Katia Ricciarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Catuscia Maria Stella "Katia"[1] Ricciarelli (Rovigo, 18 gennaio 1946) è un soprano e attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Katia Ricciarelli nasce in una famiglia poco agiata. La madre, abbandonata dal marito arruolatosi come volontario nella campagna di Russia, è costretta a crescere da sola le tre figlie. Katia, ultimogenita, avuta dalla relazione con un altro uomo conosciuto durante un soggiorno lavorativo in Germania, dimostra sin dall'adolescenza un forte interesse per il canto, svolgendo nel frattempo diversi lavori per sostenersi (tra cui l'operaia in una fabbrica di mangiadischi). La madre, con grandi sacrifici economici, riesce a iscriverla al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, dove Katia studia con il celebre soprano Iris Adami Corradetti.[2].

Debutta a Mantova nel 1969 con La bohème ed è Imogene ne Il pirata di Vincenzo Bellini in selezione in un concerto nell'ambito dell'Autunno Padovano per il Teatro La Fenice di Venezia diretta da Nino Sanzogno. Nel l'anno successivo canta al Teatro Comunale di Treviso e al Regio di Parma nel Trovatore ed al Teatro La Fenice di Venezia nel Sogno di una notte di mezza estate di Felix Mendelssohn-Bartholdy, ma sale alla ribalta nel 1971 dopo aver vinto il Concorso Internazionale Voci Verdiane della RAI insieme al tenore Beniamino Prior e all'allora baritono, poi tenore, Giuliano Bernardi, interpretando un'aria da Il corsaro. Nello stesso anno debutta nel ruolo verdiano di Desdemona, sempre al Comunale di Treviso[3].

Nel 1972 è Medora nel Corsaro di Giuseppe Verdi al Teatro Regio di Parma e al Teatro Verdi di Trieste, Mimì nelle riprese di La bohème di Giacomo Puccini al Teatro Regio di Parma e nel Teatro Nuovo di Torino. Nello stesso anno al Teatro alla Fenice di Venezia è Giovanna nella ripresa di Giovanna d'Arco di Verdi, Maria Maddalena nella prima rappresentazione di "La resurrezione di Cristo" di don Lorenzo Perosi con Lucia Valentini Terrani e Renato Bruson e canta la Messa di Requiem di Giuseppe Verdi.

Nel 1973 è Suor Angelica nell'opera omonima nella prima rappresentazione al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro La Fenice è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi e Elisabetta di Valois in Don Carlo con Nicolai Ghiaurov, Piero Cappuccilli e Fiorenza Cossotto diretta da Georges Prètre ed è Liù in Turandot e Leonora ne Il trovatore al Wiener Staatsoper.

Nel 1974 al Teatro Verdi di Trieste è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi e Mimì ne La bohème con Josè Carreras e Ferruccio Furlanetto. Nello stesso anno è Luisa in Luisa Miller al San Francisco Opera ed al Wiener Staatsoper è Mimì ne La Bohème ed Elisabetta in Don Carlo ed è Mimì con Plácido Domingo al Royal Opera House di Londra.

Nel 1975 è Hélène nella prima rappresentazione radiofonica in concerto nell'Auditorium RAI di Torino di "Jérusalem" di Giuseppe Verdi con Josè Carreras ed Amelia ne Un ballo in maschera al Wiener Staatsoper e con Plácido Domingo e Piero Cappuccilli diretta da Claudio Abbado al Covent Garden. Nello stesso anno debutta al Metropolitan Opera House di New York come Mimì ne La bohème con José Carreras ed è anche Micaela in Carmen con Plácido Domingo e José Van Dam.

Nel 1976 è Maria Boccanegra-Amelia Grimaldi nella ripresa nel Teatro alla Scala di Milano di "Simon Boccanegra" di Giuseppe Verdi con Piero Cappuccilli diretta da Claudio Abbado e Violetta Valèry ne La traviata con Josè Carreras e Giorgio Zancanaro al Teatro Verdi di Trieste.

La piastrella del Muretto di Alassio autografata dalla Ricciarelli

Nel corso della sua carriera si è esibita nei migliori teatri del mondo spaziando tra le opere di Puccini, Verdi, Rossini, Donizetti ed altri ancora, raggiungendo livelli di particolare eccellenza nella seconda metà degli anni '70 interpretando Anna nella ripresa nel Teatro Regio di Parma di "Anna Bolena" di Gaetano Donizetti nel 1977 e Tancredi, New York, 1978.

Al Royal Opera House è Elisabeth de Valois in Don Carlos con José Carreras, Nicolai Ghiaurov e Grace Bumbry nel 1977, Luisa in Luisa Miller con Leo Nucci, Luciano Pavarotti e Richard Van Allan nel 1978 e nel 1979 con Renato Bruson e Plácido Domingo.

Nel 1977 è Desdemona in Otello (Verdi) con Piero Cappuccilli al Wiener Staatsoper.

A Bilbao è Violetta ne La traviata con Juan Pons, Elisabetta in Don Carlo con Josè Carreras e Fiorenza Cossotto e Leonora ne Il trovatore con la Cossotto nel 1977.

Al Grand Théâtre di Ginevra è Elisabetta in Don Carlos nel 1977 e Matilde in Guglielmo Tell nel 1979.

Al Met è nuovamente Mimì sempre con Carreras sempre nel 1977, Desdemona in Otello e Luisa in Luisa Miller nel 1978.

A San Francisco sempre nello stesso anno è Amelia ne Un ballo in maschera e Desdemona in Otello nel 1978.

Nel 1978 è Luisa in Luisa Miller con Leo Nucci al Teatro Verdi di Trieste e canta la Petite messe solennelle di Giacchino Rossini con Lucia Valentini Terrani, Luigi Alva e Cesare Siepi al Teatro alla Scala di Milano.

Nel 1979 è Lucrezia nella ripresa di "Lucrezia Borgia" di Gaetano Donizetti con Alfredo Kraus e Bonaldo Giaiotti al Teatro Comunale di Firenze ed è Leonora ne Il trovatore con Giorgio Zancanaro e Fiorenza Cossotto e Desdemona in Otello al Teatro La Fenice.

Nello stesso anno alla Scala canta in un concerto di musiche di Verdi con Domingo, Ileana Cotrubas, Leo Nucci e Mirella Freni diretta da Claudio Abbado ed è Lucrezia Contarini nella prima rappresentazione di I due Foscari con Piero Cappuccilli nella stagione 1979/1980.

Dotata di notevoli qualità vocali, la Ricciarelli non ha tuttavia risolto interamente un problema tecnico di impostazione del registro acuto, causando un precoce declino dell'intera organizzazione vocale: le filature che l'avevano resa famosa sono diventate sempre meno sicure e gli acuti sempre più precari.

Negli anni ottanta il declino si è fatto progressivamente più evidente, causandole alcuni fiaschi, soprattutto di fronte a ruoli troppo spinti per le sue caratteristiche vocali. Ad esempio, nel 1983 la Ricciarelli cantò l'Aida alla Royal Opera House di Londra, forte dell'incisione di due anni prima e dell'irrobustimento della voce, ma fu fischiata a causa della difficoltà negli acuti estremi; tre anni dopo, fece il suo infelice debutto a Trieste con Norma (che poi ripeté a Tokyo), tant'è che il giorno dopo la rappresentazione la città fu tappezzata da cartelloni con scritto «Norma è morta». Inoltre è nota la performance alla Scala del maggio 1989 con Luisa Miller, in cui la Ricciarelli riscosse un fiasco[4][5]: alla fine dell'opera, la cantante uscì sul palcoscenico, infuriata, maledicendo tutti gli spettatori[senza fonte].

Negli stessi anni ottanta, peraltro, la Ricciarelli iniziò una collaborazione decennale col Rossini Opera Festival di Pesaro e fu in grado di cogliere ancora successi notevoli, talora anche clamorosi, nel repertorio belcantista: Rossini stesso principalmente (Semiramide, Elena ne La donna del lago, Bianca in Bianca e Falliero a fianco di Marilyn Horne, Ninetta ne La gazza ladra, Madama Cortese nella storica prima ripresa assoluta de Il viaggio a Reims sotto la direzione di Abbado), ma anche Donizetti (si ricorda soprattutto una smagliante Lucrezia Borgia a Bologna nel 1984[6]).

