Fidelio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fidelio (disambigua).
Fidelio
Titolo originale Fidelio oder die eheliche Liebe
Lingua originale tedesco
Genere Singspiel, o Opera tedesca
Musica Ludwig van Beethoven
Libretto Joseph Sonnleithner, Stephan von Breuning e Georg Friedrich Treitschke
Fonti letterarie Léonore ou l'amour conjugal di Jean-Nicolas Bouilly (1798)
Atti tre (prima versione) / due (versioni successive)
Epoca di composizione 1803-1805
Prima rappr. 20 novembre 1805
Teatro Theater an der Wien (Vienna)
Prima rappr. italiana 15 maggio 1883
Teatro Milano, Teatro dal Verme
Versioni successive
Personaggi
  • Don Fernando - ministro (baritono)
  • Don Pizarro - governatore di una prigione di stato (baritono)
  • Florestan - un prigioniero (tenore)
  • Leonore - sua moglie, sotto il nome di Fidelio (soprano)
  • Rocco - carceriere (basso)
  • Marzelline - sua figlia (soprano)
  • Jaquino - portiere (tenore)
  • prigionieri, ufficiale, guardie, popolo
Fidelio, Locandina della prima mondiale, Vienna, Kärntnertortheater, 23 maggio 1814

Fidelio (Op. 72b) è un Singspiel in due atti di Ludwig van Beethoven su libretto di Joseph Sonnleithner e Georg Friedrich Treitschke.

La prima rappresentazione fu data il 20 novembre 1805 al Theater an der Wien (Vienna) diretta da Ignaz von Seyfried.

La genesi di Fidelio e sue rappresentazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fidelio è l'unico lavoro teatrale realizzato dal maestro di Bonn. Venne composto dall'autore al culmine della propria esperienza e maturità artistica e rivela nella sua originalità tutto lo stile tipico del genio creativo beethoveniano. Nel 1804 il compositore rimase affascinato da Léonore di Jean-Nicolas Bouilly. Tuttavia la prima versione del Singspiel, presentata il 20 novembre 1805 al Theater an der Wien con il titolo Fidelio, oder die eheliche Liebe (Op. 72) (Fidelio o l’amor coniugale), non incontrò il favore del pubblico tanto che Beethoven fu costretto a ritirare l'opera. Gran parte dell'insuccesso fu dovuto, quasi sicuramente, all'eccessiva lunghezza del lavoro (tre atti). Un notevole peso dovette avere anche il momento storico molto travagliato per Vienna, che proprio in quei giorni era stata invasa dall'esercito napoleonico, creando un clima di generale paura per la città e i suoi abitanti (quasi tutti gli spettatori erano costituiti da militari francesi). Non si può, infatti, tacere sul peso anche politico del Fidelio, il cui tema della lotta contro la tirannia e dell'affermazione della libertà e della giustizia, estremamente caro a Beethoven al di là della contingenza storica, poteva trovare diretta giustificazione nella situazione in cui si trovava la città austriaca.

Nonostante le aspre critiche di chi accusava Beethoven di non sapere scrivere per le voci, di trattarle indistintamente come strumenti e di essere poco avvezzo al genere teatrale, egli arrangiò, avvalendosi di un libretto revisionato dall'amico Stephan von Breuning, una nuova versione in due soli atti del lavoro, ripresentata l'anno successivo (26 marzo 1806) con il titolo Leonore (Op. 72a) (Leonore o il trionfo dell’amor coniugale), ma con non migliori esiti, tanto da costringerlo a ritirarlo nuovamente. Solo otto anni dopo (1814), dietro richiesta del Theater am Kärntnertor, Beethoven tornò ancora una volta su Fidelio avvalendosi della collaborazione del giovane Treitschke, che corresse il libretto migliorandolo dal punto di vista teatrale. La versione definitiva andò in scena in quello stesso anno con successo il 23 maggio con Johann Michael Vogl come Don Pizarro.

Il segno più evidente del lungo travaglio compositivo è costituito dalle quattro ouverture scritte da Beethoven per il Singspiel: due nel 1804, una nel 1805 e un'ultima (quella definitiva) nel 1814.

Il compositore così descriveva la sua opera: «Di tutte le mie creature, il Fidelio è quella la cui nascita mi è costata i più aspri dolori, quella che mi ha procurato i maggiori dispiaceri. Per questo è anche la più cara; su tutte le altre mie opere, la considero degna di essere conservata e utilizzata per la scienza dell’arte».

Nel Regno Unito la prima è stata il 18 maggio 1832 al King’s Theatre (oggi Her Majesty's Theatre) in Haymarket di Londra, al Royal Opera House il 12 giugno 1835 per la Alfred Bunn Opera Company ed al Theatre Royal di Edinburgo il 23 dicembre 1853.

Al Wiener Staatsoper la prima è stata il 10 giugno 1869 e da allora ha avuto novecentoventuno recite.

In Italia la prima è stata il 15 maggio 1883 al Teatro dal Verme di Milano diretta da Anton Seidl ed il 4 febbraio 1886 avviene la prima nel Teatro Apollo (Roma) diretta da Edoardo Mascheroni.

Al Metropolitan Opera House di New York la premiere è stata il 19 novembre 1884 con Marianne Brandt (cantante) diretta da Leopold Damrosch e fino al 2006 ha avuto duecentotrenta recite.

Per l'Opéra national de Paris la prima è stata il 15 febbraio 1926 nell'Académie Nationale de Musique.

Il 13 agosto 1927 avviene l'inaugurazione del Festspielhaus di Salisburgo con la prima di Fidelio diretto da Franz Schalk con Lotte Lehmann ed Elisabeth Schumann.

Al Teatro Regio di Torino la prima è stata nel 1927 ed i successivi allestimenti sono stati negli anni: 1965, 1984 e 2011 quando la trasmissione di Rai 3 Prima della Prima ha dedicato una puntata alla produzione.

Il 19 aprile 1930 avviene la prima nel Politeama Fiorentino «Vittorio Emanuele II», oggi Teatro comunale (Firenze) diretto da Vittorio Gui con Eva Turner.

Alla San Francisco Opera va in scena l'8 novembre 1937 con Kirsten Flagstad diretta da Fritz Reiner.

Al Teatro Verdi (Trieste) va in scena il 18 dicembre 1948 con Antenore Reali, Carla Castellani (lirica), Vincenzo Bettoni ed Angelo Mercuriali.

Al Teatro alla Scala di Milano la prima è stata il 31 gennaio 1949 con Hilde Güden (Marcellina), Mirto Picchi (Florestano), Mercuriali (Giacchino), Giuseppe Taddei (Don Pizarro) e Boris Christoff (Rocco).

Al Teatro La Fenice di Venezia la prima è stata il 14 febbraio 1950 con Picchi e Christoff diretti da Gui.

Al Grand Théâtre di Ginevra va in scena nel 1951 diretta da Ferenc Fricsay.

Al Glyndebourne Festival Opera va in scena nel 1959 con la Royal Philharmonic Orchestra diretta da Gui.

Al'Opera di Chicago va in scena nel 1963 con Régine Crespin, Christoff come Don Pizarro e Jon Vickers.

A Bilbao va in scena nel 1996.

Le ouverture di Fidelio[modifica | modifica wikitesto]

Beethoven sentiva la necessità di comporre un'appropriata ouverture per Fidelio, e ne compose complessivamente quattro versioni. La prima versione, composta per la Prima del 1805, è l'overture ora nota come Leonore No. 2 (Op. 72). Beethoven quindi partì da questa per poi creare la Leonore No. 3 (Op. 72a) per le rappresentazioni del 1806. Quest'ultima è considerata da molti come la migliore delle quattro ouverture, sia per l'intensità drammatica, sia per il grande respiro sinfonico, ma aveva il difetto di sovrastare la scena iniziale dell'opera e di prefigurarne il finale, anticipando lo squillo di tromba risolutivo (raffigurante l'arrivo di don Fernando). L'una e l'altra ebbero grande fortuna come pagine orchestrali a sé stanti, ma proprio per la loro grandezza furono giudicate inadatte a fare da premessa a un’opera le cui prime scene presentano un carattere di commedia borghese. Beethoven quindi decise di apporre ulteriori modifiche per una presunta rappresentazione del 1807 a Praga, che comunque non ebbe poi luogo: questa versione è oggi chiamata Leonore No. 1 (Op. 138). Nel 1814 Beethoven ne scrisse la versione definitiva (Op. 72b), molto più snella, che sembra adattarsi meglio per l'inizio dell'opera.

Le intenzioni finali di Beethoven sono generalmente rispettate oggi durante le rappresentazioni contemporanee. Gustav Mahler introdusse la pratica, comune fino alla metà del XX secolo, di suonare la Leonore No. 3 nel cambio di scena del secondo atto: alcuni direttori continuano tale usanza.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il soggetto è tratto da Léonore ou l'amour conjugal di Jean-Nicolas Bouilly, scritto a suo tempo per il musicista Pierre Gaveaux, e si basa su di un fatto realmente accaduto nella Francia del periodo del 'Terrore', di cui l'autore (all'epoca accusatore pubblico del tribunale rivoluzionario di Tours) parla anche nelle sue Mémoires.

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge in una prigione a qualche miglio fuori da Siviglia, nel XVII secolo.
Don Pizarro è il governatore della prigione in cui egli stesso ha fatto imprigionare ingiustamente il suo nemico personale Florestan. La moglie di questi, Leonore, vuole ritrovarlo e, travestitasi da uomo e preso il nome di Fidelio, ne intraprende le ricerche. Le informazioni raccolte la indirizzano proprio verso il carcere di don Pizarro. Qui, per scoprire se Florestan è tra i prigionieri, fa in modo di entrare nelle grazie di Rocco, il carceriere, e, involontariamente, entra anche in quelle di Marzelline, la figlia di lui, che se ne invaghisce sdegnando le attenzioni di Jaquino, il giovane portiere della prigione.

Nel frattempo una lettera informa don Pizarro dell'imminente arrivo del ministro di stato don Fernando e teme che questi possa scoprire l'arbitrio commesso con l'arresto illegale di Florestan, che don Fernando ben conosce. Dà ordine, dunque, a Rocco di uccidere il prigioniero ricevendone, però, un rifiuto. Costretto a dover commettere personalmente il delitto ottiene, però, che Rocco prepari la fossa. Fidelio assiste al colloquio e sospetta che il prigioniero di cui parla don Pizarro sia proprio Florestan. Per scoprirlo convince Rocco a far uscire in cortile tutti i prigionieri, ma Florestan non si trova tra questi e Fidelio, rassegnato, non può far altro che seguire Rocco nelle segrete per aiutarlo a scavare la fossa.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Libretto Edizione Barion

Florestan giace incatenato nel buio della segreta e si lamenta della perduta libertà. Entrano Rocco e Fidelio, che si era deciso a salvare comunque il prigioniero chiunque egli fosse. Non appena ne ode la voce invocare il nome "Leonore", però, riconosce subito in lui il marito. Quando don Pizarro arriva per ucciderlo, Fidelio lo affronta e gli rivela la sua identità, ma il governatore è ben deciso a uccidere entrambi.

Uno squillar di tromba annunciante l'arrivo del ministro fa frettolosamente uscire don Pizarro dalle segrete, mentre Leonore e Florestan si abbracciano esultanti. Nella piazza del castello il ministro dà ordine che i prigionieri siano liberati e ascolta da Rocco il resoconto dei fatti. Leonore toglie personalmente le catene al marito e, mentre i crimini di don Pizarro vengono smascherati, si leva un coro in lode dell'eroina.

