Nello Santi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nello Santi (Adria, 22 settembre 1931) è un direttore d'orchestra italiano, spesso chiamato dai suoi allievi "Papa Santi" per rispetto sul suo lavoro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò composizione al Liceo musicale di Padova con Bruno Coltro. Nel 1951 debuttò a Padova dirigendo Rigoletto di Giuseppe Verdi al Teatro Verdi.

Dal 1958 al 1969 fu direttore stabile all'Opera di Zurigo.

Nel 1960 a Salisburgo dirige i Wiener Philharmoniker in Don Carlo con Boris Christoff ed Ettore Bastianini ed al Royal Opera House, Covent Garden di Londra La traviata con Joan Sutherland.

Al Wiener Staatsoper debutta in Aida, poi Cavalleria rusticana (opera), Pagliacci (opera), Otello (Verdi), Carmen (opera), La bohème con Walter Berry e Graziella Sciutti, La traviata con Gundula Janowitz, Tosca (opera) con Franco Corelli e Bastianini e Don Carlo, nel 1961 La forza del destino e Madama Butterfly e nel 1962 Un ballo in maschera con Leonie Rysanek ed Andrea Chénier (opera).

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1961 dirige La Sonnambula con Ivo Vinco, la Scotto ed Alfredo Kraus.

Ha diretto alla Metropolitan Opera House, dal 1962 quando vi fece il suo debutto dirigendo Un ballo in maschera di Verdi con Leonie Rysanek, Carlo Bergonzi e Robert Merrill, poi con Aida con Leontyne Price, Bergonzi e Bonaldo Giaiotti, La traviata con Anna Moffo e nel 1964 Otello, Cavalleria rusticana con Eileen Farrell, Pagliacci con Corelli, Macbeth (opera) con Cornell MacNeil e Birgit Nilsson, Rigoletto con Roberta Peters e Bergonzi, Tosca con la Rysanek, Merrill e Fernando Corena e La forza del destino con Gabriella Tucci, Bergonzi, Cesare Siepi e Corena.

Al Grand Théâtre di Ginevra dirige nel 1966 Otello con Tito Gobbi e Josè van Dam e Simon Boccanegra, nel 1967 La bohème, nel 1968 Il trovatore, nel 1969 Aida con Virginia Zeani, nel 1970 Un ballo in maschera, nel 1972 Turandot e Lucia di Lammermoor, nel 1975 Falstaff (Verdi), nel 1981 Rigoletto con Piero Cappuccilli e La Cenerentola, nel 1983 Il barbiere di Siviglia (Rossini) con John Aler e Leo Nucci e nel 1984 un concerto con Cappuccilli.

Ancora a Vienna nel 1969 dirige Il trovatore con Cappuccilli e Wladimiro Ganzarolli e nel 1982 Lucia di Lammermoor con Nucci ed Edita Gruberova.

All'Arena di Verona dirige Manon Lescaut nel 1970, Aida nel 1980 con Fiorenza Cossotto, Bruna Baglioni, Maria Chiara, Ghena Dimitrova e Siepi, nel 1982 con Ferruccio Furlanetto e Cappuccilli, nel 1983 con Giaiotti, nel 1990, nel 1992 con Kristján Jóhannsson, nel 1993, nel 1994 con Juan Pons, nel 1995 con Gianfranco Cecchele (Che marcia trionfale questa "Aida" di Santi - Quest'anno, in particolare, il cast è ottimo, e Nello Santi ci sembra condurre questo suo capolavoro di interpretazione con finezza e autorità impareggiabili - Ma soprattutto il fascino dell'Aida di Santi si è ulteriormente specificato. Questo direttore non è solo il trascinatore formidabile degli ensembles di cui l'opera trabocca, o il sapientissimo custode del respiro dei cantanti: è l' opposto dei direttori di routine che infestano i nostri teatri, di certi giovani loquaci e telegenici che hanno letto le opere (anzi, i titoli!) di Benjamin e della Arendt, ma non sanno come si tenga la bacchetta in mano. Le tinte raffinatissime suscitate da Nello Santi, certo alitare del clarinetto nell'aria vespertina di Verona, certo slancio drammaticissimo eppure balenante, taluni meravigliosi "diminuendo" (cos' era l' ultimo tema dell' opera!) non sono semplice sapienza di un Maestro così esperto (beniamino a New York o a Zurigo laddove l' Italia gli è in parte ingrata): sono pura poesia. (11 luglio 1995) - Corriere della Sera, Colombo Francesco) e nel 1997 con Daniela Dessì e Giorgio Zancanaro.

Nel 1971 dirige Madama Butterfly con la Tucci al Teatro alla Scala di Milano.

Ancora per La Fenice nel 1975 dirige La traviata con la Chiara ed un concerto con la Chiara nel Teatro Comunale di Adria (sua città natale) ed uno al Teatro Cristallo di Oderzo (città natale della Chiara, nel 1976 Madama Butterfly con la Chiara e nel 1995 I puritani con Giorgio Zancanaro e Mariella Devia.

Nel 1982 dirige La fanciulla del West con Plácido Domingo al Covent Garden.

Ancora al Metropolitan nel 1982 dirige Luisa Miller con Katia Ricciarelli, José Carreras e Nucci ed Il trovatore, nel 1984 Manon Lescaut, nel 1985 Simon Boccanegra con Sherrill Milnes e Dawn Upshaw, nel 1986 Francesca da Rimini (Zandonai) con Renata Scotto e MacNeil e Madama Butterfly con la Scotto e Nucci, nel 1987 Turandot con la Dimitrova, nel 1988 dirige un concerto con Agnes Baltsa e Domingo, nel 1989 La bohème con Domingo, nel 1990 La Gioconda, nel 1994 Lucia di Lammermoor con la Devia e Pons. Fino al 2000 il maestro dirige in 401 rappresentazioni al Met.

Nel 1991 dirige Manon Lescaut al Opéra National de Paris.

Nel 2000 dirige I due Foscari al Teatro di San Carlo di Napoli.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 2008 dirige Iris (opera), nel 2009 Aida e nel 2010 Otello con Pons.

Nel 2011 dirige l'Orquestra Simfònica i Cor del Gran Teatre del Liceu in Nabucco in forma di concerto al Festival de Peralada con Pons, Ferruccio Furlanetto e Maria Guleghina.

All'Opernhaus Zürich nel 2011 dirige Rigoletto con Nucci e Diana Damrau, Il barbiere di Siviglia, Don Pasquale e L'elisir d'amore con Rolando Villazón e nel 2012 Poliuto con Massimiliano Pisapia, Fiorenza Cedolins e Riccardo Zanellato ed Un ballo in maschera con Piotr Beczala e nel 2013 Falstaff.

Nel 2012 dirige Lucia di Lammermoor con Claudio Sgura al Teatro di San Carlo.

Discografia selettiva[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 22328670 LCCN: n83155673