Hamlet (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amleto
Titolo originale Hamlet
Lingua originale francese
Musica Ambroise Thomas
Libretto Jules Barbier e Michel Carré
Fonti letterarie Amleto di William Shakespeare
Atti cinque
Epoca di composizione 1868
Prima rappr. 9 marzo 1868
Teatro Parigi, Opéra
Prima rappr. italiana 26 febbraio 1876
Teatro Venezia, Gran Teatro La Fenice
Personaggi
  • Amleto, principe di Danimarca (baritono)
  • Claudius, re di Danimarca (basso)
  • Polonius, gran ciambellano (basso)
  • Horatio, amico di Hamlet (basso)
  • Marcellus, ufficiale (tenore)
  • Laërte e Ophélie, figli di Polonius (tenore e soprano)
  • Spettro del defunto re, padre di Hamlet (basso)
  • Gertrude, regina di Danimarca, madre di Hamlet (mezzosoprano)
  • Due becchini (tenore e basso)
  • Dame, gentiluomini, soldati, commedianti, servitori, paesani danesi

Amleto è un'opera in 5 atti di Ambroise Thomas, su libretto di Michel Carré e Jules Barbier, rappresentata all'Opéra de Paris il 9 marzo 1868.

La tragedia di Shakespeare assume un carattere romantico che ne stravolge il senso. Amleto perde la sua ironia raggelante, le due coppie di cortigiani spariscono, il ruolo di Polonio non esiste praticamente più, Gertrude non solo sa del crimine, ma ne è la complice, come attesta il duetto dei sovrani nel II atto. In questo modo, il crimine non è più potenzialmente fantastico, diventa realtà obiettiva. Il dramma si restringe sulla tensione al cuore dell'amaro personaggio di Amleto, i suoi aspetti bizzarri sono cancellati.

L'opera ha affascinato molto per la sua scena di follia tradizionale che occupa per intero l'atto IV: la canzone di Ofelia.

Trama dell'opera[modifica | modifica sorgente]

Atto 1[modifica | modifica sorgente]

Sala del palazzo reale
La corte danese festeggia le nozze del nuovo re Claudio e Gertrude, vedova del precedente Re (fratello di Claudio). Se la corte è in festa, non lo è Amleto, che non approva le nuove nozze della madre, a pochi mesi di distanza dalla morte del padre. L'amata Ofelia cerca di distoglierlo dai suoi lugubri pensieri, e Amleto le riconferma il suo amore. Nel frattempo entra Laerte, fratello di Ofelia, che è costretto a partire per la Norvegia per volere del re, e affida ad Amleto la sorella. La festa ricomincia, e Amleto si allontana. Entrano Marcello e Orazio, preoccupati, in cerca di Amleto: ai cortigiani che chiedono cosa sia successo, rispondono di aver visto lo Spettro del vecchio Re aggirarsi sugli spalti del castello di notte. Il coro li deride e ritorna a festeggiare.
Bastioni del castello
Amleto, convocato dai due amici, aspetta sugli spalti del castello. Lo Spettro riappare, e ordina di rimanere solo con Amleto. Una volta usciti Marcello e Orazio, lo Spettro si riconferma come l'anima del padre di Amleto, ucciso dal fratello Claudio con la complicità della madre. Lo Spettro ordina al figlio di punire il suo assassinio uccidendo l'usurpatore del trono, e di lasciare la madre alla giustizia divina. Lo Spettro scompare, e Amleto, sconvolto, si prepara ad attuare il suo piano.

Atto 2[modifica | modifica sorgente]

Giardini
Ofelia inizia a dubitare dell'amore di Amleto, che è da un giorno che la evita e non la considera, e confida alla regina Gertrude i suoi propositi di allontanarsi dalla corte. Gertrude la scongiura di non andarsene, dato che il comportamento di Amleto si è fatto sinistro anche verso di lei, e vede nella fanciulla un possibile rimedio a questa sua nuova "follia". Nel frattempo re Claudio espone le sue perplessità sul figliastro a Gertrude, e cerca invano di costruire un rapporto con Amleto chiamandolo "figlio"; ma Amleto rifugge ogni forma di contatto. Il giovane sta già preparando un piano per accertarsi della colpevolezza del patrigno. Sala del palazzo con un piccolo teatro
Amleto ha allestito con una compagnia di attori vaganti uno spettacolo per la corte, intitolato "L'assassinio di re Gonzaga", che mette in scena una vicenda uguale a quella avvenuta. Come previsto, Claudio reagisce spaventato, e ordina la fine della rappresentazione. Amleto ha la conferma della sua colpevolezza e lo copre d'insulti di fronte a tutta la corte, sconvolta dalla demenza del principe.

Atto 3[modifica | modifica sorgente]

Camera della regina
Amleto sorprende Claudio a pregare, e fa per colpirlo, ma si rende conto che se l'avesse ucciso con la preghiera ancora sulle labbra, il pentimento l'avrebbe salvato. Amleto, spiando un dialogo tra Claudio e Polonio (padre di Ofelia), ha la conferma che anche lui e molti membri della corte furono coinvolti nella congiura. Ancora sconvolto, rifiuta il matrimonio che la madre gli propone tra lui e Ofelia, e insulta la fanciulla. La ragazza esce in lacrime, sconvolta, così come sconvolta è la regina. Amleto, in uno scatto d'ira, insulta la madre e fa per ucciderla, ma lo Spettro del padre riappare e gli ingiunge di non uccidere la donna. Amleto obbedisce, e Gertrude lamenta la follia del figlio.

Atto 4[modifica | modifica sorgente]

Campagna
I contadini festeggiano il ritorno della primavera. Entra in scena Ofelia, che il rifiuto e gli insulti di Amleto hanno fatto impazzire. La fanciulla danza distribuendo fiori a tutti e annunciando le sue prossime nozze con Amleto. Il coro lamenta la sua triste sorte, e Ofelia, per raccogliere dei fiori, entra nel fiume, ma la corrente la trascina sul fondo e la fanciulla annega.

Atto 5[modifica | modifica sorgente]

Cimitero
Amleto è ancora ignaro della sorte di Ofelia, e di fronte agli insulti di Laerte, appena tornato dalla Norvegia, non sa cosa rispondere. Disperata è la sua reazione quando passa in quel momento il corteo funebre che porta la bara con dentro la fanciulla. In quel momento riappare lo Spettro, che questa volta tutta la corte riesce a vedere, e fa capire ad Amleto che il momento della vendetta è giunto. Amleto uccide Claudio, e lo Spettro ordina il convento per Gertrude. La corte ineggia ad Amleto, nuovo re, che piange ancora la morte dell'amata.

Struttura dell'opera[modifica | modifica sorgente]

  • Prèlude

Atto primo[modifica | modifica sorgente]

  • 1 Introduzione Que nos chants moontent jusq'aux cieux (Coro, Claudio, Gertrude)
  • 2 Recitativo e duetto "Doute de la lumière" (Amleto, Ofelia)
  • 3 Recitativo e cavatina Pour mon pays (Laerte)
  • 4 Coro Nargue de la tristesse!
  • 5 Scena e invocazione Spectre infernal! Image venéree! (Amleto, Spettro, Marcello, Orazio)
  • Entr'acte

Atto secondo[modifica | modifica sorgente]

  • 6 Aria Sa main depuis hier (Ofelia)
  • 7 Recitativo e arioso Dans son regards (Gertrude)
  • 8 Duettino L'âme de votre fils (Claudio, Gertrude, Amleto)
  • 9 Coro dei commedianti Princes sans apanages
  • 10 Brindisi O vin, dissipe la tristesse (Amleto)
  • 11 Marcia danese, recitativo e Prologo Voici l'istant! (Amleto)
  • 12 Pantomima e finale O mortelle offense! (Claudio, Ofelia, Gertrude, Amleto, Polonio, Marcello, Orazio, Coro)
  • Entr'acte

Atto terzo[modifica | modifica sorgente]

  • 13 Monologo Etre o nou pas etre (Amleto)
  • 14 Recitativo e preghiera Je t'implore, o mon frère! (Claudio)
  • 15 Terzetto Allez dans un cloitre, Ophélie (Amleto, Gertrude, Ofelia)
  • 16 Duetto Hamlet, ma douleur est immense! (Gertrude, Amleto, Spettro)
  • Entr'acte

Atto quarto[modifica | modifica sorgente]

  • 17 Introduzione Voici la riante saison
  • 18 Scena della pazzia di Ofelia:
    • Recitativo A vos jeux, mes amis
    • Andante Un doux serment
    • Tempo di valzer Partegez-vous mes fleurs
    • Ballata Pale et blonde
  • 19 Coro Sa raison a fui sans retour
  • 20 Finale Le voilà! Je crois l'entendre! (Ofelia)

Atto quinto[modifica | modifica sorgente]

  • 21 Canzone Dame ou prince, homme ou femme (Primo e secondo becchino)
  • 22 Recitativo e arioso Comme un pale fleur (Amleto)
  • 23 Marcia funebre e coro Comme la fleur
  • 24 Finale Ophélie! Morte! (Amleto, Claudio, Gertrude, Laerte, Polonio, Orazio, Marcello, Spettro, Coro)

Incisioni discografiche[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Hamlet, Ophélie, Claudius, Gertrude, Laerte) Direttore
1983 Sherrill Milnes, Joan Sutherland, James Morris, Barbara Conrad, Gösta Winbergh Richard Bonynge
1993 Thomas Hampson, June Anderson, Samuel Ramey, Denyce Graves, Gregory Kunde Antonio de Almeida
1994 Bo Skovhus, Alexandrina Pendatchanska, Kurt Rydl, Viorica Cortez, Jorge López-Yáñez Reynald Giovaninetti
2003 Simon Keenlyside, Natalie Dessay, Alain Vernhes, Béatrice Uria-Monzon, Danil Shtoda Bertrand de Billy

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica