Aida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Aida (disambigua).
Aida
Arena di Verona AIDA von Giuseppe Verdi.jpg
Aida, arena di Verona; 29 giugno 2006
Lingua originale italiano
Genere opera drammatica
Musica Giuseppe Verdi
(spartito online)
Libretto Antonio Ghislanzoni
(libretto online)
Fonti letterarie Auguste Mariette (originale)
Atti quattro
Prima rappr. 24 dicembre 1871
Teatro Teatro khediviale dell'Opera, Il Cairo
Prima rappr. italiana 8 febbraio 1872
Teatro Milano, Teatro alla Scala
Personaggi
  • Aida, principessa etiope (soprano)
  • Radamès, capitano delle Guardie (tenore)
  • Amneris, figlia del Faraone (mezzosoprano)
  • Amonasro, Re dell'Etiopia e padre di Aida (baritono)
  • Ramfis, Gran Sacerdote (basso)
  • Il Re d'Egitto, padre di Amneris (basso)
  • Una sacerdotessa (soprano)
  • Un messaggero (tenore)
  • Sacerdoti, sacerdotesse, ministri, capitani, soldati, ufficiali, schiavi e prigionieri etiopi, popolo egizio (coro)
Autografo Archivio Storico Ricordi, Milano
« Celeste Aida,
forma divina,
mistico serto di luce e fior »
(Radamès, atto I)

Aida è un'opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Antonio Ghislanzoni, basata su un soggetto originale di Auguste Mariette. Isma'il Pascià, Chedivè d'Egitto, commissionò un inno a Verdi per celebrare l'apertura del Canale di Suez (1868) nel 1870, offrendo un compenso di 80.000 franchi, ma Verdi rifiutò, dicendo che non scriveva musica d'occasione[1]. Invece, quando venne l'invito a comporre un'opera per l'inaugurazione del nuovo teatro de Il Cairo, accettò. La prima dell'opera fu ritardata a causa della guerra franco-prussiana, dato che i costumi e le scene erano a Parigi sotto assedio. Il teatro del Cairo s'inaugurò invece con Rigoletto. Quando finalmente la prima di Aida ebbe luogo, l'opera ottenne un enorme successo e ancora oggi continua ad essere una delle opere liriche più famose.

La prima rappresentazione in assoluto al mondo avvenne quindi al Teatro khediviale dell'Opera del Cairo, in Egitto, il 24 dicembre 1871, diretta da Giovanni Bottesini. Per l'anteprima italiana sotto la sua diretta supervisione, Verdi scrisse una ouverture, che però alla fine non venne eseguita per un ripensamento dell'autore, che preferì lasciare il breve preludio scritto per la première del Cairo, più organico ed efficace.

Gli interpreti e gli artisti coinvolti nel debutto furono i seguenti[2] (nella terza colonna gli interpreti della prima europea, l'8 febbraio 1872 al Teatro alla Scala di Milano[3]):

Cast della prima[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Interprete
(Il Cairo)
Interprete
(Milano)
Registro vocale
Aida Antonietta Anastasi Pozzoni Teresa Stolz soprano
Il Re Tommaso Costa Paride Pavoleri basso
Amneris Eleonora Grossi Maria Waldmann mezzosoprano
Radames Pietro Mongini Giuseppe Fancelli tenore
Amonasro Francesco Steller Francesco Pandolfini baritono
Ramfis Paolo Medini Ormondo Maini basso
Un Messaggero Luigi Stecchi-Bottardi Luigi Vistarini tenore
Grande Sacerdotessa Marietta Allievi
Scene Edouard Despléchin
Jean-Baptiste Lavastre
Auguste Rubé
Philippe Chaperon,
su bozzetti di Auguste Mariette
Costumi Henri de Montaut,
con supervisione di Auguste Mariette
Coreografia Alexandre Simon Henri Fuchs
Direttore di scena Carlo d'Ormeville
Maestro del coro G. Devasini
Direttore d'orchestra Giovanni Bottesini Franco Faccio

Al Teatro Regio di Parma va in scena il 20 aprile 1872, al Teatro di San Carlo di Napoli il 30 marzo 1873, al Teatro Regio di Torino il 26 dicembre 1874, al Teatro Comunale di Bologna il 30 settembre 1877, al Gran Teatro La Fenice di Venezia l'11 settembre 1881 con Gottardo Aldighieri diretta da Franco Faccio ed al Teatro Costanzi/Teatro dell'Opera di Roma l'8 ottobre 1881.