Nel 1980 vince il Premio Speciale Giovanni Zenatello.

Nel 1980 è Amelia ne Un Ballo in Maschera con Luciano Pavarotti al Met, è Leonora nella ripresa di "Il trovatore" di Giuseppe Verdi con Fiorenza Cossotto nel Nuovo Teatro Regio di Torino, è Lucia in Lucia di Lammermoore con Giorgio Zancanaro e José Carreras al Royal Opera House e Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi con Agnes Baltsa al Wiener Staatsoper.

Per il Teatro la Fenice di Venezia nello stesso anno canta lo Stabat Mater di Pergolesi nella Chiesa di S. Stefano con Lucia Valentini Terrani diretta da Claudio Abbado e Maria nella ripresa di "Maria di Rudenz" di Gaetano Donizetti con Leo Nucci nella stagione 1980/1981.

Al Grand Théâtre di Ginevra è Donna Anna in Don Giovanni nel 1980, Violetta Valery ne La traviata nel 1982 ed Amenaide in Tancredi nel 1990.

Nel 1981 è Luisa in Luisa Miller con Leo Nucci, Carlo Bergonzi e Richard Van Allan al Royal Opera House.

Nel 1982 è Argelia nella prima rappresentazione in concerto nella Queen's Elizabeth Hall di Londra di "L'esule di Roma ossia Il proscritto" di Gaetano Donizetti, tiene un recital nel Teatro La Fenice, è Alice Ford in Falstaff con Renato Bruson, Barbara Hendricks, Lucia Valentini-Terrani e Leo Nucci ed è ancora Luisa in Luisa Miller con José Carreras e Leo Nucci al Met.

Nel 1983 partecipa al Centennial Gala II al Metropolitan Opera House (per celebrare il 100º anniversario del Met).

Alla Scala è Liù in Turandot con Ghena Dimitrova e Rolando Panerai sempre nel 1983, tiene un recital con Leone Magiera nel 1984 ed è Madama Cortese nella prima rappresentazione di Il viaggio a Reims ossia l'Albergo del Giglio d'Oro con Cecilia Gasdia, Lucia Valentini Terrani, Samuel Ramey ed Enzo Dara diretta da Claudio Abbado nel 1985, tiene un recital nel 1988 ed è Luisa nella prima rappresentazione di Luisa Miller con Giorgio Zancanaro nel 1989.

Al Wiener Staatsoper è Luisa in Luisa Miller con José Carreras e Giorgio Zancanaro nel 1983, Amelia Grimaldi in Simon Boccanegra con Renato Bruson diretta da Claudio Abbado nel 1984 e Maria in Maria Stuarda nel 1987.

Al Royal Opera House è Leonora ne Il trovatore con Richard Van Allan e José Carreras e Desdemona in Otello con Plácido Domingo sempre nel 1983, nel 1987 e nel 1990 diretta da Carlos Kleiber. Aida nell'opera omonima con Luciano Pavarotti diretta da Zubin Mehta nel 1984, Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi con Richard Van Allan e Tatiana Troyanos nel 1985 ed Elisabetta di Valois in Don Carlo con Samuel Ramey ed Agnes Baltsa nel 1989. Complessivamente la Ricciarelli ha preso parte a quarantadue rappresentazioni al Covent Garden.

A San Francisco è Violetta Valéry ne La Traviata nel 1983 e Desdemona in Otello nel 1989.

Per il Teatro La Fenice canta in un concerto musiche di Richard Wagner ed in un altro arie di Vivaldi al Teatro Malibran sempre nel 1983, tiene un recital nel 1984, è Armida nell'opera omonima di Gioacchino Rossini nel 1985.

Nel 1984 è Anna Bolena nell'opera omonima al San Diego Opera.

Nel 1986 è Elvira Valton nella prima rappresentazione nel Teatro Petruzzelli di Bari di "I puritani" di Vincenzo Bellini.

Nello stesso anno nel Teatro Regio di Parma è Hélène nella prima rappresentazione di "Jérusalem" di Giuseppe Verdi con Cesare Siepi e tiene un recital, con musiche di Giuseppe Verdi, Wolfgang Amadeus Mozart, Gioachino Rossini e Gaetano Donizetti.

Per il Teatro La Fenice canta musiche di Richard Wagner ed aggiunge anche lo Exsultate, Jubilate di Wolfgang Amadeus Mozart al Teatro G. Verdi di Padova nel 1988, è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi nel 1991, canta nel Concerto di Gala per il Bicentenario per La Fenice con Mariella Devia, Marilyn Horne, Raina Kabaivanska, Bernadette Manca di Nissa e Samuel Ramey diretta da Georges Prêtre nel 1992, tiene un recital al Teatro Toniolo di Mestre nel 1995, per La Fenice a Varsavia partecipa alla Tournée del Gran Teatro La Fenice al Teatro Nazionale di Varsavia nel 1996 e tiene un concerto di gala al Teatro Malibran nel 2001.

Nel 1990 fa la sua ultima apparizione al Met come Desdemona con Plácido Domingo raggiungendo le quarantasette rappresentazioni complessive a New York.

Al Wiener Staatsoper è Maddalena di Coigny in Andrea Chénier con Renato Bruson nel 1992 e Fedora nell'opera omonima nel 1995. Complessivamente il soprano ha cantato in sessantanove rappresentazioni allo Staatsoper.

Intensa anche la sua attività discografica, divisa tra opere complete e recital. Tra le incisioni si segnalano il Tancredi live alla Carnegie Hall e la Tosca, più in generale le registrazioni datate anni '70, in cui l'assetto vocale era intatto.

Nella sua attività lirica e concertistica ha collaborato spesso con José Carreras, Ruggero Raimondi, Agnes Baltsa, Samuel Ramey, Lucia Valentini Terrani, Plácido Domingo, Renato Bruson, Leo Nucci, ed è stata diretta da molti grandi direttori quali Riccardo Muti, Zubin Mehta, Herbert Von Karajan, Sir Colin Davis, James Levine, Claudio Abbado, Lorin Maazel, Carlo Maria Giulini, Georges Prêtre e Gianandrea Gavazzeni.

Nel 1994, per i suoi venticinque anni di carriera, è insignita del titolo di Kammersängerin a Vienna e di Grande Ufficiale della Repubblica Italiana. Sempre dal 1994 collabora stabilmente col pianista Giovanni Velluti.

Nel 1996 canta in "Troppo troppo" e "Insieme lo denunciam" con Edoardo Bennato ed i Solis String Quartet contenute in Quartetto d'archi (album).

Per le stagioni 1998/99 è direttore artistico del Teatro Politeama di Lecce.

Nel 1999 ha festeggiato il 30º anniversario di carriera con nuovi debutti operistici (Fedora di Giordano), concerti, mostre, un volume con la storiografia completa della carriera, un CD della Deutsche Grammophon con le arie più famose, oltre a numerose apparizioni televisive e presenta su RaiUno, insieme a Michele Cucuzza e Gianfranco D'Angelo, il programma Segreti e... bugie..

Dallo stesso anno ha sfoltito la carriera operistica, limitando la sua attività al Teatro Politeama Greco di Lecce, dove ha cantato Adriana Lecouvreur (1999) e debuttato in nuove opere: Werther (2001), Prima donna ne Le convenienze ed inconvenienze teatrali (2002), Rinaldo (2003).

Sempre nel 2002 ha tenuto dei concerti a Nuova Delhi, Cordoba, Buenos Aires, Cartagine e San José, cantando inoltre il ruolo principale nella première di una nuova opera, Il fantasma della cabina, andata in scena al Teatro Donizetti di Bergamo il 13 dicembre.

È in questo periodo che all'attività teatrale affianca la nuova carriera di attrice, inizialmente in film TV e fiction, successivamente in film d'autore, ricoprendo anche ruoli da protagonista come nel 2005 ne "La Seconda Notte Di Nozze" di Pupi Avati la cui interpretazione le valse il Nastro D'Argento. Nel 2008 ha partecipato al film Bianco e nero, di C. Comencini. Nel nuovo millennio volge inoltre la sua attenzione ai musical, interpretando in tournée le commedie Caruso (2002) e Gloriosa (2008).

Nel 2005 è Direttore artistico dello Sferisterio Opera Festival di Macerata.

Nel 2006 partecipa al reality show La fattoria, venendo eliminata in semifinale con il 54% dei voti.

Nel 2007 si candida per la coalizione di centro-sinistra alle comunali di Rodi Garganico. La Ricciarelli, infatti, è solita passare le sue vacanze estive nella cittadina garganica. Dopo due mesi ritira la sua candidatura in quanto incompatibile con i suoi impegni di carriera, ma resta lo stesso legata alla cittadina marinara che più volte le ha dimostrato la sua grande ospitalità. Non di rado, infatti, offre ai rodiensi grande spettacolo della sua voce nel Santuario della Madonna della Libera.

Nel 2008 canta all'Abbazia benedettina di Cava de' Tirreni, in piazza Plebiscito a Mola di Bari, nell'auditorium "Domenico Modugno" della scuola media Sarnelli, a Polignano di Bari ed a Trascina di Selinunte (Castelvetrano).

Nel 2009 ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Pellezzano, comune in provincia di Salerno e tiene un recital nella chiesa di Sant'Alessandro di Milano.

Il 6 novembre 2009 festeggia i 40 anni di carriera con un concerto al Teatro La Fenice di Venezia duettando con le più grandi voci della musica classica e pop: da Mietta a Cecilia Gasdia, da Michael Bolton a Massimo Ranieri. Il concerto evento, condotto da Cristina Parodi, è stato trasmesso il 19 dicembre, in prima serata, su Canale 5.

Nel 2010 canta nella Cattedrale di Bari, al teatro Regina Margherita di Racalmuto in "Amor ti canto. Le storie, la voce e gli amori", opera scritta e diretta da Nando Nessa, in piazza Anco Marzio a Ostia e tiene un concerto sul sagrato della chiesa dell'Immacolata di Scario.

Nel 2010 è ospite fissa in qualità di giudice nella trasmissione Io canto su Canale 5, durante il programma duetta in Nessun dorma con il giovane tenore Michele Ferrauto.

Nel 2010 ha partecipato al film documentario Pupi Avati, ieri oggi domani di Claudio Costa, dedicato al regista Pupi Avati.

Nasce nel 2011 la Fondazione Katia Ricciarelli per la Vita Onlus di cui è presidente e cura la regia de L'elisir d'amore in piazza Suor Maria Laselva di Polignano a mare.

Nel 2012 canta nel santuario della Madonna di Fatima a Trani, nella Basilica di San Mauro di Casoria, nel "Concerto per Agrigento" al Teatro Pirandello e canta arie d'opera al palazzo Filangeri di Cutò a Santa Margherita di Belice (Agrigento) per la IX edizione del Premio letterario "Giuseppe Tomasi di Lampedusa in una serata condotta da Rosanna Cancellieri.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dopo una lunga relazione col tenore Josè Carreras, durata 13 anni[2], il 18 gennaio 1986 sposa il presentatore televisivo Pippo Baudo; la coppia si separerà nel 2004.

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica sorgente]

Dotata di una voce di timbro etereo, morbida e luminosa, sonora ma anche agile e sorretta da una buona preparazione tecnica (sono celebri i suoi filati, le smorzature e i pianissimi), ma la mancanza di un'autentica tecnica virtuosistica e la limitata estensione vocale (accusava qualche durezza negli acuti estremi)[7] hanno destato alcune riserve in certe sue performance.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 2 agosto 1994[1]
Medaglia d'Oro ai Benemeriti della Cultura e dell'Arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro ai Benemeriti della Cultura e dell'Arte
— Roma, 2 aprile 2003[8]

Discografia (in studio)[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo
Ruolo
Cast Direttore Etichetta
1972 Suor Angelica
Suor Angelica
Fiorenza Cossotto Bruno Bartoletti RCA
1973 Simon Boccanegra
Amelia Grimdaldi
Piero Cappuccilli, Plácido Domingo, Ruggero Raimondi Gianandrea Gavazzeni RCA
1976 I due Foscari
Lucrezia Contarini
Piero Cappuccilli, José Carreras, Samuel Ramey Lamberto Gardelli Philips Records
1977 La battaglia di Legnano
Lida
José Carreras, Matteo Manuguerra, Nicola Ghiuselev Lamberto Gardelli Philips Records
1979 Aida
Sacerdotessa
Mirella Freni, José Carreras, Agnes Baltsa Herbert von Karajan EMI
1979 La bohème
Mimì
José Carreras, Ashley Putnam, Ingvar Wixell Colin Davis Decca
Luisa Miller
Luisa Miller
Plácido Domingo, Renato Bruson, Elena Obraztsova Lorin Maazel Deutsche Grammophon
Un ballo in maschera
Amelia
Plácido Domingo, Renato Bruson, Edita Gruberova Claudio Abbado Deutsche Grammophon
1980 Il trovatore
Leonora
José Carreras, Yuri Mazurok, Stefania Toczyska Colin Davis Decca
1981 Tosca
Floria Tosca
José Carreras, Ruggero Raimondi Herbert von Karajan Deutsche Grammophon
1981 Aida
Aida
Plácido Domingo, Elena Obraztsova, Nicolai Ghiaurov Claudio Abbado Deutsche Grammophon
Turandot
Turandot
Plácido Domingo, Barbara Hendricks, Ruggero Raimondi Herbert von Karajan Deutsche Grammophon
1982 Carmen
Micaela
Agnes Baltsa, José Carreras, José van Dam Herbert von Karajan Deutsche Grammophon
1983 Don Carlos
Elizabeth de Valois
Plácido Domingo, Ruggero Raimondi, Lucia Valentini Terrani Claudio Abbado Deutsche Grammophon
La donna del lago
Elena
Lucia Valentini Terrani, Dalmacio Gonzales, Dano Raffanti Maurizio Pollini
1984 L'elisir d'amore
Adina
José Carreras, Leo Nucci, Domenico Trimarchi Claudio Scimone Philips

Discografia (Dal vivo)[modifica | modifica sorgente]

Anni '70[modifica | modifica sorgente]

Anni '80[modifica | modifica sorgente]

Anni '90[modifica | modifica sorgente]

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Attività[modifica | modifica sorgente]

È promotrice di molte attività benefiche (è madrina dell'Associazione Thalassemici) ed è stata presentatrice TV.

Presiede inoltre l'Accademia Lirica Internazionale "Katia Ricciarelli" da lei fondata nel 1991, di cui è anche docente, ed è direttrice artistica del Teatro Politeama Greco di Lecce dal 1998. Ha ricoperto la stessa carica per lo Sferisterio di Macerata dal 2003 al 2005.

Nel 2007 è stata candidata sindaco del comune di Rodi Garganico.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Autobiografia Altro di me non saprei narrare, Alberti Editore, 2008
  2. ^ a b Intervista a Verissimo del 18 aprile 2009
  3. ^ Harold Rosenthal, John Warrack, Dizionario enciclopedico dell’opera lirica, edizione italiana a cura di Luciano Alberti, 1991; voce Treviso.
  4. ^ E IL LOGGIONE CONTESTA KATIA - la Repubblica.it
  5. ^ Povero Verdi, Abbandonato Sotto Un Velo Grigio E Confuso - La Repubblica.It
  6. ^ "E arrogante nella pienezza e nella duttilità della voce era la protagonista Katia Ricciarelli che ha benedetto la scrittura vocale con un crescendo di intensità emozionante" (Angelo Foletto, Povera Lucrezia Borgia una madre tanto tenera!, «la Repubblica», 19 aprile 1984), "Splendida Katia Ricciarelli" (Adriano Cavicchi, Lucrezia virtuosa, «Il resto del carlino», 19 aprile 1984)
  7. ^ Garzantine, Musica, vol. 2: Ricciarelli, Katia
  8. ^ Medaglia d'Oro ai Benemeriti della Cultura e dell'Arte, quirinale.it. URL consultato l'8 settembre 2010.
  9. ^ Versione «Malibran», primo allestimento scenico mondiale

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85081749 LCCN: n81026538 SBN: IT\ICCU\MILV\188661