Rajab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Rajab arabo: رجب, rajab è il nome arabo di un mese del calendario islamico lunare, già così definito tuttavia anche in età pre-islamica.

In quell'epoca il mese aveva una forte valenza sacra perché nel suo corso aveva luogo il pellegrinaggio, definito umra, che aveva al centro delle devozioni il santuario (bayt) di Mecca: la Ka'ba, allora ospitante l'idolo antropomorfico chiamato Hubal (probabilmente da Ha-Ba'l, 'il Dio') e una pluralità di altre divinità ivi graziosamente accolte per esaudire i desideri dei visitatori non meccani della città.

Le vittime sacrificali destinate a questi culti pagani erano per questo motivo chiamate rajabiyya (quelle di rajab). Esse - a causa del regolare riallineamento dell'anno lunare con l'anno solare (o tropico) che portava rajab a cadere all'incirca in primavera - erano essenzialmente costituite da agnelli e capretti da poco nati.

In età islamica la sacralità del mese s'è comunque conservata, non certo perché si sia conservato il culto politeistico di Hubal ma perché i musulmani credono che nel suo primo giorno Dio (Allah) esaudisca più facilmente le suppliche dei suoi fedeli e perché il giorno 27 si festeggia il miraj, l'ascensione che il profeta Maometto avrebbe fatto da vivo dal "Sacro Tempio" all'"ultimo Tempio" e perché nella notte si afferma sia avvenuta la conferma divina della missione profetica riservata a Maometto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam