Aiuto:Arabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuvola apps khelpcenter.pngSportello informazioni

Presentazione[modifica | modifica sorgente]

Questa pagina è una linea guida per la traslitterazione di termini e nomi in lingua araba su Wikipedia in italiano (ma vale come indicazioni di massima per tutti i nomi scritti con grafemi arabi, sia pur modificati come nel persiano, nell'urdu e nella lingua turco-ottomana).

Si stabilisce per convenzione che:

  • nel titolo della voce le parole in lingua araba vengano rese di preferenza con una traslitterazione la più precisa possibile, con l'impiego dei diacritici (puntini sottostanti o soprastanti, segni di allungamento vocalico) e con il ricorso al simbolo della 'ayn e della hamza). Per la traslitterazione si adotterà quella suggerita dalla Library of Congress, indicata anche come ALA-LC,[1] e che qui sotto viene riportata assieme ad altri sistemi convenzionali meno usati. Si potrà per qualsiasi dubbio utilmente vedere anche il lemma Traslitterazione dall'arabo).
    Va da sé che dovranno essere approntate come redirect le forme semplificate di traslitterazione (vale a dire senza diacritici).
    Si ricorda che per la nomenclatura delle voci «vale comunque la regola d'ordine generale di preferire la denominazione più diffusa» nei repertori più autorevoli e non solo sulla stampa, e che «per gli pseudonimi, vale una regola affine». Ad esempio ʿUmar Khayyām «sarà il titolo della voce principale», mentre ʿOmar Khayyām, Omar Khayyam, 'Omar Khayyam, Umar Khayyam o 'Umar Khayyam «saranno il titolo di un reindirizzamento (redirect)», così come Il Cairo sarà preferita all'originale traslitterato al-Qāhira. Queste regole generali, dove certificato da autorevoli fonti italiane, prevalgono su altre traslitterazioni.
  • nella prima occorrenza del titolo del lemma arabo traslitterato andrà subito proposta, se ritenuto utile, la forma araba, seguita immediatamente dalle traslitterazioni alternative.
  • nel corpo della voce possono essere usate sia la forma impiegata per il titolo della voce, sia una traslitterazione semplificata (senza diacritici), ovvero le forme semplificate più diffuse, già indicate nell'incipit del lemma.
  • dovranno essere infine creati i redirect da tutte le altre trascrizioni note.

Si consiglia inoltre di aggiungere, se è utile, la pronuncia IPA e una lettura audio.

Per la scrittura dei termini arabi traslitterati si tenga presente che:

  1. Non si scriverà la "tāʾ marbūṭa" finale (Jamāhīriyya, quindi, e non Jamāhīriyyah), anche se nello stato costrutto si dovrà comunque segnalare la sua trasformazione in "tāʾ ṭawīla" (wilāyat al-faqīh, quindi, e non wilāya al-faqīh).
  2. Si rispetterà sempre la "realtà grafica" a scapito di quella "fonetica" (troppo soggetta a mutamenti dialettali) e quindi l'articolo determinativo sarà sempre "al-", senza l'assimilazione fonetica tra la "lam" dell'articolo e la prima consonante del termine determinato (consonanti cosiddette shamsiyya). Es.: al-Nāṣir e non an-Nāṣir, anche se quest'ultimo è foneticamente corretto.
  3. Del pari le vocali traslitterate saranno solo la "a", la "i" e la "u", malgrado nella pronuncia araba siano perfettamente pronunciate la "e" e la "o".
  4. I dittonghi "ai" e "au" saranno sempre trascritti ay e aw.
  5. Si darà preferenza, come compare nella tabella, alla "j" anziché alla "ǧ" per traslitterare la "gīm", per lo stesso principio semplificatorio che farà prediligere la "kh" alla "h" per rendere la "khāf", o la "sh" alla "š" per la "shīn".

Tavola di comparazione dei differenti sistemi[modifica | modifica sorgente]

Lettera Nome ALA-LC
hamza —ʾ
alif ā
bāʼ b
tāʼ t
ṯāʼ th
ǧīm, jīm, gīm j
ḥāʼ
ḫāʼ kh
dāl d
ḏāl dh
rāʼ r
zāy z
sīn s
šīn sh
ṣād
ḍād
ṭāʼ
ẓāʼ
‘ayn ʿ
ġayn gh
fāʼ f
qāf q
kāf k
lām l
mīm m
nūn n
hāʼ h
wāw w
yāʼ y
alif madda ā
tāʼ marbūṭa (no) t
alif makṣūra ā à
lām-alif
ال alif lām al-

Su Wikipedia in lingua inglese spesso si fa ricorso a una traslitterazione fonetica (indicata in tabella come traslitterazione anglosassone) che cerca di rispettare la realtà della lingua parlata - estremamente varia, vista la grande pluralità dei cosiddetti "dialetti" (che altro non sono se non "lingue nazionali") - a detrimento della realtà grafica della lingua araba classica (fuṣḥa). Tale traslitterazione fonetica è pertanto ricorrente nelle traduzioni condotte nella Wikipedia italiana, a partire da quella anglosassone.
Per l'onomastica sarà tuttavia consigliabile seguire le regole arabe tradizionali, evitando così di dover scegliere tra "Mohamed, Mohammed, Mhammed, Mohammad", preferendo loro il classico "Muhammad", o tra "ben o bin" anziché il classico "ibn". Anche per i nomi teofori, i classici "ʿAbd Allah, ʿAbd al-ʿAziz o ʿAbd al-Rahman" saranno senz'altro da preferire ai dialettali a anglofili "Abdullah, Abdul Aziz o Abderrahman".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Proposta già al XIX Congresso Internazionale degli Orientalisti svoltosi a Roma nel 1935 e adottata da numerose riviste scientifiche internazionali.

Pagine correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]