Festival di Salisburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

s

Nicholas Ofczarek nel ruolo del Jedermann, 2012

Il Festival di Salisburgo (Salzburger Festspiele) è uno dei più importanti festival musicali di musica classica e opera lirica. Si tiene tutti gli anni in estate (per cinque settimane da fine luglio a tutto agosto) a Salisburgo (Austria), città natale di Wolfgang Amadeus Mozart. In tempi recenti si tiene anche il Osterfestspiele[1].

Il Festival estivo è stato fondato nel 1877 ma la sua programmazione fu discontinua fino al 1910.

Alla fine della Prima guerra mondiale nel 1918, la sua rinascita fu dovuta a cinque alte personalità che oggi vengono considerate i fondatori: Il poeta e drammaturgo Hugo von Hofmannsthal, il compositore Richard Strauss, il direttore del Teatro di Salisburgo Max Reinhardt, lo scenografo Alfred Roller ed il direttore d'orchestra Franz Schalk. Il Festival venne ufficialmente rifondato il 22 agosto 1920 con la rappresentazione di Jedermann di Hofmannsthal su un palco all'aperto sito nella piazza del Duomo di Salisburgo. Questa rappresentazione è divenuta una tradizione ed essa viene ripetuta tutti gli anni sempre allo stesso posto.

Nel 1926 il vecchio palazzo sede dell'arcivescovado (Felsenreitschule), venne trasformato in un teatro che divenne la sede principale del Festival (Salzburger Festspielhaus). Questo fece sì che il festival, anno dopo anno, conquistasse importanza e fama in tutto il mondo, non solo come luogo di esecuzione delle opere di Mozart e Strauss, ma anche di altri compositori. Durante il Festival vengono programmate opere liriche, concerti sinfonici, recital, lavori teatrali ed altri generi di spettacolo. Oltre alle opere dei già accennati compositori austriaci vengono spesso eseguiti Falstaff di Giuseppe Verdi e Fidelio di Beethoven.

Fra il 1934 e il 1937 si ebbe il periodo d'oro della manifestazione per la partecipazione di due mostri sacri come i direttori d'orchestra Arturo Toscanini e Bruno Walter.

La popolarità del Festival andò scemando quando l'Austria venne annessa alla Germania nel 1938 ed ebbe delle edizioni sottotono fino alla temporanea chiusura nel 1943 durante la Seconda guerra mondiale. Alla fine della guerra il Festival riprese con l'edizione del 1945 subito dopo la vittoria delle forze alleate in Europa.

Dopo la seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro dell'Opera del Festival di Salisburgo

Dopo la fine della guerra, il Festival andò lentamente riguadagnando la fama che aveva raggiunto in precedenza, di principale Festival estivo, specialmente per le opere di Mozart. Nel 1960 Herbert von Karajan inaugurò il nuovo e ampio teatro dell'Opera con un palcoscenico di 32 metri con la famosa opera Il cavaliere della rosa di Richard Strauss. Nel 2006 il Festival ha celebrato il 250º anniversario della nascita di Mozart allestendo tutte e 22 le opere del compositore austriaco, comprese due opere incompiute, ottenendo un grande successo di pubblico e critica. Le rappresentazioni vennero filmate e presentate poi in televisione nel novembre dello stesso anno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Festival pasquale di Salisburgo edizione che si svolge tutti gli anni nel periodo di Pasqua.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]