Otello (Verdi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Otello
Othellopainting.jpg
Otello e Desdemona a Venezia
dipinto di Théodore Chassériau
Lingua originale italiano
Musica Giuseppe Verdi
(spartito online)
Libretto Arrigo Boito
(libretto online)
Fonti letterarie Othello (ca. 1603) di Shakespeare
Atti quattro
Epoca di composizione marzo 1884 - fine 1886
Prima rappr. 5 febbraio 1887
Teatro Teatro alla Scala di Milano
Versioni successive
Personaggi
  • Otello, moro, generale dell'Armata Veneta (tenore)
  • Jago, alfiere (baritono)
  • Cassio, capo di squadra (tenore)
  • Roderigo, gentiluomo veneziano (tenore)
  • Ludovico, ambasciatore della Repubblica Veneta (basso)
  • Montano, predecessore d'Otello nel governo dell'isola di Cipro (baritono)
  • Un araldo, (basso)
  • Desdemona, moglie d'Otello (soprano)
  • Emilia, moglie di Jago (mezzosoprano)
  • Coro
Autografo Archivio Storico Ricordi, Milano
« Esultate! L'orgoglio musulmano

sepolto è in mar; nostra e del ciel è gloria! Dopo l'armi lo vinse l'uragano. »

(Otello, Atto I)

Otello è la penultima opera di Giuseppe Verdi. Il libretto di Arrigo Boito fu tratto dalla tragedia omonima di Shakespeare.

La prima ebbe luogo a Milano nell'ambito della stagione di Carnevale e Quaresima del Teatro alla Scala, il 5 febbraio 1887. Gli interpreti e gli artisti coinvolti nel debutto furono i seguenti:[1]

Personaggio Interprete
Otello Francesco Tamagno
Desdemona Romilda Pantaleoni
Iago Victor Maurel
Emilia Ginevra Petrovich
Cassio Giovanni Paroli
Roderigo Vincenzo Fornari
Lodovico Francesco Navarrini
Montano Napoleone Limonta
Un Araldo Angelo Lagomarsino
Scene Carlo Ferrario,
realizzazione di Giovanni Zuccarelli
Figurini Alfredo Edel
Direttore e inventore del macchinismo Luigi Caprara
Maestro del coro Giuseppe Cairati
Concertatore Giuseppe Verdi
Direttore d'orchestra Franco Faccio

Boito e Verdi eliminarono il primo atto della tragedia shakespeariana, che costituiva un antefatto ambientato a Venezia, allo scopo di rendere la drammaturgia più serrata possibile.

Al Teatro La Fenice di Venezia la prima rappresentazione è stata il 17 maggio dello stesso anno con Tamagno, Adalgisa Gabbi, Maurel, Navarrini, Paroli e Limonta diretti da Faccio.

Negli Stati Uniti la premiere è stata all'Academy of Music di New York il 16 aprile 1888.

Nel Regno Unito la prima è stata al Lyceum Theatre di Londra il 5 luglio 1889 e poi al Royal Opera House (allora Royal Italian Opera), Covent Garden il 15 luglio 1891.

Per il Metropolitan Opera la premiere è stata il 23 novembre 1891 a Chicago con Jean de Reszke ed Emma Albani e fino al 2013 ha avuto trecentoventicinque rappresentazioni.

Al Teatro dell'Opera di Roma va in scena il 19 aprile 1892 con Giovanni Battista De Negri e Hariclea Darclée diretta da Edoardo Mascheroni.

Il 15 novembre dello stesso anno avviene la prima al Theatre Royal di Glasgow ed il 29 novembre al Royal Lyceum Theatre di Edimburgo nella traduzione di Francis Hueffer per il Carl Rosa Opera Company.

Le modifiche e successive rappresentazioni[modifica | modifica sorgente]

Verdi operò alcune modifiche alla partitura per la versione francese che andò in scena al Théâtre de l'Opéra di Parigi, il 12 ottobre 1894. Il libretto fu tradotto dallo stesso Boito e da Camille du Locle.

La differenza più vistosa riguarda l'aggiunta delle danze nel terzo atto, secondo la convenzione francese. Verdi aveva dovuto fare altrettanto quando Macbeth e Il trovatore erano state rappresentate a Parigi, ed ora commentava l'aggiunta definendola una «mostruosità»: «Nel furor dell'azione interrompere per un balletto?!!!» Probabilmente per compensare, almeno in parte, l'aggiunta del balletto, Verdi accorciò il grandioso concertato finale del terzo atto, che in questa forma è stato talvolta ripreso anche in anni recenti, senza particolare successo. Sempre all'Opéra national de Paris l'opera è stata messa in scena nella versione originale nel 1976.

