Hildegard Behrens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hildegard Behrens (Varel, 9 febbraio 1937Tokyo, 18 agosto 2009) è stata un soprano tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Behrens è nata a Varel, in Germania nel 1937 e si è laureata all'Università di Friburgo in Brisgovia come avvocato prima di studiare come cantante, con Ines Leuwen all'Academy Of Music di Friburgo in Brisgovia. Il suo debutto è stato come la Contessa ne Le nozze di Figaro a Friburgo nel 1971 e l'anno successivo divenne un membro della Deutsche Oper Berlin.

Al Metropolitan Opera di New York debutta il 15 ottobre 1976 come Giorgetta ne Il tabarro con Gianfranco Cecchele, Cornell MacNeil, Jean Kraft ed Italo Tajo diretta da James Levine, nel 1978 è Leonore in Fidelio con Arleen Auger diretta da Karl Böhm, nel 1982 Elettra in Idomeneo (opera) con Luciano Pavarotti, Ileana Cotrubas e Frederica von Stade diretta da Levine, nel 1983 Sieglinde in Die Walküre con Gwyneth Jones ed Isolde in Tristan und Isolde con Tatiana Troyanos diretta da Levine, nel 1984 Donna Anna in Don Giovanni (opera), nel 1985 Marie in Wozzeck, Tosca (opera) con Plácido Domingo diretta da Giuseppe Sinopoli e Santuzza in Cavalleria rusticana (opera), nel 1988 Brünnhilde in Sigfrido (opera) e ne Il crepuscolo degli dei con Christa Ludwig, nel 1990 Salomè (opera) diretta da James Conlon, nel 1992 Senta in Der fliegende Holländer ed Elettra (Strauss) con Leonie Rysanek. Complessivamente ella prese parte a 171 rappresentazioni al Met fino al 1999.

Ha iniziato la sua carriera musicale cantando piccoli ruoli alla Deutsche Oper am Rhein di Düsseldorf, dove rimase per sei anni durante i quali ha raggiunto ruoli più grandi. Poi, nella stagione 1975-1976, durante le prove Wozzeck, fu "scoperta" da Herbert von Karajan, che era allora alla ricerca della sua nuova protagonista di Salomè ed è stata convocata a Berlino per un provino per il ruolo. A Karajan è piaciuta e la invitò a cantare il ruolo al Festival di Salisburgo del 1977 con Agnes Baltsa e José van Dam. Nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo nel 1979 è Ariadne/Primadonna nella ripresa di "Ariadne auf Naxos" diretta da Böhm con Edita Gruberová e Walter Berry, nel 1996 canta in una nuova produzione di Elektra con la Rysanek diretta da Lorin Maazel, nel 1999 tiene un recital e canta nella première di "Cronaca del luogo" di Luciano Berio e debutta come Kostelnicka nella Jenufa di Janacek con Karita Mattila diretta da John Eliot Gardiner nel 2001.

All'Edinburgh International Festival nel 1978 è Káterina Kabanová in Kát'a Kabanová.

Al Royal Opera House di Londra nel 1979 debutta come Salomè diretta da Zubin Mehta, nel 1991 è Floria Tosca con Neil Shicoff e Samuel Ramey, nel 1997 Elettra (Strauss) diretta da Christian Thielemann e nel 1998 Brünnhilde in Die Walküre diretta da Bernard Haitink.

Al Bayreuther Festspiele nel 1983 è Brünnhilde in Die Walküre con Siegfried Jerusalem diretta da Sir Georg Solti, ne Il crepuscolo degli dei ed in Sigfrido fino al 1986.

Al Wiener Staatsoper nel 1985 debutta come Leonore in Fidelio, nel 1987 Salomè e Marie in Wozzeck diretta da Claudio Abbado, nel 1988 Brünnhilde in Die Walküre, nel 1990 Elettra (Strauss), nel 1991 Isolde in Tristan und Isolde e Floria Tosca con Domingo, Sherrill Milnes diretta da Fabio Luisi, nel 1993 Brünnhilde in Siegfried e ne Il crepuscolo degli dei. Complessivamente la Behrens ha cantato in 81 rappresentazioni viennesi fino al 2001.

Nel 1987 è Vérité nella prima rappresentazione ridotta in concerto nella Salle Pleyel di Parigi di "Guercœur" di Albéric Magnard.

Al San Francisco Opera nel 1990 è Brünnhilde in Die Walküre con Helga Dernesch e ne Il crepuscolo degli dei ed in Sigfrido, nel 1992 Leonore in Fidelio e nel 1999 Marie in Wozzeck.

Nel 1996 è Isolde nell'inaugurazione del nuovo Prinzregententheater di Monaco con la ripresa di "Tristan und Isolde".

Nel 1997 si esibisce nella Salome alla Houston Grand Opera e nell' Elektra alla Deutsche Oper Berlin.

La Behrens è stata destinataria di numerosi premi - tra i quali i più alti onori civili dalla Repubblica Federale di Germania (Bundesverdienstkreuz od Ordine al merito di Germania) e dallo stato della Baviera (la Bayerischer Verdienstorden) ed i titoli di Bayerische Kammersängerin e Österreichische Kammersängerin elargiti dal Bavarian State Opera e dal Teatro dell'Opera di Vienna. Nel 1998 ha ricevuto più prestigioso premio musicale della Danimarca Leonie Sonning e nel 1999 il Teatro dell'Opera di Vienna l'ha onorata con il Lotte Lehmann Ring lasciato in eredità a lei dopo il compianto soprano drammatico Leonie Rysanek.

Hildegard Behrens è morta per un improvviso Aneurisma aortico a 72 anni nell'ospedale di Tokyo, in Giappone, dove aveva frequentato il Kusatsu International Summer Music Fest.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Berlioz: Les Nuits d'été; Ravel: Shéherazade; Debussy: La damoiselle élue - Hildegard Behrens & Elly Ameling, Philips/Decca
  • Strauss, R., Donna senz'ombra - Solti/Domingo/Varady/Van Dam, 1991 Decca - Grammy Award for Best Opera Recording 1993
  • Strauss, R., Elektra - Boston Symphony Orchestra/Hildegard Behrens/Seiji Ozawa, 1989 Decca
  • Wagner, Olandese volante - Dohnanyi/Hale/Behrens/Rydl, 1991 Decca
  • Wagner, Tristan und Isolde - Hildegard Behrens/Leonard Bernstein/Peter Hofmann/Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, 1993 Philips
  • Wagner, Die Walküre - Kurt Moll/Gary Lakes/Metropolitan Opera Orchestra/Jessye Norman/James Levine/Hildegard Behrens, 2011 Deutsche Grammophon

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Puccini, Tosca (reg. Zeffirelli, live MET) - Sinopoli/Domingo/Behrens, regia Franco Zeffirelli 1985 Deutsche Grammophon
  • Wagner, Crepuscolo degli dei - Levine/MET/Jerusalem/Behrens, Deutsche Grammophon
  • Wagner, Götterdämmerung - Levine/Behrens/Goldberg, 1989 Deutsche Grammophon - Grammy Award for Best Opera Recording 1992
  • Wagner, Sigfrido - Levine/MET/Jerusalem/Behrens, 1990 Deutsche Grammophon
  • Wagner, Walkiria - Levine/MET/Behrens/Norman/Moll, 1988 Deutsche Grammophon - Grammy Award for Best Opera Recording 1990