Struttura dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Ouverture
Atto I Duetto Jetzt, Schätzchen, jetzt sind wir allein
Aria: O wär'ich schon mit dir vereint
Quartetto: Mir ist so wunderbar
Aria: Hat man nicht auch Gold beineben
Terzetto: Gut, Söhnchen, gut
Marcia (orchestrale)
Aria e Coro: Ha! Ha! Ha! Welch'ein Augenblick
Duetto: Jetzt, Alter, jetzt hat es Eile
Recitativo: Abscheulicher! Wo eilst du hin?
Aria finale: Komm, Hoffnung, lass' den letzten Stern
Coro: O welche Lust
Terzetto: Ach! Vater. Vater, eilt
Coro: Leb'wohl, du warmes Sonnenlicht
Atto II Introduzione: Gott! Welch Dunkel hier
Aria In des Lebens Frühlingstagen
Melologo e duetto: Wie kalt ist es in diesem unterirdischen Gewölbe!
Duetto: Nur hurtig fort, nur frisch gegraben
Terzetto: Euch werde Lohn in bessern Welten
Quartetto: Er sterbe!
Duetto: O namenlose Freude!
Cambio di scena

Coro: Heil! Heil! Heil sei dem Tag!
Aria: Des besten Königs Wink und Wille
Coro finale: Wer ein holdes Weib errungen

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Leonore, Florestan, Pizarro, Rocco, Marzelline) Direttore
1953 Martha Mödl, Wolfgang Windgassen, Otto Edelmann, Gottlob Frick, Sena Jurinac Wilhelm Furtwängler
1957 Leonie Rysanek, Ernst Haefliger, Dietrich Fischer-Dieskau, Gottlob Frick, Irmgard Seefried Ferenc Fricsay
1962 Christa Ludwig, Jon Vickers, Walter Berry, Gottlob Frick, Ingeborg Hallstein Otto Klemperer
1964 Birgit Nilsson, James McCracken, Tom Krause, Kurt Böhme, Graziella Sciutti Lorin Maazel
1969 Gwyneth Jones, James King, Theo Adam, Franz Crass, Edith Mathis Karl Böhm
1970 Helga Dernesch, Jon Vickers, Zoltán Kélémen, Karl Ridderbusch, Helen Donath Herbert von Karajan
1978 Gundula Janowitz, René Kollo, Hans Sotin, Manfred Jungwirth, Lucia Popp Leonard Bernstein
1979 Hildegard Behrens, Peter Hofmann, Theo Adam, Hans Sotin, Sona Ghazarian Georg Solti
1989 Jessye Norman, Reiner Goldberg, Ekkehard Wlaschina, Kurt Moll, Pamela Coburn Bernard Haitink
1995 Deborah Voigt, Ben Heppner, Günter von Kannen, Matthias Hölle, Elisabet Norberg-Schulz Colin Davis
1999 Waltraud Meier, Placido Domingo, Falk Struckmann, René Pape, Soile Isokoski Daniel Barenboim
2010 Nina Stemme, Jonas Kaufmann, Falk Struckmann, Christof Fischesser, Rachel Harnisch Claudio Abbado

Incisioni delle prime due versioni dell'opera (1805 e 1806)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast (Leonore, Florestan, Pizarro, Rocco, Marzelline) Direttore Versione
1975 Edda Moser, Richard Cassilly, Theo Adam, Karl Ridderbusch, Helen Donath Herbert Blomstedt Prima versione (1805)
1997 Pamela Coburn, Mark Baker, Jean-Philippe Lafont, Victor van Halem, Christine Neithardt-Barbaux Marc Soustrot Seconda versione (1806)
1997 Hillevi Martinpelto, Kim Begley, Matthew Best, Franz Hawlata, Christiane Oelze John Eliot Gardiner Versione 1805, con inserti delle versioni 1806 e 1814.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]