Anna Moffo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Moffo

Anna Moffo (Wayne, 27 giugno 1932New York, 9 marzo 2006) è stata un soprano e attrice statunitense di origine italiana, famosa anche per la sua avvenenza.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata da genitori italiani (Nicola Moffo e Regina Cinti provenienti da Ascoli Piceno), frequentò il Curtis Institute of Music di Filadelfia. Nel 1955 vinse una borsa di studio Fulbright e poté recarsi a studiare dapprima a Venezia e poi al Conservatorio Santa Cecilia a Roma, debuttando nello stesso anno a Spoleto come Norina nel Don Pasquale, vincendo il concorso Teatro lirico sperimentale "Adriano Belli" [1]..

Successivamente fu selezionata dalla RAI per il ruolo di Cio-Cio-San in un'edizione televisiva di Madama Butterfly, andata in onda il 24 gennaio 1956 con la produzione e regia di Mario Lanfranchi, che divenne suo marito il 28 dicembre dell'anno seguente. Nel 57 debuttò alla Scala, al Festival di Salisburgo e all'Opera di Stato di Vienna (in tutti e tre i casi come Nannetta nel Falstaff diretto da Herbert von Karajan), e, ancora per la televisione, interpretò La sonnambula.

Continuò ad esibirsi a Vienna fino agli anni settanta, interpretando Gilda nel Rigoletto, Manon, Marguerite nel Faust, Micaela nella Carmen, Mimi ne La bohème, Violetta ne La traviata. Particolare successo ebbe l'interpretazione di Amina ne La sonnambula.

Esordì al Metropolitan Opera di New York nel 1959 nel ruolo di Violetta e vi ritornò nella stagione 1960-1961 per interpretare Gilda, Adina e Liù. Apparve regolarmente al Met fino al 1976, comprese tournée del teatro in altre città, per un totale di oltre 200 recite.[2]

Grazie anche all'avvenenza, ottenne diverse scritture cinematografiche anche in film non musicali, come La battaglia di Austerlitz (1960) con Rossano Brazzi, La serva padrona (1962), con la regia del marito Mario Lanfranchi, Menage all'italiana (1965) con Ugo Tognazzi, Il divorzio (1970) con Vittorio Gassman. Nel 1969 una scena nel film Una storia d'amore, in cui sembrava apparire nuda, provocò un certo scandalo, ma Moffo dichiarò poi che in quella scena non era completamente senza vestiti. Nel 1970 offrì però un mezzo nudo nel giallo italiano Concerto per pistola solista, di Michele Lupo.

Anna Moffo (a destra) con Janet Cox-Rearick Waldman (a sinistra) in un bar di Roma nel 1954

Nella televisione italiana (Rai Uno) apparve anche come ospite in spettacoli di varietà e condusse per due stagioni la trasmissione "Anna Moffo Show", nel 1964 e 67. Nella televisione tedesca apparve in una versione filmata de La principessa della Czarda, del 1971.

Divorziò da Lanfranchi nel 1972 e nel 1974 sposò l'ex dirigente della RCA Robert Sarnoff, del quale rimase vedova nel 1997. Verso la fine degli anni settanta interpretò ruoli verdiani più drammatici, come Leonora ne Il trovatore e Lina in Stiffelio, ma la carriera di cantante, se pur poco più che quarantenne, poteva considerarsi conclusa, anche a causa di un'attività molto intensa (all'apice della popolarità era arrivata a cantare in un anno ben 12 nuovi ruoli) che aveva provocato un progressivo deterioramento vocale: nel 1976 la sua interpretazione di Violetta al Met fu accolta piuttosto freddamente.

Ha lasciato una considerevole discografia. Negli ultimi anni di vita combatté con un cancro al seno, spegnendosi all'età di 73 anni.

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Anna Moffo nella Madama Butterfly 1963

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1956 debuttò alla Piccola Scala con Litaniae de venerabilis altaris sacramento K. 243 di Mozart e nel 1957 al Teatro alla Scala come Nannetta nella prima rappresentazione di Falstaff con Tito Gobbi, Rolando Panerai, Elisabeth Schwarzkopf e Fedora Barbieri diretto da Herbert von Karajan, ruolo che canterà nello stesso anno e cast anche al Festival di Salisburgo con i Wiener Philharmoniker e Giulietta Simionato al posto della Barbieri e all'Opera di Stato di Vienna. Sempre nello stesso anno a Salisburgo canta nella Messa in Do minore K 427 ed all'Opera di Chicago Mimì ne La bohème con Jussi Björling, Philine in Mignon, Susanna ne Le nozze di Figaro con Walter Berry diretta da Georg Solti e Lucia di Lammermoor con Giuseppe Di Stefano.

Nel 1958 è Sidonia/Lucinda/Melissa/naiade nella prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI di Torino di "Armida" di Gluck.

Ancora a Chicago nel 1958 è Nannetta in Falstaff con Gobbi, Renata Tebaldi, la Simionato e Cornell MacNeil diretta da Tullio Serafin, Liù in Turandot con Di Stefano e Birgit Nilsson, Lauretta in Gianni Schicchi e Gilda in Rigoletto.

Alla Wiener Staatsoper si esibì fino agli anni settanta, interpretando nel 1958 Micaela nella Carmen con Mario Del Monaco, nel 1962 Gilda nel Rigoletto, nel 1963 Violetta Valéry ne La traviata, nel 1964 Marguerite nel Faust con Nicolai Gedda e Cesare Siepi e Mimi ne La bohème con Ettore Bastianini e Carlo Cava e nel 1972 Manon.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel gennaio 1959 è Nannetta in Falstaff con la Barbieri diretta da Serafin ed in febbraio Pamina ne Il flauto magico con Sesto Bruscantini.

Al Teatro dell'Opera di Roma nel maggio 1959 è Violetta nella replica di "La traviata", nel 1965 è Manon (Massenet) con Di Stefano e nel 1968 Maria ne La figlia del reggimento.

Al Metropolitan Opera House nel 1960 interpretò Marguerite nel Faust, nel 1961 Gilda, Adina con Fernando Corena diretta da Fausto Cleva, Liù con la Nilsson e Franco Corelli diretta da Leopold Stokowski, Olympia/Giulietta/Antonia/Stella in Les contes d'Hoffmann, La Périchole di Jacques Offenbach e Lucia di Lammermoor con Richard Tucker, nel 1962 Mélisande in Pelléas et Mélisande (opera) diretta da Ernest Ansermet, nel 1963 Manon (Massenet) con Gedda e Giorgio Tozzi diretta da Thomas Schippers e Pamina in Die Zauberflöte, nel 1967 Mimì ne La bohème e Cio-Cio-San in Madama Butterfly, nel 1968 Giulietta in Romeo e Giulietta (Gounod), nel 1969 Rosina ne Il barbiere di Siviglia (Rossini), nel 1973 Rosalinde in Die Fledermaus con Roberta Peters e nel 1974 Nedda in Pagliacci (opera); la sua ultima apparizione è del 1983 nel Centennial Gala II per celebrare il centesimo anniversario del teatro.[2]

Per il San Francisco Opera nel 1960 è Amina ne La sonnambula, Mimì ne La bohème a Los Angeles e Violetta Valery ne La traviata e nel 1961 Lucia di Lammermoor.

Nel 1960 è Elvira Valton nella ripresa nel Teatro Regio di Parma di "I puritani" con Ivo Vinco e la regia di Lanfranchi.

Ancora a Venezia nel 1961 è Violetta Velery ne La traviata con Robert Merrill e nel 1971 partecipa ad un concerto con Bruno Canino.

Nel Teatro Comunale di Firenze con Alfredo Kraus nel 1962 è Violetta nella ripresa di La traviata con Piero Cappuccilli e nel 1968 canta nella ripresa di "Lucia di Lammermoor".

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 1964 è Gilda in Rigoletto diretta da Solti.

Alla Scala torna nel 1964 come Violetta Velery ne La traviata diretta da Karajan e nel 1968 Lucia di Lammermoor.

Nel 1965 canta nella ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "Lucia di Lammermoor" e nella ripresa nel Teatro comunale (Ferrara).

Per l'Edinburgh International Festival nel 1967 è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi con Luciano Pavarotti diretta da Claudio Abbado.

Nel 1969 canta nella ripresa nel Théâtre Municipal de Beaulieu di Losanna di "Lucia di Lammermoor".

Nel 1979 è Katharina nella prima rappresentazione a Vienna (Virginia) di "The Taming of the Shrew" di Vittorio Giannini.

Disco e Videografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Ruolo Cast Direttore Etichetta
1956 Madama Butterfly

(Video-RAI) regia di Mario Lanfranchi

Cio Cio San Anna Moffo, Renato Cioni, Afro Poli, Mitì Truccato Pace Oliviero De Fabritiis VAI
1956 La sonnambula

(Video-RAI) regia di Mario Lanfranchi

Amina Anna Moffo, Danilo Vega, Plinio Clabassi, Gianna Galli Bruno Bartoletti Legato Classic
1956 La bohème Musetta Maria Callas, Giuseppe Di Stefano, Rolando Panerai, Anna Moffo, Nicola Zaccaria Antonino Votto Columbia/EMI
1956 Falstaff Nannetta Tito Gobbi, Elisabeth Schwarzkopf, Rolando Panerai, Anna Moffo, Luigi Alva, Fedora Barbieri Herbert von Karajan Columbia/EMI
1956 Don Giovanni Zerlina Antonio Campo, Teresa Stich-Randall, Suzanne Danco, Marcello Cortis, Anna Moffo, Nicolai Gedda Hans Rosbaud Pathè/EMI
1957 Madama Butterfly Cio-Cio-San Anna Moffo, Cesare Valletti, Rosalind Elias Erich Leinsdorf RCA
1958 Il filosofo di campagna Eugenia Anna Moffo, Elena Rizzieri, Mario Petri, Rolando Panerai Renato Fasano HMV
1959 Lucia di Lammermoor

Video-RAI

Lucia Ashton Anna Moffo, Nicola Filacuridi, Dino Dondi Fernando Previtali House of Opera
1960 Le nozze di Figaro Susanna Giuseppe Taddei, Anna Moffo, Elisabeth Schwarzkopf, Eberhard Waechter, Fiorenza Cossotto Carlo Maria Giulini Columbia/EMI
1960 La traviata Violetta Valery Anna Moffo, Richard Tucker, Robert Merrill Fernando Previtali RCA
1961 La bohème Mimì Anna Moffo, Richard Tucker, Robert Merrill, Mary Costa, Giorgio Tozzi Erich Leinsdorf RCA
1962 La serva padrona Serpina Anna Moffo, Paolo Montarsolo Franco Ferrara RCA
1963 Rigoletto Gilda Robert Merrill, Anna Moffo, Alfredo Kraus Georg Solti RCA
1963 Manon Lescaut selez. Manon Anna Moffo, Flaviano Labò, Robert Kerns Renè Leibowitz RCA
1963 Manon selez. Manon Anna Moffo, Giuseppe Di Stefano Renè Leibowitz RCA
1964 Luisa Miller Luisa Miller Anna Moffo, Carlo Bergonzi, Shirley Verrett, Cornell MacNeil, Giorgio Tozzi Fausto Cleva RCA
1965 Orfeo ed Euridice Euridice Shirley Verrett, Anna Moffo, Judith Raskin Renato Fasano RCA
1966 Lucia di Lammermoor Lucia Ashton Anna Moffo, Carlo Bergonzi, Mario Sereni, Ezio Flagello Georges Prêtre RCA
1966 La Rondine Magda Anna Moffo, Daniele Barioni, Graziella Sciutti Francesco Molinari-Pradelli RCA
1968 La traviata

(Film-TV) regia di Mario Lanfranchi

Violetta Valery Anna Moffo, Franco Bonisolli, Gino Bechi Giuseppe Patanè VAI
1970 Carmen Carmen Anna Moffo, Franco Corelli, Helen Donath, Piero Cappuccilli Lorin Maazel Eurodisc/Cetra
1971 Lucia di Lammermoor

(Film-TV) regia di Mario Lanfranchi

Lucia Asthon Anna Moffo, Lajos Kozma, Giulio Fioravanti, Paolo Washington Carlo Felice Cillario VAI
1974 Thaïs Thais Anna Moffo, Gabriel Bacquier, José Carreras Julius Rudel RCA
1974 La Juive Eudoxie Martina Arroyo, Anna Moffo, Richard Tucker, Bonaldo Giaiotti Antonio De Almeida RCA
1976 L'amore dei tre re Fiora Anna Moffo, Plácido Domingo, Cesare Siepi Nello Santi RCA
  • Strauss R., Capriccio - Anna Moffo, Dietrich Fischer-Dieskau, Elisabeth Schwarzkopf, Nicolai Gedda, Philharmonia Orchestra & Wolfgang Sawallisch, 1957 EMI
  • The Great Moments from Die Fledermaus - Risë Stevens, George London, Chor der Wiener Staatsoper, Oscar Danon, Richard Lewis, Anna Moffo, John Hauxvell, Jeanette Scovotti, Edward Houser, Sergio Franchi & Orchester der Wiener Staatsoper, 1963 BMG/RCA
  • Offenbach, Die Schöne Helena – Anna Moffo, Ivan Rebroff, René Kollo, 1975 Philips
  • Tra il 1971 ed il 1973 la Moffo incise per l'ARIOLA EURODISC/RCA altre due opere complete: Hansel und Gretel ed Iphigenia in Aulis

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario G. Genesi: Anna Moffo: una carriera italo-americana Edizioni Orione, Borgonovo V.T., 2002, pp. 496. Si tratta dell'unica biografia, realizzata mentre l'artista era ancora in vita e quindi frutto di contatti diretti. Il volume comprende discografia, filmografia, cronologia, numerose foto di scena inedite del film Lucia di Lammermoor del 1971 e la bibliografia delle recensioni giornalistiche più rilevanti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carlo Belli (a cura di), Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto nel suo primo ventennio, ed. "Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto Adriano Belli", Roma 1966 pp. 80 e 81
  2. ^ a b Archivio del Metropolitan

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56797063 LCCN: n82216217