In Argentina debutta il 4 ottobre 1873 al Teatro Colón di Buenos Aires.

Negli Stati Uniti debutta il 26 novembre 1873 all'Academy of Music di New York con Italo Campanini (tenore) come Radamès e Victor Maurel come Amonasro.

In Germania esordisce allo Staatsoper Unter den Linden il 20 aprile 1874 ed all'Opera di Stato della Baviera nel 1877.

Al Wiener Staatsoper la premiere è il 29 aprile 1874 e da allora l'opera è stata in cartellone per mille rappresentazioni.

In Spagna debutta il 12 dicembre 1874 al Teatro Real di Madrid.

In Ungheria debutta al Teatro dell'Opera di Budapest il 10 aprile 1875.

In Polonia va in scena il 23 novembre 1875 a Varsavia ed il 9 giugno 1877 in polacco.

Al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo il 1 dicembre 1875 ed a Praga l'11 dicembre 1875.

In Francia debutta per il Théâtre de la comédie italienne nel Salle Ventadour il 22 aprile 1876 con lo stesso cast della Scala con Édouard de Reszke nel ruolo del Re.

Nel Regno Unito va in scena il 22 giugno 1876 nel Royal Opera House, Covent Garden di Londra con Adelina Patti come Aida e Francesco Graziani (baritono) come Amonasro, il 2 maggio 1892 nel Theatre Royal di Glasgow ed il 18 maggio 1892 nel Royal Lyceum Theatre di Edimburgo per il Carl Rosa Opera Company.

Il 13 maggio 1877 debutta al Grand Théâtre de Monte Carlo.

In Australia debutta il 6 settembre 1877 nel Royal Theatre di Melbourne.

Nel 1880 va in scena all'Opera reale svedese.

All'Opéra Garnier debutta il 22 marzo 1880 con Maurel come Amonasro.

Al Metropolitan Opera House di New York la premiere è del 12 novembre 1886 con Marianne Brandt (cantante) ed Emil Fischer (cantante) diretta da Anton Seidl e da allora è la seconda opera maggiormente eseguita con millecentotrentadue rappresentazioni.

È l'opera che nel 1913 ha inaugurato il Festival lirico areniano con Ester Mazzoleni, Giovanni Zenatello, Mansueto Gaudio e Giuseppe Danise diretta da Tullio Serafin e da allora è quella maggiormente rappresentata con cinquantacinque stagioni.

Allo Sferisterio di Macerata è stata la prima opera rappresentata nel teatro all'aperto nel 1921 e fino ad oggi è stata in cartellone per undici stagioni.

Al San Francisco Opera debutta nel 1925 con Claudia Muzio diretta da Gaetano Merola.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena il 23 gennaio 1943 con Maria Caniglia e Cloe Elmo.

A Bilbao va in scena nel 1953.

Al Grand Théâtre di Ginevra va in scena nel 1956.

All'Opera di Chicago va in scena nel 1958 con Jussi Björling, Giulietta Simionato, Leonie Rysanek e Tito Gobbi.

Al Festival di Salisburgo va in scena nel 1972 con Ruggero Raimondi, Marilyn Horne, Mirella Freni, José Carreras, Nicolaj Ghiaurov, Piero Cappuccilli e la Wiener Philharmoniker diretta da Herbert von Karajan.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

Scena I: Sala del palazzo del re a Menfi.

