Romilda Pantaleoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romilda Pantaleoni

Romilda Pantaleoni (Udine, 29 agosto 1847Milano, 20 maggio 1917) è stata un soprano italiano.

Studiò canto al Conservatorio di Milano con Francesco Lamperti e Bartolomeo Prati. Esordì nel 1868 al Teatro Carcano di Milano nella Margherita di Jacopo Foroni. L'apice della sua carriera furono gli anni Ottanta, in particolare dopo il debutto al Teatro alla Scala nella Gioconda di Amilcare Ponchielli, il 26 dicembre 1883. Ancora alla Scala fu la prima Marion in Marion Delorme, opera che Ponchielli le dedicò, la prima Desdemona nell'Otello di Verdi e la prima Tigrana nell'Edgar di Puccini.

Grazie ad una voce vigorosa e duttile e ad una recitazione appassionata, ottenne grandi successi nei ruoli drammatici. La sua interpretazione del ruolo lirico di Desdemona, viceversa, non soddisfece pienamente Verdi, che sin dalle prove lamentò un eccesso di enfasi nel duetto finale del primo atto.[1]

Si ritirò dalle scene nel 1891, dopo la morte di Franco Faccio, con il quale ebbe una relazione.

Fu sorella del baritono Adriano Pantaleoni (Sebenico, 7 ottobre 1837 - Udine, 18 dicembre 1908).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Sa benissimo tutta la sua parte, e ne trarrà, spero eccellenti effetti. Solo nella scena del 1°. Atto manca qualcosa. Non è che non dica bene i suoi a solo, ma li dice con troppo accento e troppo drammaticamente.» (Lettera ad Arrigo Boito del 29 ottobre 1886, in Carteggio Verdi-Boito, a cura di Mario Medici e Marcello Conati, Istituto di Studi Verdiani, Parma 1978, pp. 116-7).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gioacchino Grasso, Romilda Pantaleoni. Una friulana nel mondo della lirica, Biblioteca Statale Isontina, Gorizia 2009

Controllo di autorità VIAF: 90538985