Qāf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Uyghur - Arabic script - isolated form - ق (IPA q).svg

Qāf è la ventunesima lettera dell'alfabeto arabo. Nella numerazione abjad essa assume il valore 100.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dell'alfabeto arabo.

Questa lettera deriva secondo alcuni da 19 qaf.svg dell'alfabeto nabateo, secondo altri da ܩ dell'alfabeto siriaco. In ogni caso deriva da qoph dell'alfabeto aramaico (Qoph.svg), che nacque dalla qof dell'alfabeto fenicio (Phoenician qof.png), generata dalla qup dell'alfabeto proto-cananeo (Proto-Canaanite letter qup.svg).

Fonetica[modifica | modifica wikitesto]

Foneticamente corrisponde alla occlusiva uvulare sorda (q).

Scrittura e traslitterazione[modifica | modifica wikitesto]

Qāf viene scritta in varie forme in funzione della sua posizione all'interno di una parola:

Forma isolata Forma iniziale Forma intermedia Forma finale
…ﻗ …ﻘ… ﻖ…

Nella traslitterazione dall'arabo è comunemente associata a q. Per questo motivo essa è assimilabile alla lettera q dell'alfabeto latino.

Sintassi[modifica | modifica wikitesto]

Qāf è una lettera lunare. Ciò significa che quando ad una parola che inizia con questa lettera bisogna anteporre l'articolo determinativo (ال alif-lām al), esso non subirà alcuna modifica.

Ad esempio قمر (qamar, luna) diventa القمر (al-qamar, la luna), che si pronuncia [alqamar].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]