Mefistofele (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mefistofele
Chaliapin F. (Шаляпин Ф. И.) 1910 as “Mefistofele”.jpg
Feodor Chaliapin interpreta Mefistofele in una replica del 1910
Lingua originale italiano
Musica Arrigo Boito
Libretto Arrigo Boito

(libretto della prima versione in facsimile e formato testo
libretto online della seconda versione)

Fonti letterarie Faust di Goethe
Atti un prologo, quattro atti, un epilogo
Prima rappr. 5 marzo 1868
Teatro Milano, Teatro alla Scala
Versioni successive
Personaggi
  • Mefistofele (basso)
  • Faust (tenore)
  • Margherita (soprano)
  • Marta (contralto)
  • Wagner (tenore)
  • Elena (soprano)
  • Pantalis (contralto)
  • Nereo (tenore)
  • Falangi celesti, chorus mysticus, cherubini, penitenti, passeggiatori, balestrieri, cacciatori, studenti, villici, popolane, borghesi, streghe, stregoni, coretidi greche, sirene, doridi, corifei, Greci, guerrieri
« Son lo spirito che nega
Sempre tutto: l'astro, il fior...
Il mio ghigno e la mia bega
Turban gli ozi al Crëator »
(Mefistofele, atto I scena II)

Mefistofele è un'opera in quattro atti, un prologo e un epilogo, scritta e composta da Arrigo Boito ispirandosi al Faust di Goethe.

La prima rappresentazione avvenne a Milano, al Teatro alla Scala, il 5 marzo 1868, direttore lo stesso Boito, ma si risolse in un fiasco clamoroso. L'opera venne quindi ridotta e rielaborata dall'autore, che tra l'altro traspose per tenore la parte di Faust, originariamente per baritono. La nuova versione andò in scena con successo al Teatro Comunale di Bologna il 4 ottobre 1875, diretta da Emilio Usiglio. Fu soprattutto grazie al conte bolognese Agostino Salina che l'opera, nonostante le resistenze legate al fiasco meneghino, fu inserita nel programma del teatro felsineo. Le rappresentazioni bolognesi inaugurarono la stagione autunnale e al successo contribuirono le eccellenti interpretazioni di Romano Nannetti nel ruolo di Mefistofele e di Italo Campanini in quello di Faust. Il giovane soprano Erminia Borghi-Mamo sostenne i ruoli sia di Margherita sia di Elena.[1]

Da allora l'opera è sempre rimasta in repertorio, diretta da molte celebri bacchette, tra cui Franco Faccio, Luigi Mancinelli, Arturo Toscanini, Tullio Serafin, Leonard Bernstein e Riccardo Muti. Famosi interpreti di Mefistofele sono stati Nazzareno De Angelis che ne cantò 987 recite, Fëdor Ivanovič Šaljapin, Cesare Siepi, Giulio Neri, Samuel Ramey e Nicolai Ghiaurov. Nel ruolo di Faust spiccano interpreti quali Aureliano Pertile, Carlo Bergonzi, Alfredo Kraus, Giuseppe Di Stefano, Plácido Domingo e Luciano Pavarotti. Come Margherita Montserrat Caballé, Mirella Freni e Renata Tebaldi. Nel ruolo di Elena Giannina Arangi Lombardi, ancora la Caballé e Beverly Sills.

Al Teatro La Fenice di Venezia la prima è stata l'8 marzo 1879.

Nel Regno Unito la prima è stata il 6 luglio 1880 al Her Majesty's Theatre di Londra.

Negli Stati Uniti la prima è stata il successivo 16 novembre a Boston.

La versione definitiva va in scena con successo il 25 maggio 1881 alla Scala diretta da Franco Faccio.

Al Royal Italian Opera (oggi Royal Opera House, Covent Garden) di Londra la prima è stata l'11 luglio 1882.

Al Metropolitan Opera House di New York la premiere è stata il 5 dicembre 1883 diretta da Cleofonte Campanini con Italo Campanini e fino al 2000 ha avuto 67 recite.

In Scozia nel 1884 avvengono le prime il 21 novembre al Royal Lyceum Theatre di Edinburgo ed il 28 novembre al Royalty di Glasgow per il Carl Rosa Opera Company nella traduzione di Theophile Marzials.

Al Teatro Costanzi di Roma va in scena il 22 novembre 1899 con Enrico Caruso ed Emma Carelli.

Al Palais Garnier di Parigi la prima è stata il 9 maggio 1912 diretta da Tullio Serafin con Feodor Chaliapin.

Al Festival lirico areniano la prima è stata nel 1920 e fino al 1979 è stata in cartellone per 7 stagioni.

Per il Teatro Verdi (Trieste) va in scena nel 1940 diretta da Antonino Votto con Andrea Mongelli.

Al San Francisco Opera va in scena nel 1952 diretta da Fausto Cleva con Nicola Rossi-Lemeni, Ferruccio Tagliavini e Bidu Sayão.

A Bilbao va in scena nel 1963 con Angelo Lo Forese.

Al Wiener Staatsoper la premiere è stata nel 1997 diretta da Riccardo Muti con Samuel Ramey e fino al 2001 ha avuto 24 recite.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prologo in cielo[modifica | modifica sorgente]

Nebulosa. Dopo il preludio, echeggiano dietro la nebulosa i cori della prima falange celeste che inneggiano al signore (Ave signor degli angeli e dei santi). Compare Mefistofele (Ave signor, perdona se il mio gergo), che sfida il creatore: afferma di poter tentare il vecchio Faust. Il Chorus Mysticus acconsente e Mefistofele è sicurissimo della sua vittoria. Esce di scena al comparire dei cherubini, che, assieme alle penitenti, alle falangi celesti e a tutto il paradiso rendono una lode finale al Signore.

Atto I: La domenica di Pasqua[modifica | modifica sorgente]

Scena I: Francoforte sul Meno. Durante le celebrazione della domenica della Pasqua, Faust e l'amico Wagner osservano incuriositi uno strano Frate Grigio.

Scena II: Faust si interroga sull'amore di Dio verso l'uomo (Dai campi, ai prati) ed incontra il Frate Grigio, alias Mefistofele (Son lo spirito che nega) al quale concede l'anima in cambio della sapienza e della giovinezza. Mefistofele otterrà l'anima di Faust, se quest'ultimo, appagato dalla vita, dirà all'attimo fuggente «Arrestati, sei bello!».

Atto II: Il giardino, La notte del Sabba romantico[modifica | modifica sorgente]

Faust, sotto il falso nome di Enrico, incontra la giovane Margherita, e i due si innamorano (Cavaliero illustre e saggio), mentre Mefistofele tenta di sedurre Marta. I due discutono sulla religione e Faust, richiesto da Margherita se crede in Dio, le dà una risposta ambigua: amore, vita ed estasi sono Dio, è solo un modo di definirle con una sola parola. Margherita vorrebbe trascorrere la notte con lui, ma non può perché la madre è in casa, e Mefistofele le dà una boccetta contenente sonnifero (in realtà veleno). Alla fine le due coppie di amanti si rincorrono per il giardino e si abbracciano.

Nella seconda scena, Mefistofele porta Faust sul monte Brocken (Su, cammina, cammina), e gli mostra il sabba romantico. Gli stregoni e le streghe rendono omaggio a Mefistofele. Dopo l'aria Ecco il mondo cantata da Mefistofele, compare l'immagine di Margherita. Faust ne è turbato: sembra sia stata decapitata, e il diavolo ironizza paragonandola a Medusa decapitata da Perseo. Mefistofele fa in modo che l'immagine scompaia, e il sabba riprende.

Atto III: La morte di Margherita[modifica | modifica sorgente]

Margherita è condannata a morte per aver ucciso la madre e il figlio (L'altra notte in fondo al mare). Faust giunge con Mefistofele e cerca di convincerla a farla scappare (Lontano, lontano). Ma la donna, riconoscendo in Mefistofele il Diavolo, rifiuta di scappare con Faust, e l'anima della donna ascende al cielo (Enrico, mi fai ribrezzo).

Atto IV: La notte del Sabba classico[modifica | modifica sorgente]

Mefistofele mostra a Faust la notte del sabba classico. Le coretidi e le ninfe rendono omaggio alla bella Elena di Troia, che però ha un'orribile visione della distruzione di Troia (Notte, cupa, truce). Faust compare e seduce Elena (Forma ideal, purissima).

Epilogo: La morte di Faust[modifica | modifica sorgente]

Faust, tornato vecchio, è intento alla costruzione di un nuovo mondo, e, affascinato dalla prospettiva della propria opera (Giunto sul passo estremo), non vuole più concedere l'anima a Mefistofele. Compaiono le schiere angeliche che distolgono Faust dal diavolo. Mefistofele cerca di ipnotizzarlo ancora, ma Faust, davanti alle visioni celesti, pronuncia la fatidica frase: «Arrestati, sei bello», rivolta all'attimo fuggente. Mefistofele ha perso, Faust è salvo, mentre risuonano i canti delle schiere angeliche che avevano aperto l'opera. Mefistofele sprofonda nella terra, irradiato dalla luce dei cherubini.

Brani famosi[modifica | modifica sorgente]

  • Ave Signor, coro (prologo)
  • Ave signor, perdona se il gergo, monologo di Mefistofele (prologo)
  • Dai campi, dai prati, romanza di Faust (atto primo)
  • Son lo spirito che nega, aria di Mefistofele (atto primo)
  • Dimmi se credi, Enrico, duetto tra Margherita e Faust (atto secondo)
  • Ecco il mondo, aria di Mefistofele (atto secondo)
  • L'altra notte in fondo al mare, romanza di Margherita (atto terzo)
  • Lontano, lontano, lontano, duetto tra Faust e Margherita (atto terzo)
  • Spunta l'aurora pallida, romanza di Margherita
  • Notte cupa, truce, senza fine, funèbre, monologo di Elena (atto quarto)
  • Giunto sul passo estremo, romanza di Faust (epilogo)
  • All'erta!...Ave, Signor, concertato finale (epilogo)

Incisioni[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Mefistofele, Faust, Margherita, Elena) Coro e Orchestra Direttore Etichetta
1930 Nazzareno De Angelis, Antonio Melandri, Mafalda Favero, Giannina Arangi Lombardi Coro e Orchestra del Teatro alla Scala di Milano Lorenzo Molajoli Arkadia
1958 Cesare Siepi, Mario Del Monaco, Renata Tebaldi, Floriana Cavalli Coro e Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Tullio Serafin Decca
1972 Norman Treigle, Placido Domingo, Montserrat Caballé, Josella Ligi Ambrosian Opera Chorus, London Symphony Orchestra Julius Rudel EMI
1982 Nicolai Ghiaurov, Luciano Pavarotti, Mirella Freni, Montserrat Caballé London Opera Chorus, National Philharmonic Orchestra Oliviero De Fabritiis Decca
1988 Samuel Ramey, Placido Domingo, Eva Marton, Eva Marton Hungarian Opera Chorus, Hungarian State Orchestra Giuseppe Patanè Sony Classical

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A.Testoni, Ottocento bolognese. Nuovi ricordi di Bologna che scompare, Bologna, Licinio Cappelli, 1933, pp.76-81

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Arrigo Boito, Il primo Mefistofele, a cura di Emanuele d'Angelo, Venezia, Marsilio, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica