihr habt nun Traurigkeit“
  6. Bariton0 solo e coro: „Denn wir haben hie keine bleibende Statt“
  7. Chor: „Selig sind die Toten“

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica