Ebe Stignani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ebe Stignani

Ebe Stignani (Napoli, 11 luglio 1903Imola, 6 ottobre 1974) è stata un mezzosoprano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce da famiglia romagnola originaria di Bagnacavallo. Nel 1916, a 13 anni, si iscrive al Conservatorio San Pietro a Majella, dove studia pianoforte con Florestano Rossomandi e composizione con Camillo De Nardis. Il suo desiderio è diventare insegnante, ma durante un saggio di canto il maestro Agostino Roche ne scopre le doti di cantante e la invita a specializzarsi anche in quella disciplina. Nel 1923 si diploma in pianoforte e l'anno successivo in canto.

Debutta al Teatro San Carlo nel 1925, nel ruolo di Zephira ne Il cavaliere della rosa di Strauss ed inizia poi la carriera internazionale esibendosi nei teatri del Sudamerica (specialmente Argentina e Cile), dove diviene in breve tempo uno dei mezzosoprano più richiesti.

Dagli anni trenta al 1956 è ospite fissa del Teatro alla Scala, interpretando svariati ruoli, tra cui Eboli (Don Carlo), Adalgisa (Norma), Laura (La Gioconda), Azucena (Il trovatore), Leonora (La Favorita). Inaugura alla Scala almeno venti stagioni d'opera. Canta inoltre al Covent Garden di Londra nel 1937, 1939, 1952, 55 e 57, a San Francisco nel 1938 e 48, a Chicago nel 1955.

Partecipa alle prime rappresentazioni de Le preziose ridicole di Felice Lattuada (Cathos) nel 1929 e di Lucrezia di Ottorino Respighi (Voce) nel 1937. Tra i suoi partner preferiti Beniamino Gigli, Mario Del Monaco, Renata Tebaldi, Maria Callas.

Nel 1935 si stabilisce a Imola e nel 1941 sposa l'ingegner Alfredo Sciti[1]; dall'unione nasce il figlio Dino. Nel 1958, in seguito alla scoperta di una malattia a un rene che ne richiede l'asportazione, decide di ritirarsi dalle scene. Trascorre ad Imola il resto della vita e scompare all'età di 71 anni. Riposa a Bagnacavallo.

Come omaggio all'illustre concittadina, il 20 dicembre 1977 il Consiglio Comunale di Imola intitolò alla sua memoria il Teatro comunale[2].

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica wikitesto]

Dotata di una voce di bellissimo timbro, di grande ampiezza ed estensione (dal fa naturale grave al do diesis sovracuto, che le consentì di affrontare anche ruoli scritti per contralto e soprano drammatico[3]) e sorretta da un'eccellente tecnica, fu musicalmente adatta a tutti gli stili, anche per la sua solida formazione musicale di pianista[4].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Incisioni in studio[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

  • Verdi - Aida (selez.) - Cigna, Gigli, Stignani, Nava, Pasero - Dir. De Sabata - Vienna 1937 ed. GOP/Eklipse
  • Verdi - Aida - Caniglia, Gigli, Stignani, Borgioli, Zambelli - Dir. Beecham - Londra 1939 ed. Eklipse/Arkadia/Cantus Classic
  • Bellini - Norma - Callas, Stignani, Picchi, Vaghi - Dir. Gui - Londra 1952 ed. Melodram/Legato/EMI
  • Bellini - Norma - Pedrini, Stignani, Penno, Neri - Dir. Molinari Pradelli - Napoli 1952 ed. Melodram/Gala
  • Verdi - Aida - Tebaldi, Penno, Stignani, Savarese, Neri, dir. Serafin - Napoli 1953 ed. Edizione Lirica/Lyric Distribution
  • Spontini - La Vestale - Callas, Corelli, Sordello, Stignani, Rossi-Lemeni, Dir. Votto - La Scala 1954 ed. Melodram/IDIS
  • Bellini - Norma - Callas, Stignani, Del Monaco, Modesti - Dir. Serafin - RAI-Roma 1955 ed. GOP/Myto/Opera D'Oro
  • Saint-Saëns - Samson et Dalila (in ital.) - Stignani, Vinay, Manca Serra - Dir. Rieger - Napoli 1955 ed. Bongiovanni/Walhall
  • Gluck - Orfeo ed Euridice - Stignani, Orel, Rizzoli, dir. Pedrotti - RAI-Milano 1956 ed. Eklipse
  • Verdi - Aida - Stella, Di Stefano, Stignani, Guelfi, Zaccaria - Dir. Votto - La Scala 1956 ed. Paragon/Legato Classics/GOP
  • Ponchielli - La Gioconda - Cerquetti, Poggi, Bastianini, Stignani, Modesti - Dir. Tieri - Firenze 1956 ed. Myto
  • Verdi - Un ballo in maschera - Di Stefano, Stella, Bastianini, Stignani - Dir. Gavazzeni - La Scala 1956 ed. Myto
  • Verdi - Un ballo in Maschera - Tagliavini, Stella, Taddei, Stignani - Dir. Molinari Pradelli - Napoli 1956 ed. Opera Lovers
  • Verdi - Un ballo in maschera - Cerquetti, Poggi, Bastianini, Stignani - Dir. Tieri - Firenze 1957 ed. SRO

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1926 è Amneris in Aida ed Adalgisa in Norma con Vera Amerighi Rutili.

Al Teatro Reale dell'Opera (Teatro dell'Opera) di Roma nel 1929 con Claudia Muzio e Giovanni Martinelli è Amneris in Aida e Preziosilla ne La forza del destino, nel 1930 Cathos nella prima rappresentazione di Le preziose ridicole di Felice Lattuada diretta da Gabriele Santini e Brangania nella ripresa di Tristano e Isotta, nel 1934 è Ortruda nella ripresa di Lohengrin con Aureliano Pertile, nel 1940 è Leonora nella ripresa di La favorita" con Gino Bechi diretta da Tullio Serafin e Adalgisa in Norma diretta da Serafin e nel 1950 Adalgisa con Maria Callas e Serafin.

Nel 1933 è Fenena nella ripresa nel di Nabucco con Magda Olivero, nel 1947 è Dalila in Sansone e Dalila con Cesare Siepi, nel 1948 è Amneris nella ripresa di "Aida" con la Callas e Siepi diretta Serafin, nel 1949 è Leonora nella ripresa di La favorita con Siepi, nel 1951 canta la Messa da requiem nella trasferta scaligera al Teatro Regio di Parma diretta da Victor de Sabata ed è Cuniza nella prima rappresentazione di Oberto, Conte di San Bonifacio, nel 1952 Adalgisa nella prima di Norma con Maria Callas Meneghini, Santuzza nella prima di Cavalleria rusticana, La principessa Eboli nella prima di Don Carlo e Laura Adorno nella prima di La Gioconda con Maria Meneghini Callas, Italo Tajo e Giuseppe Di Stefano, nel 1953 Azucena nella prima di Il trovatore con la Callas e Leonora di Guzman nella prima di La favorita con Bechi, nel 1954 La Gran Vestale ne La Vestale (Spontini) il 7 dicembre per l'apertura della stagione con Franco Corelli e la Callas ed infine nel 1956 Ulrica nella prima di Un ballo in maschera con Di Stefano, Ettore Bastianini ed Antonietta Stella.

Canta alla Covent Garden di Londra nel 1937, 1939, 1952 (come Azucena ne Il trovatore ed Adalgisa in Norma con la Callas e Joan Sutherland), 55 e 57, debutta per il San Francisco Opera nel 1938 come Santuzza in Cavalleria rusticana e nel 1948 Dame Quickly in Falstaff con Regina Resnik e Licia Albanese, Preziosilla ne La forza del destino con Ezio Pinza nella trasferta a Los Angeles e Laura ne La Gioconda con Astrid Varnay ed all'Opera di Chicago nel 1955 come Azucena ne Il trovatore con la Callas, Bastianini e Jussi Björling e Venus ne Il ballo delle ingrate (Masque) di Claudio Monteverdi.

Nel Politeama Fiorentino «Vittorio Emanuele II» di Firenze è Preziosilla nella prima rappresentazione di "La forza del destino" ed Adalgisa nella prima rappresentazione di Norma con la Muzio e nel Teatro Comunale «Vittorio Emanuele II» (Teatro Comunale di Firenze) nel 1933 è Fenena nella prima rappresentazione di Nabucco e la Gran vestale nella prima rappresentazione di "La vestale" con Rosa Ponselle, nel 1938 Amneris nella ripresa di Aida con Gigli diretta da De Sabata, nel 1941 Ulrica nella ripresa di Un ballo in maschera con Gigli, Bechi e Tajo, nel 1950 la principessa Eboli nella prima rappresentazione di Don Carlo con Boris Christoff diretta da Serafin e nel 1951 è Leonora nella prima rappresentazione di La favorita.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 1939 è Leonora di Gusman ne La favorita ed Azucena ne Il trovatore diretta da Santini, nel 1942 Adalgisa in Norma e nel 1953 Orfeo in Orfeo ed Euridice (Gluck).

Ancora a Venezia nel 1941 è Azucena ne Il trovatore, nel 1947 Leonora di Gusman ne La favorita, nel 1949 Dalila in Sansone e Dalila, nel 1951 canta il Requiem di Verdi nella trasferta della Scala con Elisabeth Schwarzkopf, Ferruccio Tagliavini e Siepi diretta da de Sabata, nel 1952 Orfeo in Orfeo ed Euridice (Gluck) e nel 1954 La Principessa Eboli in Don Carlo con Christoff e la Stella.

Nel 1947 è Almirena nella prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI del Foro Italico di Roma di Rinaldo di Händel.

Nel 1952 è Amneris nella ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino di Montecarlo di "Aida".

Nel 1953 doppia Lois Maxwell come Amneris nella colonna sonora del film Aida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nato in Sicilia, ma anch'egli con genitori originari di Bagnacavallo.
  2. ^ La richiesta venne formulata con un'interpellanza in Consiglio comunale di Giuseppe Gamberini, formulata pochi giorni dopo la morte della cantante. Tre anni dopo la richiesta venne accettata, nonostante la Stignani fosse una cantante lirica mentre il Teatro Comunale di Imola, per le sue dimensioni, non potesse ospitare opere liriche.
  3. ^ Enrico Stinchelli: Le stelle della lirica, 2006.
  4. ^ Piero Mioli: Dizionario della Musica Italiana. La musica lirica, Newton-Compton 1996.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Casadio, «Voleva insegnare pianoforte, è diventata la grande Ebe», Nuovo Diario Messaggero, 3 aprile 2010.

Controllo di autorità VIAF: 27253292 LCCN: n82055927