Al San Francisco Opera va in scena nel 1934 con Lauritz Melchior ed Elisabeth Rethberg diretti da Gaetano Merola.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena nel 1938 con Francesco Merli e Mariano Stabile (cantante) diretta da Gino Marinuzzi (1882-1945).

Al Festival di Salisburgo va in scena nel 1951 con i Wiener Philharmoniker, Ramón Vinay ed Anton Dermota diretti da Wilhelm Furtwängler.

A Bilbao va in scena nel 1955 con Anselmo Colzani ed Antonietta Stella.

Al Grand Théâtre di Ginevra va in scena nel 1956.

All'Opera di Chicago va in scena nel 1957 con Tito Gobbi, Mario Del Monaco e Renata Tebaldi diretti da Tullio Serafin.

Al Wiener Staatsoper la premiere è stata il 15 aprile dello stesso anno con Del Monaco, Leonie Rysanek e Colzani diretti da Herbert von Karajan e da allora è stata rappresentata duecentoundici volte.

Allo Sferisterio di Macerata la prima è stata nel 1967 con Del Monaco ed Aldo Protti.

Al Glyndebourne Festival Opera va in scena nel 2001 con la London Philharmonic Orchestra.

Stile[modifica | modifica sorgente]

Composta dopo un lunghissimo silenzio (l'opera precedente, Aida, era andata in scena nel 1871), Otello contiene numerosi elementi di novità rispetto alle opere precedenti di Verdi. Le forme chiuse sono sempre meno riconoscibili, ormai per gran parte sostituite da un flusso musicale continuo, che molti all'epoca considerarono di ispirazione wagneriana.

In realtà questa soluzione non sorprende, alla luce dei precedenti lavori di Ponchielli e degli altri operisti italiani attivi in quel decennio. E i pezzi chiusi o i rimandi alla tradizione non mancano, benché la loro condotta non sia mai prevedibile. Si pensi al colloquio tra Jago e Roderigo nella vecchia forma di recitativo, al coro Fuoco di gioia, al brindisi di Jago, al quartetto del secondo atto, alla cabaletta Sì pel ciel marmoreo giuro che chiude il secondo atto, al grande concertato del finale del terzo atto o all'Ave Maria.

La novità - almeno rispetto agli antecedenti verdiani - sta però nel fatto che i collegamenti tra i singoli episodi non avvengono più per cesure nette, ma il tessuto musicale appare in continua evoluzione, anche grazie al sapiente uso dell'orchestra, che viene a costituire una sorta di substrato unificante. Nei passaggi tra le singole scene, Verdi elabora i materiali tematici appena ascoltati in modo da creare transizioni impeccabili, come quella che collega la scena del duello tra Cassio e Montano al duetto d'amore chiude il primo atto. Allo stesso modo, alcuni brani a struttura apparentemente chiusa evolvono inaspettatamente in passaggi dialogici, come nel caso del celebre Credo di Jago o del monologo di Otello Dio, mi potevi scagliar. L'abilità verdiana a giocare con le convenzioni, evocandole per stravolgerle, è testimoniata anche dal brano con cui Otello si presenta in scena, poco dopo l'inizio dell'opera: il famoso Esultate!, che costituisce una sorta di minuscola cavatina, racchiusa in 12 battute.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Francesco Tamagno nei panni di Otello in una foto del 1896.

L'azione si svolge in una città di mare nell'isola di Cipro alla fine del XV secolo.

Atto I[modifica | modifica sorgente]

L'esterno del castello.

È sera, infuria un violento temporale. Gli ufficiali, i soldati e il popolo di Cipro assistono atterriti al difficile attracco della nave di Otello, il generale dell'Armata Veneta. Appena messo piede a terra, il Moro proclama la sua vittoria contro il nemico musulmano. L'alfiere Jago – che nutre per lui un odio profondo – trae in disparte Roderigo, un gentiluomo veneziano segretamente innamorato di Desdemona, moglie di Otello, e gli confida il proprio odio per Cassio, l'ufficiale che usurpa il suo grado di capitano. Poi, per suscitare la gelosia di Roderigo, spinge Cassio a bere fino ad ubriacarsi e a cantare le lodi di Desdemona. Roderigo abbocca e provoca il rivale, i due si battono, l'ex governatore Montano si interpone per fermarli e viene ferito. Il clamore della zuffa fa accorrere Otello che punisce Cassio degradandolo.

Sopraggiunge Desdemona. Il Moro ordina a tutti di allontanarsi e rievoca con lei i ricordi tumultuosi della sua vita e la nascita del loro amore. Una dolce notte li attende.

Atto II[modifica | modifica sorgente]

Una sala terrena del castello.

Jago continua a tessere la sua tela: consiglia Cassio di rivolgersi a Desdemona, affinché interceda per lui presso il marito, e insinua a poco a poco in Otello il dubbio che fra il bell'ufficiale e la sua sposa sia nata una tresca. Ignara di tutto, Desdemona si rivolge ad Otello perorando con calore la causa di Cassio e inavvertitamente lascia cadere il prezioso fazzoletto che lo sposo le aveva donato come pegno d'amore. Jago lo raccoglie sottraendolo alla moglie Emilia, ancella di Desdemona. Quindi narra ad Otello di aver udito Cassio rivolgere in sogno parole d'amore a Desdemona e afferma di aver visto il fazzoletto di lei nelle mani dell'affascinante ufficiale. Al colmo dell'ira e della gelosia, il Moro giura di vendicarsi.

Atto III[modifica | modifica sorgente]

La grande sala del castello.

Un araldo annuncia l'arrivo imminente della galea che reca a Cipro gli ambasciatori di Venezia. Otello incontra Desdemona, che ingenuamente torna a perorare la causa di Cassio, e le chiede di fasciargli la fronte col fazzoletto. L'imbarazzo della sposa, che si accorge di averlo perduto e non può esaudire la sua richiesta, e l'insistenza con cui ella torna a parlargli di Cassio, fanno esplodere la furia di Otello che, incurante delle lacrime della sposa, la insulta e la scaccia.

Jago nel frattempo ha predisposto un colloquio con Cassio, allo scopo di fornire ad Otello una prova, all'apparenza inconfutabile, del tradimento. Il Moro assiste nascosto all'incontro dei due ufficiali e, pur non comprendendo tutte le parole, crede di capirne il senso: ode Cassio pronunciare il nome di Desdemona, lo vede sorridere compiaciuto e scorge nelle sue mani il fazzoletto della sposa, che Jago ha provveduto a far giungere nella dimora del giovane, ignaro di tutto.

Mentre uno squillo di tromba e un colpo di cannone annunciano l'approdo della trireme veneziana, Otello, ormai certo dell'adulterio della moglie, decide con Jago come e quando ucciderla.

La sala si riempie di dignitari, gentiluomini e dame. Desdemona, in preda a un profondo turbamento, presenzia alla cerimonia accompagnata da Emilia. L'Ambasciatore della Repubblica Veneta reca un messaggio del Doge: Otello è richiamato a Venezia, Cassio sarà il suo successore a Cipro. Lodovico invita Otello a confortare la sposa in lacrime, ma il Moro, che legge nel dolore della sposa la conferma del tradimento, perso ogni controllo, l'aggredisce brutalmente: «A terra!!!... e piangi!...». Poi ordina a tutti i presenti, stupefatti e inorriditi, di andarsene, maledice Desdemona e, in preda ad una terribile crisi convulsiva, cade a terra tramortito. Mentre di fuori si inneggia al «Leon di Venezia», Jago constata con feroce ironia: «Ecco il Leone!».

Atto IV[modifica | modifica sorgente]

La camera di Desdemona.

In preda a un triste presentimento, Desdemona si prepara per la notte assistita dalla fedele Emilia e intona un'antica canzone. Poi, prima di addormentarsi, prega la Madonna. Otello entra da una porta segreta, si avvicina alla sposa e la bacia. Poi, quando Desdemona si sveglia, la invita a chiedere perdono al cielo per i suoi peccati poiché la sua morte è ormai vicina. La donna tenta disperatamente di difendersi ma viene soffocata dal marito con il suo cuscino. Emilia bussa alla porta ed entra appena in tempo per raccogliere le ultime parole della sua signora: «al mio signor mi raccomanda... muoio innocente...». Otello accusa Desdemona di tradirlo, ed Emilia gli rivela che Cassio ha ucciso Roderigo. Alle grida di Emilia - «Otello uccise Desdemona!» - accorrono tutti gli ospiti del castello. Jago fugge inseguito dai soldati, dopo che la moglie ha smascherato davanti a tutti l'inganno del fazzoletto. Ora tutto è chiaro: Otello si trafigge col pugnale sul corpo della moglie e muore baciandola un'ultima volta.

Organico orchestrale[modifica | modifica sorgente]

La partitura di Verdi prevede l'utilizzo di:

Da suonare sul palco:

Da suonare internamente:

  • 6 trombe, 4 tromboni, tuono, organo, cannone.

Brani famosi[modifica | modifica sorgente]

  • Esultate!, Otello (atto I)
  • Già nella notte densa, duetto, Otello e Desdemona (atto I)
  • Credo in un Dio crudel, monologo, Jago (atto II)
  • Sì, pel ciel marmoreo giuro, cabaletta, Otello e Jago (atto II)
  • Dio ti giocondi, o sposo duetto, Otello e Desdemona (atto III)
  • Dio! mi potevi scagliar, monologo, Otello (atto III)
  • Canzone del salice (Piangea cantando), Desdemona (atto IV)
  • Ave Maria, Desdemona (atto IV)
  • Niun mi tema, monologo, Otello (atto IV)

Numeri musicali[modifica | modifica sorgente]

Atto I[modifica | modifica sorgente]

  • 1 Uragano
    • Una vela! - Un vessillo! (Jago, Roderigo, Cassio, Montano, Coro) Scena I
    • Esultate! L'orgoglio musulmano (Otello, Jago, Roderigo, Coro) Scena I
  • 2 Coro
    • Fuoco di gioia! (Coro) Scena I
  • 3 Brindisi
    • Roderigo, beviam! qua la tazza (Jago, Cassio, Roderigo, Coro) Scena I
    • Inaffia l'ugola! (Jago, Cassio, Roderigo, Coro) Scena I
  • 4 Scena
    • Capitano, v'attende la fazione ai baluardi (Montano, Cassio, Jago, Roderigo, Coro) Scena I
    • Abbasso le spade! (Otello, Jago, Cassio, Montano, ) Scena II
  • 5 Duetto
    • Già nella notte densa (Otello, Desdemona) Scena III

Atto II[modifica | modifica sorgente]

  • 6 Scena
    • Non ti crucciar. Se credi a me (Jago, Cassio) Scena I
  • 7 Scena
    • Vanne; la tua meta già vedo (Jago) Scena II
    • Credo in un Dio crudel (Jago) Scena II
  • 8 Scena
    • Ciò m'accora... - Che parli? (Jago, Otello) Scena III
  • 9 Coro
    • Dove guardi splendono raggi (Coro) Scena III
    • Splende il cielo, danza l'aura, olezza il fior (Desdemona, Otello, Jago, Coro) Scena III
  • 10 Scena
    • D'un uom che geme sotto il tuo disdegno (Desdemona, Otello, Jago, Emilia) Scena IV
  • 11 Scena
    • Desdemona rea! (Otello, Jago) Scena V
    • Ora e per sempre addio, sante memorie (Otello, Jago) Scena V
    • Era la notte, Cassio dormia (Jago, Otello) Scena V
    • Sì, pel ciel marmoreo giuro! (Otello, Jago) Scena V

Atto III[modifica | modifica sorgente]

  • 12 Scena
    • La vedetta del porto ha segnalato (Araldo, Otello, Jago) Scena I
  • 13 Scena
    • Dio ti giocondi, o sposo dell'alma mia sovrano (Desdemona, Otello) Scena II
  • 14 Scena
    • Dio! mi potevi scagliar tutti i mali (Otello) Scena III
    • Ah! Dannazione! (Otello, Jago) Scena IV
  • 15 Scena
    • Vieni; l'aula è deserta (Jago, Cassio, Otello) Scena V
  • 16 Scena
    • Come la ucciderò? (Otello, Jago) Scena VI
  • 17 Finale
    • Evviva! Evviva il Leon di San Marco! (Coro, Otello, Jago, Lodovico, Desdemona, Emilia) Scena VI-VII
    • Eccolo! È lui! - Nell'animo lo scruta (Otello, Roderigo, Jago, Cassio, Lodovico) Scena VIII
    • A terra!... sì... nel livido fango... (Desdemona) Scena VIII
    • Quell'innocente un fremito (Emilia, Roderigo, Cassio, Lodovico, Jago, Otello, Desdemona, Coro) Scena VIII
    • Fuggirmi io sol non so!... (Otello, Jago, Coro) Scena IX

Atto IV[modifica | modifica sorgente]

  • 18 Canzone del salice
    • Era più calmo? - Mi parea (Emilia, Desdemona) Scena I
    • Mia madre aveva una povera ancella / «Piangea cantando» (Desdemona) Scena I
  • 19 Ave Maria
    • Ave Maria, piena di grazia (Desdemona) Scena II
  • 20 Scena
    • Chi è là?... Otello? (Desdemona, Otello) Scena III
  • 21 Scena
    • Aprite! Aprite! - Chi è là? Chi batte? (Emilia, Otello, Desdemona) Scena III
  • 22 Scena
    • Quai grida! Orrore! Orrore! (Emilia, Jago, Otello, Cassio, Montano, Lodovico) Scena IV
    • Niun mi tema s'anco armato mi vede (Otello) Scena IV

Cinema[modifica | modifica sorgente]

La più nota trasposizione cinematografica è Otello (film 1986) firmato da Franco Zeffirelli, con Plácido Domingo e Katia Ricciarelli, che cantano assieme all'orchestra del Teatro alla Scala di Milano diretta da Lorin Maazel (1986). Si tratta tuttavia di una libera rivisitazione della partitura verdiana, oltre che del libretto di Boito, che portò tra le altre cose alla soppressione del Fuoco di Gioia (sostituito da un balletto arabeggiante) e della celebre Canzone del salice che apre l'atto IV. Numerosi anche i piccoli tagli all'interno di singoli brani. Della "colonna sonora" di questo film esiste una edizione discografica pubblicata dalla EMI, che invece è assolutamente integrale e comprende tutta la musica espunta dalla pellicola.

Incisioni discografiche (selezione)[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Otello, Desdemona, Jago) Direttore Etichetta
1954 Mario Del Monaco, Renata Tebaldi, Aldo Protti Alberto Erede Decca
1960 Jon Vickers, Leonie Rysanek, Tito Gobbi Tullio Serafin RCA
1961 Mario Del Monaco, Renata Tebaldi, Aldo Protti Herbert Von Karajan Decca
1968 James McCracken, Gwyneth Jones, Dietrich Fischer-Dieskau John Barbirolli EMI
1974 Jon Vickers, Mirella Freni, Peter Glossop Herbert Von Karajan EMI
1977 Carlo Cossutta, Margaret Price, Gabriel Bacquier Georg Solti Decca
1978 Placido Domingo, Renata Scotto, Sherrill Milnes James Levine RCA
1985 Placido Domingo, Katia Ricciarelli, Justino Díaz Lorin Maazel EMI
1991 Luciano Pavarotti, Kiri Te Kanawa, Leo Nucci Georg Solti Decca
1993 Placido Domingo, Cheryl Studer, Sergei Leiferkus Myung-Whun Chung Deutsche Grammophon

DVD (selezione)[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Otello, Desdemona, Jago) Direttore Etichetta
1973 Jon Vickers, Mirella Freni, Peter Glossop Herbert von Karajan Deutsche Grammophon
1982 Vladimir Atlantov, Kiri Te Kanawa, Piero Cappuccilli Zoltán Peskó Warner Music Vision
1985 Placido Domingo, Katia Ricciarelli, Justino Díaz Lorin Maazel MGM DVD
1992 Placido Domingo, Kiri Te Kanawa, Sergei Leiferkus Georg Solti Kultur
1996 Placido Domingo, Renée Fleming, James Morris James Levine Deutsche Grammophon
2001 Placido Domingo, Barbara Frittoli, Leo Nucci Riccardo Muti TDK
2010 Aleksandrs Antonenko, Marina Poplavskaya, Carlos Álvarez Riccardo Muti Unitel Classica
2014 Gregory Kunde, Carmela Remigio, Lucio Gallo Myung-Whun Chung Unitel Classica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eduardo Rescigno, Dizionario verdiano, BUR Dizionari, Rizzoli, Milano, 2001, ISBN 88-1786628-8

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi
Opere di Giuseppe Verdi

Oberto, Conte di San Bonifacio · Un giorno di regno · Nabucco · I Lombardi alla prima crociata · Ernani · I due Foscari · Giovanna d'Arco · Alzira · Attila · Macbeth · I masnadieri · Jérusalem · Il corsaro · La battaglia di Legnano · Luisa Miller · Stiffelio · Rigoletto · Il trovatore · La traviata · I vespri siciliani · Simon Boccanegra · Aroldo · Un ballo in maschera · La forza del destino · Don Carlo · Aida · Otello · Falstaff

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica