Manon Lescaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Manon Lescaut (disambigua).
Manon Lescaut
Locandina Manon Lescaut.jpg
Locandina della prima rappresentazione di Manon Lescaut
Lingua originale italiano
Musica Giacomo Puccini
Libretto Luigi Illica, Marco Praga, Domenico Oliva, Ruggero Leoncavallo
(libretto online)
Fonti letterarie Storia del cavaliere Des Grieux e di Manon Lescaut, di Antoine François Prévost
Atti quattro
Epoca di composizione estate 1889 - ottobre 1892
Prima rappr. 1º febbraio 1893
Teatro Teatro Regio, Torino
Versioni successive
Personaggi
  • Manon Lescaut (soprano)
  • Renato Des Grieux (tenore)
  • Lescaut, fratello di Manon (baritono)
  • Geronte di Ravoir, tesoriere generale (basso)
  • Edmondo, studente (tenore)
  • Un lampionaio (tenore)
  • Un musico (mezzosoprano)
  • Un oste (basso)
  • Il maestro di ballo (tenore)
  • Un Sergente degli Arceri (basso)
  • Il Comandante di Marina (basso)
  • Un parrucchiere (mimo)
Autografo Archivio Storico Ricordi, Milano

Manon Lescaut è un'opera in quattro atti di Giacomo Puccini.

La prima rappresentazione ebbe luogo la sera del 1º febbraio 1893 al Teatro Regio di Torino, con Cesira Ferrani e Giuseppe Cremonini Bianchi, dove l'opera ottenne un successo clamoroso.

Il 7 febbraio 1894 avvenne la prima nel Teatro alla Scala di Milano con Cremonini diretto da Rodolfo Ferrari.

Nel Regno Unito la prima è stata al Royal Opera House, Covent Garden di Londra il 14 maggio dello stesso anno.

Al Teatro Costanzi di Roma va in scena il 20 gennaio 1903 con Enrico Caruso.

Al Metropolitan Opera House di New York la premiere è stata il 18 gennaio 1907 con Lina Cavalieri, Caruso ed Antonio Scotti, alla presenza del compositore e fino al 2008 ha avuto 216 recite.

Al Theatre Royal di Glasgow la prima è stata il 2 ottobre 1919 ed al King's Theatre di Edinburgo il 4 giugno 1920 per la O'Mara Opera nella traduzione di Mowbray Marras.

Al Teatro La Fenice di Venezia la prima è stata l'11 maggio 1922.

Al Wiener Staatsoper la premiere è stata il 15 ottobre 1923 diretta da Franz Schalk con Lotte Lehmann nella traduzione di Ludwig Hartmann e fino al 2010 ha avuto 117 recite.

Al San Francisco Opera va in scena nel 1926 con Claudia Muzio diretta da Gaetano Merola.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena nel 1944.

A Bilbao va in scena nel 1969 con Montserrat Caballé diretta da Carlo Felice Cillario.

Al Festival lirico areniano la prima è stata nel 1970.

Al Grand Théâtre di Ginevra va in scena nel 1975 diretta da Alberto Erede.

Al Glyndebourne Festival Opera va in scena nel 1997 con Paolo Montarsolo e la London Philharmonic diretta da John Eliot Gardiner.

Il libretto[modifica | modifica wikitesto]

Ispirata al romanzo dell'abate Antoine François Prévost Storia del cavaliere Des Grieux e di Manon Lescaut, l'opera fu composta fra l'estate del 1889 e l'ottobre del 1892. Ad allungare i tempi della composizione fu soprattutto la difficile gestazione di un libretto che passò tra le mani di molti letterati - in particolare Marco Praga, Domenico Oliva e Luigi Illica - e che fu pubblicato da Ricordi senza i nomi degli autori.

Tale girandola di librettisti dimostra, in ultima analisi, come l'unico vero "autore" di Manon Lescaut sia stato Puccini, che tra l'altro sconvolse il piano drammaturgico iniziale eliminando di sana pianta un atto: quello del nido d'amore degli innamorati, tra gli attuali atti primo e secondo.

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

L'avventura di Manon Lescaut ha inizio pochi mesi dopo il debutto di Edgar, il 21 aprile 1889, il cui parziale insuccesso era stato imputato da tutti alla debolezza del libretto di Ferdinando Fontana. Puccini sta lavorando alla revisione di quest'opera, ma già pensa alla successiva. Inizialmente il titolo prescelto sembra essere Tosca, opera che Puccini porterà sulle scene circa dieci anni più tardi. Ma già il 15 luglio Casa Ricordi stipula un contratto con Marco Praga e Domenico Oliva per un libretto basato sulla Storia del cavaliere Des Grieux e di Manon Lescaut di Prévost.[1] Il soggetto era stato suggerito a Puccini, più di quattro anni prima, proprio da Fontana, il suo primo librettista, il quale gli aveva fatto leggere il romanzo di Prévost e, successivamente, il dramma che, in pieno secolo XIX, vi era stato liberamente tratto da Théodore Barrière e Marc Fournier (Théâtre de la Porte-Saint-Martin, Parigi, 15 maggio 1853).[2] Il 30 settembre 1889, lo stesso Fontana, un po' risentito, scrive a Puccini:

« Tre settimane fa essendo andato a Milano seppi che ti eri messo a posto per il libretto. Bene, ne godo. – Spiacemi soltanto un poco che tu abbia scelto la Manon, soggetto che io ti avevo offerto da gran tempo e tu non avevi accettato[3] »

In questo periodo Puccini è impegnato su tre fronti: il rifacimento di Edgar, la composizione della nuova opera, destinata per ora al Teatro alla Scala[4] e il cui libretto risulta pronto il 30 ottobre, con l'eccezione del quarto e ultimo atto;[5] la riduzione de I maestri cantori di Norimberga commissionatagli da Ricordi, per realizzare la quale egli si reca ad ascoltare l'opera di Wagner a Bayreuth (24 luglio).

Nel gennaio 1890 Puccini compone di getto Crisantemi, un breve quartetto d'archi dedicato «alla memoria di Amedeo di Savoja Duca d'Aosta», la cui musica è destinata a confluire nella nuova opera. Nel marzo inizia a strumentare Manon Lescaut, mentre i librettisti consegnano una nuova versione del secondo atto, cui fa seguito, all'inizio di giugno, l'atto IV. Quando il compositore critica apertamente alcune parti del lavoro, Marco Praga, all'epoca commediografo di successo, decide di lasciare l'incarico. Ricordi chiama Ruggero Leoncavallo, non ancora affermatosi come compositore, affinché intervenga sul libretto, forse all'insaputa di Oliva, il quale nel frattempo stende la nuova seconda parte del terz'atto, ossia la scena dell'imbarco delle prigioniere a Le Havre che nella redazione finale costituirà l'intero atto III.

La strumentazione dell'atto I è completata nel gennaio 1891 e nei mesi successivi buona parte dell'opera, destinata ora alla stagione di carnevale 1891-92 del Teatro Regio di Torino, è pronta allo stadio di abbozzo. Dove il lavoro tuttavia si incaglia è nell'atto II. Almeno finché non entra in gioco l'ultimo dei librettisti: Luigi Illica. Insieme a lui, Puccini sopprime l'atto dell'idillio amoroso e trasforma in due atti separati i due quadri nei quali si articolava l'atto III.

Il debutto slitta di un anno. Puccini è impegnato in ulteriori rifacimenti di Edgar, opera della quale segue gli allestimenti, tra cui quello prestigioso al Teatro Real di Madrid, nel marzo 1892. Tornato in Italia, mette a punto con Illica l'atto III di Manon Lescaut, in particolare il concertato, che viene intessuto attorno all'appello delle prigioniere pronte per la deportazione. L'opera è terminata nell'ottobre 1892.

Caratteri generali[modifica | modifica wikitesto]

Terza opera di Puccini in ordine cronologico, Manon Lescaut indicò all'autore la futura strada da percorrere. È generalmente considerata la sua prima partitura operistica completamente matura e personale.

Lo stesso soggetto aveva già ispirato la Manon Lescaut di Daniel Auberisc (Daniel-François-Elonegard Auberisc) (Parigi, Opéra-Comique, 23 febbraio 1856) e soprattutto la Manon di Jules Massenet (Parigi, Opéra-Comique, 19 gennaio 1884). Quando Marco Praga gli fece notare che avrebbe dovuto affrontare il confronto con la fortunata opera di Massenet, Puccini rispose: «Lui la sentirà alla francese, con cipria e i monetti. Io la sentirò all'italiana, con passione disperata.»[6]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Puccini modificò la partitura a più riprese, per trent'anni, da immediatamente dopo il debutto dell'opera fino a poco prima di morire. Ricordi pubblicò in Italia ben otto diverse edizioni, per canto e pianoforte o, più raramente, in partitura d'orchestra.[7]

1) 1892 (canto e pianoforte) - È lo spartito pubblicato in vista della prima rappresentazione. Presenta alcune varianti rispetto all'autografo, in particolare nell'atto I, dove la parte di Edmondo viene accorciata, l'unica battuta del Maestro di posta viene assegnata all'Oste e la canzone di Des Grieux «Tra voi belle, brune, bionde» viene abbassata di mezzo tono.

2) 1893 (canto e pianoforte) - Pubblicato poco dopo il debutto dell'opera, accoglie numerose varianti di scarsa entità, forse concepite durante le prove o le rappresentazioni al Teatro Regio. La modifica più vistosa è il taglio opzionale di 23 battute nell'aria di Manon «Sola, perduta, abbandonata».

3) 1893 (canto e pianoforte) - Corrisponde alla partitura eseguita per la prima volta al Teatro Coccia di Novara il 21 dicembre 1893. Il finale del primo atto appare interamente riscritto nella forma ideata da Luigi Illica dopo aver assistito ad una recita della Manon di Massenet al Teatro Carcano, il 19 ottobre 1893:

« se per la Scala con un ardito colpo di forbice si tagliasse il finale primo e al suo posto vi si ponesse qualche cosa di Lescaut e Geronte che rendesse poi più chiaro il secondo atto?[8] »

Il tradizionale concertato, basato sul tema cantabile del primo duetto tra Manon e Des Grieux, fu di conseguenza rimpiazzato da un recitativo durante il quale Lescaut comunica a Geronte il suo piano per riacciuffare Manon, appena fuggita in carrozza con l'amante, mentre il coro di studenti commenta il dialogo sulla musica di «Tra voi belle, brune, bionde». Lo spartito contiene modifiche e tagli significativi anche all'aria «Sola, perduta, abbandonata».

4) 1898 (canto e pianoforte) - Le precedenti modifiche a «Sola, perduta, abbandonata» vengono annullate.

5) 1909 (canto e pianoforte) - Contiene il taglio dell'aria «Sola, perduta, abbandonata».

6) 1915 (partitura) - Contiene le modifiche alla partitura orchestrale suggerite da Arturo Toscanini e il taglio di 36 battute di Edmondo e del coro, prima dell'arrivo della posta, nell'atto I, e di 14 battute durante il terzetto tra Manon, Des Grieux e Lescaut, alla fine dell'atto II.

7) 1923 (canto e pianoforte) - I tagli effettuati nella partitura precedente vengono annullati e l'aria «Sola, perduta, abbandonata» è ripristinata.

8) 1924 (canto e pianoforte, partitura) - Il testo della prima sezione di «Sola, perduta, abbandonata», che nelle edizioni precedenti ripeteva ad oltranza queste tre parole, è ampliato da alcuni versi scritti da Giuseppe Adami su richiesta di Puccini. La stessa aria è accorciata in più punti, eliminando tra l'altro la perorazione orchestrale conclusiva. Sempre nell'atto IV, è tagliata la seconda strofa dell'«Andante mesto» di Manon «Mio dolce amor, tu piangi» («Io vo' che sia una festa»).

Il preludio al secondo atto[modifica | modifica wikitesto]

Adolf Hohenstein, figurino di Manon per il secondo atto della prima rappresentazione.

Probabilmente composto nel 1891, questo intermezzo sinfonico si collocava originariamente prima dell'attuale secondo atto, ma fu eliminato nel corso della travagliata genesi. L'autografo reca il titolo "Preludio Atto 3° (prima parte) Manon Lescaut", in quanto all'epoca l'opera includeva ancora, quale secondo atto, il quadro del nido d'amore.

I materiali musicali si ritrovano tutti, spesso quasi identici, nella prima parte del secondo atto, quella dedicata alla rappresentazione della società aristocratica settecentesca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

Adolf Hohenstein, figurino di Des Grieux per il secondo atto della prima rappresentazione.

«Un vasto piazzale presso la porta di Parigi, ad Amiens

Nei pressi di un'osteria, studenti, borghesi e ragazze scherzano sui temi dell'amore e della giovinezza. Uno degli studenti, Renato Des Grieux, vanta la propria indifferenza verso l'amore («L'amor? Questa tragedia, ovver commedia, io non conosco!»).

Giunge una carrozza, dalla quale scendono Manon Lescaut, una ragazza destinata alla vita monastica, e il fratello, nel libretto indicato con il solo cognome: Lescaut. Quando Des Grieux vede Manon, è amore a prima vista. Non appena la ragazza rimane sola, le si avvicina e, al ritorno del fratello di lei, riesce a strapparle un nuovo appuntamento.

Nel frattempo Lescaut architetta il rapimento della sorella. In tal modo lei diventerà l'amante di Geronte, facoltoso banchiere, e lui ne condividerà la vita lussuosa. Ma uno degli studenti, Edmondo, ascolta il dialogo, informa l'amico Des Grieux e organizza una contromossa: sarà Renato a rapire Manon, battendo sul tempo il vecchio Geronte. A fatica Des Grieux riesce a convincere Manon a fuggire con lui e, mentre gli studenti salutano la partenza in carrozza dei due innamorati, Geronte medita vendetta. Lescaut, d'altronde, si dice certo che la sorella non sopporterà a lungo una vita modesta.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Adolf Hohenstein, figurino di Geronte per il secondo atto della prima rappresentazione.

«A Parigi.»

Siamo nel salotto della casa di Geronte. Come volevasi dimostrare, l'idillio è durato poco e Manon ha raggiunto il fratello per diventare la mantenuta del banchiere. La vediamo allo specchio, mentre si prepara per un ricevimento, durante il quale dovrà esibirsi nel ballo e nel canto. Sennonché la ragazza comincia ad annoiarsi e a provare nostalgia per Des Grieux, tanto che il fratello, per evitare che la situazione precipiti, decide di chiamare di nascosto Des Grieux a palazzo.

Il ricevimento è terminato, Manon è sola. Nella sua camera irrompe Des Grieux e, con lui, la passione di un tempo. Il ragazzo naturalmente è furibondo, ma, forte del suo fascino, Manon trova facilmente le parole per ammansirlo. Peccato che nel bel mezzo di un lungo abbraccio arrivi Geronte che, senza troppo scomporsi, anche di fronte all'ironia della ragazza che gli ricorda la differenza d'età, si accomiata con un sibillino «Arrivederci... e presto!».

Manon non si rende conto del pericolo. Des Grieux la supplica di fuggire immediatamente, ma persino quando il fratello, precipitatosi a palazzo, la avverte che Geronte l'ha denunciata, Manon non sa decidersi a lasciare tutte quelle ricchezze. Proprio mentre tenta di recuperare un po' di gioielli qua e là per la stanza, entrano le guardie e la arrestano come ladra e adultera.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

«L'Havre. Piazzale presso il porto.»

È notte. Manon è rinchiusa con altre cortigiane nella prigione di Le Havre, in attesa di essere imbarcata all'alba in una nave diretta verso gli Stati Uniti. Lescaut organizza una fuga per evitare la deportazione, ma il piano fallisce e, quando il sergente degli arcieri inizia l'appello delle deportate, a Des Grieux non rimane che una possibilità: supplicare il comandante della nave affinché accetti di imbarcarlo insieme a lei. Le sue parole e le sue lacrime commuovono il comandante e i due innamorati partono per l'ennesimo viaggio.

Atto IV[modifica | modifica wikitesto]

«In America. Una landa sterminata ai confini della Nuova Orleans

Sotto il sole rovente del deserto di New Orleans, Manon e Des Grieux vagano senza meta, stremati dalla fatica. Ancora una volta, l'imprudenza della ragazza li ha costretti alla fuga, ma sarà l'ultima. Manon è stanca, cade al suolo, incapace di proseguire. Non c'è acqua. L'orizzonte non rivela ombra di vita. Il suo amante fedele non può fare più nulla, se non gridare la sua disperazione e ascoltare le sue ultime parole; la bella e voluttuosa Manon muore fra le sue braccia, sorridendogli amorosamente per l'ultima volta.

Organico orchestrale[modifica | modifica wikitesto]

La partitura prevede l'utilizzo di:

Da suonare internamente:

Brani celebri[modifica | modifica wikitesto]

  • Donna non vidi mai, romanza di Des Grieux (atto I)
  • In quelle trine morbide, romanza di Manon (atto II)
  • Tu, tu, amore? Tu?!, duetto tra Manon e Des Grieux (atto II)
  • Sola... perduta... abbandonata, aria di Manon (atto IV)

Autoimprestiti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il tema del madrigale "Sulla vetta tu del monte" (atto II) è tratto da quello dell'Agnus Dei della Messa (1880).
  • Le battute 13-21 del Benedictus della Messa, alle parole «In nomine domini», sono riutilizzate nel minuetto dell'atto II.
  • La romanza «È la notte che mi reca», dalla scena e romanza Mentia l'avviso (1883) è utilizzata come tema d'amore di Manon e Des Grieux.
  • Frammenti dei Tre minuetti per quartetto d'archi (1884?), variamente elaborati, furono utilizzati negli atti I e II.
  • Le battute 3-4 dell'intermezzo sinfonico sono tratte dalla frase di Fidelia «Dio! Ah, perché mai su noi piombò tanta sciagura!», nell'atto I di Edgar (1889 - prima e seconda versione).
  • Il passaggio modulante che precede il primo duetto d'amore dell'atto I è preso, tale e quale, dal duetto fra Edgar e Tigrana, nell'atto II di Edgar (prima e seconda versione).
  • L'«Andante sostenuto» del primo duetto d'amore dell'atto I («Il mio nome si chiama voler del padre mio [...]») è tratto dalla frase di Fidelia «Pria che il sol tramonti», nell'atto IV di Edgar (prima e seconda versione).
  • Il quartetto per archi Crisantemi (1890) è utilizzato largamente negli atti III e IV.

Al cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ugo Gheduzzi, bozzetto per la prima rappresentazione, atto II.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Morini, Nuovi documenti sulla nascita di un capolavoro. I cento anni di "Manon Lescaut", in Manon Lescaut, programma di sala, Teatro Massimo di Palermo, 1993, p. 93.
  2. ^ Lettera di Fontana a Puccini del 23-24 marzo 1885: «[...] ti manderò quel tal dramma su Manon Lescaut. – È bene che tu vegga come io pensi all'avvenire cioè a tenerti degli argomenti in pronto e tu leggi pacatamente questo dramma. – Se hai letto il libro su Manon che io ti diedi già a Milano (e che ritirai) ti farai un'idea dell'impasto elegante e tragico che il soffio della passione può cavarne musicalmente.» Lettere di Ferdinando Fontana a Giacomo Puccini: 1884-1919, a cura di Simonetta Puccini con la collaborazione di Michael Elphinstone, «Quaderni Pucciniani», IV, 1992, lett. 6, p. 10.
  3. ^ Lettere di Ferdinando Fontana a Giacomo Puccini, cit., lett. 135, p. 213.
  4. ^ Dieter Schickling, Giacomo Puccini. La vita e l'arte, Felici Editore, Ghezzano, 2008, p. 95.
  5. ^ Ibid.
  6. ^ La battuta è su in Giuseppe Adami, Puccini, Treve, Milano 1953, p. 26.
  7. ^ Per un esame dettagliato delle singole edizioni cfr. Dieter Schickling, Giacomo Puccini - Catalogue of the Works, Bärenreiter 2003, pp. 184–196
  8. ^ Carteggi pucciniani, a cura di Eugenio Gara, Ricordi, Milano, 1958, lett. 94, p. 92.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Dieter Schickling, Giacomo Puccini - Catalogue of the Works, Bärenreiter 2003, pp. 176–200 - ISBN 3-7618-1582-4
  • Fedele d'Amico, Manon Lescaut, non Manon e Quando Manon si toglie la parrucca, in L'albero del bene e del male - naturalismo e decadentismo in Puccini (raccolta di scritti di Fedele d'Amico a cura di Jacopo Pellegrini), Lucca, Maria Pacini Fazzi 2000 ISBN 88-7246-403-X
  • Fedele d'Amico, Le ragioni di Manon Lescaut, in I casi della musica, Il Saggiatore, Milano, 1962, pp. 281–283.
  • Jacopo Pellegrini, «Un duetton cacai che è uno splendor!» Il libretto di «Manon Lescaut» alla luce di una fonte sconosciuta, in Manon Lescaut, programma di sala del Teatro Regio di Torino, Stagione d'opera 2005-2006, pp. 29–67.
  • Jacopo Pellegrini, Di qua dal Cielo. La «Manon Lescaut» di Puccini nella cultura italiana di fine secolo, in Manon Lescaut, programma di sala del Teatro del Giglio di Lucca, Stagione d'opera 2008, pp. 13–46. [1] - versione ampliata e aggiornata del saggio precedente.
  • Manon Lescaut - Puccini - Prevost, Passigli Editori 1985 - ISBN 88-368-0075-0 (contiene - oltre al libretto dell'opera - il romanzo da cui fu tratto).
  • (ITA) Dieter Schickling, Giacomo Puccini. La vita e l'arte, Felici Editore, 2008, pp. 474 - ISBN 978-88-6019-219-6 - op. tradotta

Incisioni discografiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Manon, Des Grieux, Lescaut, Edmondo, Geronte, Un musico) Direttore Etichetta
1954 Renata Tebaldi, Mario del Monaco, Mario Boriello, Piero De Palma, Fernando Corena, Armando Giannotti Francesco Molinari Pradelli Decca
1954 Licia Albanese, Jussi Björling, Robert Merrill, Mario Carlin, Franco Calabrese, Anna Maria Rota Jonel Perlea Decca
1959 Maria Callas, Giuseppe Di Stefano, Giulio Fioravanti, Dino Fornichini, Franco Calabrese, Fiorenza Cossotto Tullio Serafin Emi
1971 Montserrat Caballé, Placido Domingo, Vincente Sardinero, Noël Mangin, Robert Tear, Peter Klein Bruno Bartoletti Emi
1984 Mirella Freni, Placido Domingo, Renato Bruson, Kurt Rydl, Robert Gambill Giuseppe Sinopoli Deutsche Grammophon
1984 Raina Kabaivanska, Giuseppe Giacomini, Nelson Portella, Lyubomir Dyarovski, Giancarlo Luccardi, Cristina Angulakowa Angelo Campori Rca
1987 Kiri Te Kanawa, José Carreras, Paolo Coni, Italo Tajo, William Matteuzzi Riccardo Chailly Decca
1992 Mirella Freni, Luciano Pavarotti, Giuseppe Taddei, Dwayne Croft, Ramon Vargas, Cecilia Bartoli James Levine Decca
1998 Maria Guleghina, José Cura, Lucio Gallo, Luigi Roni, Marco Berti Riccardo Muti Deutsche Grammophon

DVD parziale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Programma di sala, con libretto e saggi di Adriana Guarnieri Corazzol e Francesco Cesari, per l'allestimento del 2000 al Teatro La Fenice di Venezia.
  • Programma di sala, con libretto e saggi di Riccardo Pecci ed Emanuale d'Angelo, per l'allestimento del 2010 al Teatro La Fenice di Venezia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Giacomo Puccini
Giacomo Puccini automobilista
Opere di Giacomo Puccini

Le Villi (1884) · Edgar (1889) · Manon Lescaut (1893) · La bohème (1896) · Tosca (1900)
Madama Butterfly (1904) · La fanciulla del West (1910) · La rondine (1917)
Il trittico: Il tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi (1918) · Turandot (1926)

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica