Credo religioso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la professione di fede nella liturgia cattolica, vedi Credo (liturgia).
« Noi nasciamo credendo. Un uomo produce credi come un albero le mele. »
(Ralph Waldo Emerson, "Worship", The Conduct of Life)

Un credo in senso religioso è l'affermazione della propria credenza in una religione o una dottrina, con cui si esprime un simbolo di fede. Il termine deriva dal latino credo, e può essere utilizzato come sinonimo di fede nel caso specifico per indicare la dottrina che si professa.[1]

Credo cristiano[modifica | modifica wikitesto]

Il cristianesimo, affermando che Dio si è manifestato nella persona di Gesù, a partire dalla sua predicazione ha dato luogo a un certo numero di affermazioni di fede delle quali la dottrina tuttora si compone.

In questo senso, forse la prima di queste affermazioni è quella per cui «Gesù è il Signore», scritta da San Paolo nella Lettera ai romani, 10:9. Il significato e l'importanza di questa affermazione deriva dall'accettazione della possibilità che il Dio degli ebrei si sia incarnato, cosa ritenuta impossibile e blasfema dalla comunità ebraica (ed anche dall'altro grande ceppo monoteista rappresentato dall'Islam).

In seguito, la complessità della teologia cristiana è andata costantemente crescendo man mano che avanzava l'esigenza di tener ferma e spiegare sempre meglio l'affermazione che fa di Gesù il Figlio di Dio.

Credo apostolico[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente, il primo a meritare completamente il nome di “credo cristiano” è il cosiddetto simbolo degli apostoli. Si narra che esso sia stato espresso dai dodici apostoli riuniti in assemblea, e che ciascuno di essi abbia formulato una delle frasi che lo compongono. Si tratta ovviamente di una descrizione improbabile, tuttavia il “simbolo degli apostoli” è molto vecchio; esso potrebbe esser stato derivato dal catechismo utilizzato nel battesimo degli adulti, nella quale forma può essere fatto risalire al II secolo. Pare che sia stato scritto al fine di opporsi al docetismo ed allo gnosticismo; esso mette l’accento sulla nascita, sulla morte e sulla resurrezione corporea di Gesù.

Il credo di Nicea deriva dal simbolo degli apostoli, di cui costituisce un’elaborazione successiva (con particolare attenzione ai temi della cristologia e della trinità). Esso rispecchia i contenuti del Primo concilio di Nicea dell’anno 325, finalizzato tra l’altro ad opporsi all’arianesimo, giudicato un’eresia. Nella liturgia della Chiesa cattolica il credo di Nicea viene ripetuto durante la celebrazione di ogni Messa.

Un credo contro le eresie[modifica | modifica wikitesto]

In un'atmosfera di crescente complicazione delle controversie teologiche, diventava sempre più difficile distinguere le credenze ortodosse da quelle ritenute eretiche. Nel decennio che precedette il 594, Gregorio, vescovo di Tours scrisse la Historia Francorum (Storia dei franchi), cui premise la dichiarazione della sua fede, «in modo che il lettore potesse non avere dubbi sul suo essere cattolico». Tale dichiarazione fu stesa in frasi successive, ciascuna delle quali era intesa a confutare una specifica eresia cristiana. In tal modo il credo di Gregorio costituisce, per contrasto, un dettagliato catalogo di eresie:

(LA)

« Credo in Iesum Christum, filium eius unicum, dominum nostrum, natum a patre, non factum, non post tempora, sed ante cunctum tempus semper fuisse cum patre. Nec enim pater dici potuerat, nisi haberit filium; neque filius esset, si patrem utique non haberet. Illos vero, qui dicunt: 'Erat quando non erat', execrabiliter rennuo et ab eclesia segregare contestor. Credo Christum hunc verbum esse patris, per quem facta sunt omnia. Hunc verbum carne factum credo, cuius passionem mundus redemptus est, et humanitatem, non deitatem subiacuisse passione, credo. Credo, eum tertia die resurrexisse, hominem perditum liberasse, ascendisse caelos, sedere a dexteram Patris, venturum ac iudicaturum vivos et mortuos. Credo sanctum Spiritum a Patre et Filio processisse, non minorem et quasi ante non esset, sed aequalem et semper cum Patre et Filio coaeternum deum, cumsubstantialem natura, aequalem omnipotentia, consempiternum esse essentia et nunquam sine Patre fuisse vel Filio, neque minorem Patri vel Filio. Credo hanc Trinitatem sanctam in distinctione subsistere personarum, et aliam quidem personam Patris, aliam Fili, aliam Spiritus sancti. In qua Trinitate unam Deitatem, unam potentiam, unam essentiam esse, confiteor. Credo beatam Mariam, ut virginem ante partum, ita virginem et post partum. Credo animam inmortalem, nec tamen partem habere Deitatis. Et omnia quae a 318 episcopis Nicaene instituta sunt credo fideliter. »

(IT)

« Credo in Dio Padre onnipotente. Credo in Gesù Cristo, suo unico figlio, nostro Signore, nato dal Padre, non creato. [Credo] che egli sia sempre stato con il Padre, prima di tutti i secoli. [...] Credo che la parola del Padre tramite la quale ogni cosa è stata fatta sia Cristo. Credo che questa parola abbia redento il mondo tramite la sua sofferenza, e io credo che l’umanità, non la divinità, sia soggetta alla sofferenza. Credo che sia resuscitato il terzo giorno, che sia asceso al cielo e sieda alla destra del Padre, e che verrà per giudicare i vivi e i morti. Credo che lo Spirito Santo proceda dal Padre e dal Figlio, e che non sia inferiore né posteriore nel tempo a Dio, ma che sia Dio, uguale e co-eterno al Padre e al Figlio, ad essi consustanziale nella natura, uguale nell’onnipotenza ed ugualmente eterno nell’essenza, e che non è mai esistito separatamente dal Padre e dal Figlio e ad essi non è inferiore. Credo che questa santa Trinità esista con la separazione delle persone, e che una persona sia il Padre, un’altra il Figlio e un’altra ancora lo Spirito Santo. E in questa Trinità io confesso una sola divinità, una sola potenza, una sola essenza. Credo alla verginità della santa Maria, prima e dopo la nascita di Gesù. Credo che l’anima sia immortale e che, nondimeno, essa non partecipi della divinità. E credo fermamente a tutto quanto è stato stabilito dal concilio di Nicea e dai trecentodiciotto vescovi. »

(Gregorio di Tours, Historia Francorum, Prefazione, volume 1[2])

Altri credo[modifica | modifica wikitesto]

Altri credo di una certa importanza sono:

Credo islamico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Shahada e Aqida.

Il principale tentativo di “tradurre” la religione islamica in una breve dottrina ha dato luogo allo shahada, ossia la formula o la dichiarazione con cui si afferma che non c'è nessun altro Dio al di fuori di Allah, e che Maometto è il suo profeta.[3]

Una trattazione più dettagliata della dogmatica islamica è contenuta nell'aqidah.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Credo, CD, Schola Regina, Olivier Willemin, Jean-Paul Imbert e Pierre Thiollet, Universal Music, 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'espressione deriva dalla prima parola della professione di fede, che è appunto «Credo».
  2. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, vol. 1.
  3. ^ Malek Chebel, Dizionario dei simboli islamici: riti, mistica e civilizzazione, p. 107, a cura di C. Cerati Mandel, Arkeios, 1997.
  4. ^ Antonio Campisi, Lessico della teologia islamica, p. 87, Rubbettino Editore, 2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

religioni Portale Religioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religioni