Vincenzo La Scola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo La Scola (Palermo, 26 gennaio 1958Mersin, 15 aprile 2011) è stato un tenore italiano.

Per oltre 25 anni ha svolto una carriera di successo internazionale nelle opere del repertorio italiano (Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini).
Ha avuto successo anche nel campo della musica leggera collaborando con Cliff Richard nell'album EMI Vita mia (2009).
Nel 2000 è stato ambasciatore dell'UNICEF

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver studiato canto con Arrigo Pola, Carlo Bergonzi e Rodolfo Celletti, nel 1982 vinse il Premio Alessandro Ziliani al Concorso di voci verdiane di Vico Equense. Fece il suo debutto nel 1983 al Teatro Regio di Parma nel ruolo di Ernesto nel Don Pasquale di Gaetano Donizetti. La sua carriera ebbe un rapido sviluppo e nel 1989 aveva già cantato all'Opera di Colonia (debutto 1985), al Festival Puccini (debutto nel 1987 nel ruolo di Rinuccio in Gianni Schicchi), al Teatro La Fenice (debutto nel 1987 nel ruolo di Tonio ne La fille du régiment), al Théâtre de la Monnaie (debutto nel 1984 nel ruolo di Nemorino ne L'elisir d'amore), all'Opera di Kiel (debutto 1985), all'Opéra-Comique (debutto nel 1987 nel ruolo di Rinuccio), all'Opéra Royal de Wallonie (debutto 1984), al Ravenna Festival (debutto nel 1989 nel ruolo di Alfredo in La traviata), al Teatro Comunale di Bologna (debutto nel 1988 nel ruolo di Arlecchino Battocchio ne Le maschere), al Teatro Regio di Torino (debutto nel 1988) e al Teatro alla Scala (debutto nel 1988 nel ruolo di Nemorino). Nel 1986 fece le prime tre incisioni discografiche come tenore solista in Petite messe solennelle di Rossini per Erato Records e due opere, Genesi di Franco Battiato e Beatrice di Tenda di Bellini.

Negli anni novanta cantò alla Royal Opera House (debutto nel 1990 nel ruolo di Rodolfo in La bohème), al Teatro Carlo Felice (debutto nel 1990 come Rodolfo), allo Sferisterio di Macerata (debutto nel 1990, Rodolfo), alla San Francisco Opera (debutto nel 1991 nel ruolo di Tebaldo ne I Capuleti e i Montecchi), al Teatro San Carlo (debutto 1991 come Gennaro in Lucrezia Borgia), al Teatro dell'Opera di Roma (debutto 1991 nel ruolo del Duca di Mantova in Rigoletto), All'Opera di Amburgo (debutto 1991), all'Arena di Verona (debutto 1992), alla Wiener Staatsoper (debutto 1992) e al Metropolitan Opera House (debutto nel 1993 come Rodolfo).

Fino all'improvviso decesso, La Scola continuava a cantare nei maggiori teatri d'opera di tutto il mondo. Altri ruoli del suo repertorio comprendevano Cavaradossi in Tosca, Edgardo in Lucia di Lammermoor, Gabriele Adorno in Simon Boccanegra, Pinkerton in Madama Butterfly, Pollione in Norma, Radamès in Aida, Riccardo in Un ballo in maschera e i ruoli del protagonista in Roberto Devereux, Don Carlos e I racconti di Hoffmann fra gli altri.

È deceduto improvvisamente all'età di 53 anni per un malore in Turchia, dove si trovava per una masterclass.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46948889