Aida, figlia del Re di Etiopia Amonasro, vive a Menfi come schiava; gli Egizi l'hanno catturata durante una spedizione militare contro l'Etiopia ignorando la sua vera identità. Suo padre ha organizzato una incursione in Egitto per liberarla dalla prigionia. Ma fin dalla sua cattura, Aida si è innamorata del giovane guerriero Radamès, che a sua volta è innamorato di lei. Aida ha una pericolosa rivale, Amneris, la figlia del Re d'Egitto. Giunta Aida, Amneris intuisce che possa essere lei la fiamma di Radamès e falsamente la consola dal suo pianto. Appare il Re assieme agli ufficiali e Ramfis che introduce un messaggero recante le notizie dal confine. Aida è preoccupata: suo padre sta marciando contro l'Egitto. Alla fine il Re dichiara che Radamès è stato scelto da Iside come comandante dell'esercito che combatterà contro Amonasro. Il cuore di Aida è diviso tra l'amore per il padre e la Patria e l'amore per Radamès.

Scena II: Interno del tempio di Vulcano a Menfi.

Cerimonie solenni e danza delle sacerdotesse. Investitura di Radamès come comandante in capo.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Danze festose e musica nelle stanze di Amneris. Amneris riceve la sua schiava Aida e ingegnosamente la spinge a dichiarare il suo amore per Radamès, mentendole dicendo che Radamès è morto in battaglia; la reazione di Aida alla notizia la tradisce rivelando il suo amore per Radamès. Amneris, scoperto il suo amore, la minaccia: ella è figlia del Faraone. Con orgoglio Aida dice che anche lei è figlia di re, ma se ne pente ben presto. Risuonano da fuori le trombe della vittoria. Amneris obbliga Aida a vedere con lei il trionfo dell'Egitto e la sconfitta del suo popolo. Aida è disperata, e chiede perdono ad Amneris.

Scena II: Uno degli ingressi della città di Tebe.

Radamès torna vincitore. Marcia trionfale. Il faraone decreta che in questo giorno il trionfatore Radamès potrà avere tutto quello che desidera. I prigionieri etiopi sono condotti alla presenza del Re e Amonasro è uno di questi. Aida immediatamente accorre ad abbracciare il padre, ma le loro vere identità sono ancora sconosciute agli Egizi. Amonasro infatti dichiara che il Re etiope è stato ucciso in battaglia. Radamès per amore di Aida chiede come esaudimento del desiderio offertogli del Re il rilascio dei prigionieri. Il Re d'Egitto, grato a Radamès, lo proclama suo successore al trono concedendogli la mano della figlia Amneris e fa inoltre rilasciare i prigionieri, ma, su consiglio di Ramfis, fa restare Aida e Amonasro come ostaggi per assicurare che gli etiopi non cerchino di vendicare la loro sconfitta.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

Scena: Le rive del Nilo, vicino al tempio di Iside.

Amonasro e Aida sono tenuti in ostaggio; il Re etiope costringe la figlia a farsi rivelare da Radamès la posizione dell'esercito egizio. Radamès ha solo apparentemente consentito di diventare il marito di Amneris, e fidandosi di Aida, durante la conversazione le rivela per incauta confidenza le informazioni richieste dal padre. Quando Amonasro rivela la sua identità e fugge con Aida, Radamès, disperato per avere involontariamente tradito il suo Re e la sua Patria, si consegna prigioniero al sommo sacerdote.

Atto IV[modifica | modifica wikitesto]

Scena I: Sala nel palazzo del Re; andito a destra che conduce alla prigione di Radamès.

Amneris desidera salvare Radamès, conoscendone l'innocenza e lo supplica di discolparsi, ma egli rifiuta. Il suo processo ha luogo fuori dal palcoscenico; egli tace e non si pronuncia in propria difesa, mentre Amneris, che rimane sul palco, si appella ai sacerdoti affinché gli mostrino pietà. Radamès viene condannato a morte per alto tradimento e sarà sepolto vivo. Amneris maledice i sacerdoti mentre Radamès viene portato via.

Scena II: L'interno del tempio di Vulcano e la tomba di Radamès; la scena è divisa in due piani: il piano superiore rappresenta l'interno del tempio splendente d'oro e di luce, il piano inferiore un sotterraneo.

Radamès crede di essere solo, ma pochi attimi dopo si accorge che Aida si è nascosta nella cripta per morire con lui. I due amanti accettano il loro terribile destino, confermano l'amore l'un per l'altro, dicono addio al mondo e alle sue pene e aspettano l'alba, mentre Amneris piange e prega sopra la loro tomba durante le cerimonie religiose e la danza di gioia delle sacerdotesse.

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura di Verdi prevede l'utilizzo di:

Da suonare sul palco o internamente:

  • 2 arpe, 6 trombe egiziane, 4 trombe, 4 tromboni, grancassa, banda

Brani famosi[modifica | modifica wikitesto]

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

  • Celeste Aida, romanza di Radamès
  • Su del Nilo al sacro Lido, il Re, Ramfis, Amneris, Radamès, Aida, Coro
  • Ritorna vincitor!, romanza di Aida
  • Nume, custode e vindice, finale concertato

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

  • Danza dei piccoli schiavi mori, ballo degli schiavi di Amneris
  • Fu la sorte dell'armi, scena e duetto di Amneris e Aida
  • Gloria all'Egitto, coro, marcia trionfale e ballabile

atto III[modifica | modifica wikitesto]

  • Qui Radamès verrà!... O cieli azzurri, romanza di Aida
  • Rivedrai le foreste imbalsamate, duetto di Amonasro e Aida
  • Pur ti riveggo, mia dolce Aida, duetto di Radamès e Aida

Atto IV[modifica | modifica wikitesto]

  • L'abborrita rivale a me sfuggìa... Già i sacerdoti adunansi, scena e duetto di Amneris e Radamès
  • Ohimè, morir mi sento, scena del giudizio: Amneris, Ramfis e Sacerdoti
  • La fatal pietra sovra me si chiuse... O terra, addio, scena e duetto di Radamès e Aida

Numeri musicali[modifica | modifica wikitesto]

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 Preludio
  • 2 Introduzione e Scena
    • Introduzione Sì: corre voce che l'Etiope ardisca (Ramfis, Radamès) Scena I
    • Recitativo Se quel guerrier io fossi! (Radamès) Scena I
    • Romanza Celeste Aida (Radamès) Scena I
    • Duetto Quale insolita gioia (Amneris, Radamès) Scena I
    • Terzetto Vieni, o diletta, appressati... (Amneris, Aida, Radamès) Scena I
    • Scena Alta cagion vi aduna (Re, Messaggero, Amneris, Aida, Radamès, Coro) Scena I
    • Pezzo d'assieme Su! del Nilo al sacro lido (Re, Amneris, Aida, Radamès, Ramfis, Sacerdoti, Ministri, Capitani, Coro) Scena I
  • 3 Scena di Aida
    • Scena Ritorna vincitor!... (Aida) Scena I
  • 4 Finale I
    • Scena della consacrazione Immenso Fthà, del mondo (Coro di Sacerdotesse e Sacerdoti) Scena II
    • Danza delle Sacerdotesse Scena II
    • Scena Mortal, diletto ai Numi, a te fidate (Ramfis) Scena II
    • Finale Nume, custode e vindice (Ramfis, Radamès) Scena II

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 Introduzione, Coro, Scena e Duetto di Aida e Amneris
    • Coro Chi mai fra gl'inni e i plausi (Schiave) Scena I
    • Danza di giovani schiavi mori Scena I
    • Coro Vieni: sul crin ti piovano (Schiave, Amneris) Scena I
    • Scena Silenzio! Aida verso noi s'avanza... (Amneris) Scena I
    • Scena Fu la sorte dell'armi a' tuoi funesta (Amneris, Aida) Scena I
    • Duetto Amore! amore! Gaudio... tormento... (Aida, Amneris) Scena I
  • 6 Finale II
    • Inno Gloria all'Egitto, ad Iside (Popolo, Donne, Sacerdoti) Scena II
    • Marcia trionfale Scena II
    • Ballabile Scena II
    • Coro Vieni, o guerriero vindice (Popolo) Scena II
    • Scena Salvator della patria, io ti saluto (Re, Radamès, Aida, Amneris, Amonasro, Coro) Scena II
    • Pezzo d'assieme Ma tu, Re, tu signore possente (Amonasro, Re, Radamès, Aida, Amneris, Ramfis, Prigionieri, Schiave, Sacerdoti, Popolo) Scena II
    • Stretta del Finale II Gloria all'Egitto, ad Iside (Popolo) Scena II

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

  • 7 Introduzione, Preghiera, Coro e Romanza di Aida
    • Coro O tu che sei d'Osiride (Coro nel tempio) Scena unica
    • Scena Vieni d'Iside al tempio (Ramfis, Amneris) Scena unica
    • Recitativo Qui Radamès verrà... Che vorrà dirmi? (Aida) Scena unica
    • Romanza O cieli azzurri... o dolci aure native (Aida) Scena unica
  • 8 Scena e Duetto di Aida e Amonasro
    • Scena Cielo! mio padre! (Aida, Amonasro) Scena unica
    • Duetto Rivedrai le foreste imbalsamate (Amonasro, Aida) Scena unica
  • 9 Duetto di Aida e Radamès, Scena e Finale III
    • Duetto Pur ti riveggo, mia dolce Aida... (Radamès, Aida) Scena unica
    • Scena Ma, dimmi: per qual via (Aida, Radamès, Amonasro) Scena unica
    • Finale III Traditor! - La mia rival!... (Amneris, Aida, Amonasro, Radamès, Ramfis) Scena unica

Atto IV[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 Scena e Duetto di Amneris e Radamès
    • Recitativo L'aborrita rivale a me sfuggia... (Amneris) Scena I
    • Scena Io l'amo... Io l'amo sempre... (Amneris) Scena I
    • Duetto Già i sacerdoti adunansi (Amneris, Radamès) Scena I
  • 11 Scena del Giudizio
    • Recitativo Ohimè!... morir mi sento... Oh! chi lo salva? (Amneris) Scena I
    • Giudizio Spirto del Nume, sovra noi discendi! (Sacerdoti, Amneris, Ramfis, Coro) Scena I
  • 12 Scena, Duetto e Finale ultimo
    • Scena La fatal pietra sovra me si chiuse... (Radamès, Aida) Scena II
    • Duetto e Finale Morir! sì pura e bella! (Radamès, Aida, Sacerdoti, Sacerdotesse) Scena II

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Incisioni in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Aida, Amneris, Radamès, Amonasro, Ramfis) Direttore Etichetta
1946 Maria Caniglia, Ebe Stignani, Beniamino Gigli, Gino Bechi, Tancredi Pasero Tullio Serafin EMI
1952 Renata Tebaldi, Ebe Stignani, Mario Del Monaco, Aldo Protti, Dario Caselli Alberto Erede Decca Records
1955 Maria Callas, Fedora Barbieri, Richard Tucker, Tito Gobbi, Giuseppe Modesti Tullio Serafin EMI
1956 Zinka Milanov, Fedora Barbieri, Jussi Björling, Leonard Warren, Boris Christoff Jonel Perlea RCA Victor
1959 Renata Tebaldi, Giulietta Simionato, Carlo Bergonzi, Cornell MacNeil, Arnold van Mill Herbert von Karajan Decca Records
1962 Leontyne Price, Rita Gorr, Jon Vickers, Robert Merrill, Giorgio Tozzi Georg Solti Decca Records
1967 Birgit Nilsson, Grace Bumbry, Franco Corelli, Mario Sereni, Bonaldo Giaiotti Zubin Mehta EMI
1970 Leontyne Price, Grace Bumbry, Plácido Domingo, Sherrill Milnes, Ruggero Raimondi Erich Leinsdorf RCA Victor
1974 Montserrat Caballé, Fiorenza Cossotto, Plácido Domingo, Piero Cappuccilli, Nicolaj Ghiaurov Riccardo Muti EMI
1979 Mirella Freni, Agnes Baltsa, José Carreras, Piero Cappuccilli, Ruggero Raimondi Herbert von Karajan EMI
1983 Katia Ricciarelli, Elena Obratzsova, Plácido Domingo, Leo Nucci, Nicolaj Ghiaurov Claudio Abbado Deutsche Grammophon
1986 Maria Chiara, Ghena Dimitrova, Luciano Pavarotti, Leo Nucci, Paata Burchuladze Lorin Maazel Decca Records
1990 Aprile Millo, Dolora Zajick, Plácido Domingo, James Morris, Samuel Ramey James Levine Sony
2001 Cristina Gallardo-Domâs, Olga Borodina, Vincenzo La Scola, Thomas Hampson, Matti Salminen Nikolaus Harnoncourt Teldec

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Aida, Amneris, Radamès, Amonasro, Ramfis) Direttore Registrazione Regia Etichetta
1966 Leyla Gencer, Fiorenza Cossotto, Carlo Bergonzi, Anselmo Colzani, Bonaldo Giaiotti Franco Capuana Arena di Verona, 9 agosto Herbert Graf Rai
1985 Maria Chiara, Ghena Dimitrova, Luciano Pavarotti, Juan Pons, Nicolaj Ghiaurov Lorin Maazel Teatro alla Scala, 7 dicembre Luca Ronconi Digital Classics
1989 Aprile Millo, Dolora Zajick, Placido Domingo, Sherrill Milnes, Paata Burchuladze James Levine Metropolitan Opera House Deutsche Grammophon
1992 Maria Chiara, Dolora Zajick, Kristján Jóhannsson, Juan Pons, Nicola Ghiuselev Nello Santi Arena di Verona Gianfranco De Bosio Naxos
2006 Violeta Urmana, Ildikó Komlósi, Roberto Alagna, Carlo Guelfi, Giorgio Giuseppini Riccardo Chailly Teatro alla Scala, 7 dicembre Franco Zeffirelli Decca Records
2008 Violeta Urmana, Dolora Zajick, Johan Bohta, Carlo Guelfi, Roberto Scandiuzzi Daniele Gatti Metropolitan Opera House Decca Records
2013 Hui He, Giovanna Casolla, Fabio Sartori, Ambrogio Maestri, Adrian Sampetrean Omer Meir Wellber Arena di Verona, giugno 2013 La Fura dels Baus Bel-Air Classique

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Una trasposizione cinematografica che all'epoca ottenne un notevole successo fu quella firmata nel 1953 da Clemente Fracassi, con Sophia Loren nel ruolo di Aida, con la voce di Renata Tebaldi. È in lavorazione anche da parte della Disney un'altra trasportazione cinematografica musical scelta prima in animazione e successivamente in live action. Nel 2007, la Walt Disney Pictures scelse i primi attori del film: Beyoncé Knowles venne scelta per il ruolo del protagonista insieme a Christina Aguilera per il ruolo di Amneris.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aida (film 1953).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aida
  2. ^ Eduardo Rescigno, Dizionario verdiano, BUR Dizionari, Rizzoli, Milano, 2001, ISBN 88-17-86628-8
  3. ^ Almanacco di AmadeusOnLine

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi
Opere di Giuseppe Verdi

Oberto, Conte di San Bonifacio · Un giorno di regno · Nabucco · I Lombardi alla prima crociata · Ernani · I due Foscari · Giovanna d'Arco · Alzira · Attila · Macbeth · I masnadieri · Jérusalem · Il corsaro · La battaglia di Legnano · Luisa Miller · Stiffelio · Rigoletto · Il trovatore · La traviata · I vespri siciliani · Simon Boccanegra · Aroldo · Un ballo in maschera · La forza del destino · Don Carlo · Aida · Otello · Falstaff

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica