Giovanni Bottesini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Paulo Bottesini

Giovanni Paulo Bottesini (Crema, 22 dicembre 1821Parma, 7 luglio 1889) è stato un contrabbassista, compositore e direttore d'orchestra italiano.

Note biografiche[modifica | modifica sorgente]

Figlio del clarinettista e compositore Pietro, iniziò gli studi musicali all'età di 5 anni. Si diplomò al Conservatorio di Milano nel 1839, dove ebbe come collega di studi il compositore Francesco Sangalli, e l'anno seguente iniziò la carriera di contrabbassista che lo portò ad esibirsi in Europa e in America, anche in coppia con virtuosi di violino come Luigi Arditi. Di pari passo Bottesini si affermò come direttore d'orchestra e compositore.

Il 24 dicembre 1871 diresse la prima assoluta dell'Aida di Verdi. Poco prima di morire, grazie all'interessamento dello stesso Verdi, fu nominato direttore del Conservatorio di Parma.

Oggi è noto soprattutto per le sue composizioni per contrabbasso. Ma fu anche autore di sette opere, tra cui Ero e Leandro, su libretto di Arrigo Boito.

Il suo Metodo per contrabbasso fu pubblicato da Ricordi.

Giovanni Bottesini passò alla storia come "Il Paganini del contrabbasso".

Diresse il 18 settembre 1854 per la prima volta in Messico l'inno nazionale messicano e a cantarlo fu l'italiano Lorenzo Salvi.

Composizioni[modifica | modifica sorgente]

Opere liriche[modifica | modifica sorgente]

Composizioni per Orchestra[modifica | modifica sorgente]

  • Sinfonia in re maggiore (1836)
  • Notti arabe (1878):
  • Alba sul Bosforo, per orchestra (1881)
  • Promenade des ombres
  • Sinfonia Caratteristica
  • Fantasia funebre alla memoria del colonnello Nullo
  • Graziella
  • Marcia Funebre
  • Marcia Orientale
  • Margherita
  • Ouverture
  • Divertimento per corno da caccia e orchestra

Parafrasi e composizioni originali per contrabbasso e pianoforte o con orchestra[modifica | modifica sorgente]

  • Fantasia su temi della Sonnambula, per contrabbasso e pianoforte
  • Fantasia sulla Beatrice di Tenda di Bellini, per contrabbasso e pianoforte
  • Fantasia sulla Lucia di Lammermoor di Donizetti, per contrabbasso e pianoforte
  • Nel cor più non mi sento, tema e variazioni sull'aria di Paisiello, op. 23, per contrabbasso e pianoforte
  • Adagio melanconico ed appasionato (Elegie par Ernst) con accompagnamento di pianoforte
  • Capriccio-Allegretto (Alla Chopin)
  • Allegro di concerto (alla Mendelssohn)
  • Aria di Bach
  • Auld Robin Gray, introduzione e variazioni su una canzone scozzese
  • Serenata dal Barbiere di Siviglia
  • Introduzione e Bolero per contrabbasso e pianoforte
  • Capriccio di Bravura
  • Fantasia sul Carnevale di Venezia
  • Concerto di bravura
  • Concertino in si minore per contrabbasso e orchestra
  • Concerto n.1 per contrabbasso e orchestra
  • Concerto n.2 per contrabbasso e orchestra
  • Contra-Bass Polka per contrabbasso e orchestra
  • Elegia n.1 in re maggiore per contrabbasso e pianoforte
  • Elegia n.2 in mi minore per contrabbasso e pianoforte
  • Elegia n.3 in fa maggiore per contrabbasso e pianoforte
  • Introduzione e Gavotta per contrabbasso e pianoforte
  • Melodia per contrabbasso e pianoforte
  • Romanza Patetica per contrabbasso e pianoforte
  • Introduzione e Tarantella per contrabbasso e pianoforte o orchestra
  • Fantasia sul Trovatore di Giuseppe Verdi per contrabbasso e pianoforte
  • 3 Grandi Duetti per due Contrabbassi
  • Capriccio a due contrabbassi con pianoforte
  • Concerto a due contrabbassi
  • Passione amorosa per contrabbasso e pianoforte o orchestra

Musica da Camera[modifica | modifica sorgente]

  • Quartetto in Si minore
  • Quartetto in Si bemolle maggiore n.2 op.2
  • Quartetto in Re maggiore
  • Quartetto in Fa diesis minore n.3
  • Quartetto in Mi bemolle maggiore
  • Quartetto n.6 in Mi minore
  • Gran quintetto in Do minore n. 1
  • Quintetto n.2 in Mi minore
  • Quintetto n.3 in La maggiore
  • Quintetto n.4 in Fa maggiore
  • Gran duo concertante per Violino e Contrabbasso
  • Morceaux per Viola e Pianoforte
  • Rêverie per Viola e Pianoforte
  • Capriccio per Violoncello e Pianoforte
  • Tre melodie per Violoncello e Pianoforte
  • Rêverie per Violoncello e Pianoforte
  • Fugue in A minor per Pianoforte
  • Preludio per Pianoforte
  • 3 polke per Pianoforte: Arlecchino, Brighella, La Tremblante
  • Duo concertant sur les thèmes des Puritains, pour violoncello et contrebasse

Composizioni vocali e musica sacra[modifica | modifica sorgente]

  • Il Giardino degli Ulivi, oratorio (12 ottobre 1887, Norwich Festival)
  • Messa di Requiem (24 marzo 1880, Torino, Teatro Regio)
  • Preghiera
  • Salve Maria
  • Tantum Ergo
  • Il contrabbandiere
  • Cosa è Dio, Cosa è Satana
  • Madre, adorata immagine
  • Une bouche aimée
  • Tutto il mundo serra in me
  • L'abbandonata
  • Ad Ischia
  • L'addio di un Viggianese
  • L'alba che sorge
  • L'amour
  • Un bacio
  • Il bacio d'un angiolo
  • Il bacio più dolce
  • Un bacio solo
  • La campana del mio villaggio
  • Il camposanto (Quando cadran le foglie)
  • Canta Roberto
  • Le chegrin de Jeanne (Il lamento della Ghisa)
  • Che cosa è Dio? Che cosa è Satana?
  • Ci divide l'ocean
  • La cloche du village*
  • Il contrabbandiere (Su pei gioghi)
  • Le desespoir
  • Di Nizza la vecchia bandiera
  • Dove è più questa Napoli
  • Dove fuggiste mai
  • È il pianto del mio cor!
  • Il fantasma
  • La fidanzata del demonio
  • Una foglia
  • Guardami ancor
  • Io vi raggiungo alfin
  • Je ne suis q'une pauvre enfant
  • Je t'aime
  • Io vo' cercando
  • Love admour
  • Lucifero
  • Magari!
  • Mamma!
  • La marthyre chrétienne
  • Melodia
  • Mezzanotte
  • Ne quittons pas notre fôret
  • La nostra canzone
  • Only the stars?
  • La ninna nanna
  • Il passato
  • Per lei
  • Il pianto
  • La piccola mendica
  • La plus fidèle
  • Una preghiera
  • La rimembranza
  • Romanza
  • Sempre nell'estasi
  • Serenata
  • Si j'etais roi
  • The smuggler
  • Sognai
  • Solo
  • Something tells me so
  • La spagnoletta
  • Thy knight am I
  • Torna o mio bello
  • Tre ariette
  • Tutto per me tu sei

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrea Sessa, Il melodramma italiano 1861-1900, Firenze, Olschki 2003, pp. 64–5.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61731125 LCCN: n80108933