Shahada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La shahāda (in arabo: شهادة) è la testimonianza con cui il fedele musulmano dichiara di credere in un Dio Uno e Unico e nella missione profetica di Muḥammad.

La formula araba, secondo una prima traduzione di Sa'd ibn Abi Waqqas, suona:

« Ašhadu an lā ilāha illā Allāh - wa ašhadu anna Muḥammadan Rasūl Allāh »
(in arabo: أشهد أن لا إله إلا الله وأشهد أن محمدا رسول الله.audio[?·info])

cioè:

« Testimonio che non c'è divinità se non Dio (Allāh) e testimonio che Muḥammad è il Suo Messaggero »

La shahāda (talora definita al-shahādatāni (le due testimonianze), in quanto costituente due distinte dichiarazioni: quella di adesione al monoteismo islamico (Tawḥīd) e quella di fede nella missione profetica di Maometto) costituisce la condicio sine qua non per diventare musulmano, qualora la formula sia espressa con retta intenzione (niyya) e sia pronunciata in modo intelligibile di fronte a due testimoni giuridicamente idonei.[1] La shahāda è più volte recitata nel corso delle preghiere islamiche (salāt) ed è spesso pronunciata dai musulmani per sottolineare la propria fede in circostanze dal forte contenuto emozionale.

La formula compare, scritta in caratteri bianchi su fondo verde su molti vessilli: tra cui quello saudita, sulla bandiera dello Stato del Somaliland, sulla vecchia bandiera dell'Afghanistan sotto il governo dei Talebani, sulla bandiera dell'ISIS, del Jabhat al-Nuṣra e su quella degli Al-Shabaab.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Ventura, «Gli atti di culto», in: Islām, Storia delle religioni (a cura di G. Filoramo), Roma-Bari, Laterza, 1999, pp. 120-121.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BBC - Shahadah: the statement of faith

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam