Lauro Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« ...affinché alla divina arte de' suoni venga conservato il miglior suo pregio, cioè il cuore, l'affetto, la commozione, fa d'uopo che la parte melodica cantante sia il primo pensiero del compositore. Ove tal pregio predomini, anche le più arrischiate astruserie possono riuscire soddisfacenti e piacevoli. »
(Lauro Rossi, 19 giugno 1870)
Lauro Rossi

Lauro Rossi (Macerata, 19 febbraio 1810Cremona, 5 maggio 1885) è stato un compositore italiano, dedito soprattutto al teatro d'opera.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Entrò giovanissimo nel Real Collegio di Musica di Napoli, dove studiò musica coi maestri Giovanni Furno, Niccolò Zingarelli e Girolamo Crescentini, e ne uscì musicista nel 1829.

Inizialmente scrisse alcune messe cantate ed altre composizioni vocali; poi, nella primavera 1829, esordì con l’opera buffa "Le contesse villane" al Teatro la Fenice di Napoli.

Viaggiò per vario tempo per mettere in scena le sue opere, occupando vari posti di maestro. Dal 1835 al 1844 percorse il Messico insieme ad una compagnia d'opera italiana.

Nel 1850 occupò il posto di direttore del Regio Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Nel 1871 succedette a Saverio Mercadante nella direzione di quello di Napoli, carica che tenne sino al 1878.

Nel 1882 si ritirò a vivere a Cremona.

Fu socio onorario di diverse Accademie e ricevette vari Ordini Cavallereschi.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Cremona, lapide in memoria
  • Le contesse villane (Napoli, teatro Nuovo, carnevale 1830; rifatta dal suo primo lavoro)
  • Costanza ed Oringaldo (Napoli, teatro S. Carlo, 30 maggio 1830)
  • La casa in vendita o il casino di campagna (Napoli, teatro Nuovo, estate 1831)
  • Lo sposo al lotto (Napoli, estate 1831)
  • Baldovino tiranno di Spoleto (Roma,1832)
  • Il maestro di scuola (Roma, 1832)
  • Il disertore svizzero (Roma, teatro Valle, 9 settembre 1832)
  • Le fucine di Bergen (Roma,1833)
  • La casa disabitata o I Falsi monetari, teatro alla Scala, 16 agosto 1834
  • Amelia (Napoli, teatro S. Carlo, 31 dicembre 1834)
  • Leocadia (Milano, teatro della Cannobiana, 30 aprile 1835)
  • Giovanna Shore (Messico, 1836)
  • Il Borgomastro di Schiedam (Milano, teatro Re, primo giugno 1844)
  • Dottor Bobolo o La Fiera (Napoli, teatro Nuovo, 2 marzo 1845)
  • Cellini a Parigi (Torino, Teatro d'Angennes, 2 giugno 1845)
  • Azema di Granata (Milano, teatro alla Scala, 21 marzo 1846)
  • La Figlia di Figaro (Vienna, teatro di Porta Carinzia, 17 aprile 1846)
  • Bianca Contarini (Milano, teatro alla Scala, 24 febbraio 1847)
  • Il Domino nero (Milano, teatro della Cannobiana, primo settembre 1849; uno dei suoi migliori lavori)
  • Le Sabine (Milano, teatro alla Scala, 21 febbraio 1852)
  • L'Alchimista (Napoli, teatro del Fondo, 23 agosto 1853)
  • La Sirena (Milano, teatro della Cannobiana, 11 ottobre 1855)
  • Lo Zigaro rivale (Torino, teatro Balbo, giugno 1867)
  • Il Maestro e la Canlante (Torino, teatro Nota, 1867)
  • Gli Artisti alla fiera (Torino, teatro Carignano, 7 novembre 1868)
  • La Contessa di Mons (Torino, teatro Regio, 31 gennaio 1874)
  • Cleopatra (Torino, 5 marzo 1876)

Messe cantate[modifica | modifica sorgente]

  • Saul (Roma, Ospizio S. Michele, 1833)
  • Elegia In morte di Vincenzo Bellini (1835)
  • A Giovanni Ricordi, serenata a voci sole (Blevio, 6 agosto 1850)
  • Elegia a Mercadante (Napoli, 1876)

Altro[modifica | modifica sorgente]

Brani strumentali, musica vocale da camera, 8 vocalizzi e 12 esercizi per canto. Sinfonia in re minore a Grande Orchestra offerta all'Istituto musicale in Novara 1 aprile 1863.

Pubblicò: Guida ad un corso di armonia pratica orale per gli allievi del Conservatorio di Milano (Milano, Ricordi).

A Lauro Rossi è dedicato il teatro di Macerata, già Teatro Condominiale fino al 1884, anno in cui prese il nome del celebre compositore.

Nel 2008 avviene l'esecuzione della "Cleopatra" di sua composizione nel Teatro Lauro Rossi per la regia di Pier Luigi Pizzi con Alessandro Liberatore, Paolo Pecchioli, Dimitra Theodossiou e Tiziana Carraro per lo Sferisterio Opera Festival.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Multimedia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54905258 LCCN: no95048438 SBN: IT\ICCU\CFIV\081677