Edoardo Mascheroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo Mascheroni

Edoardo Mascheroni (Milano, 4 settembre 1852Ghirla, 4 marzo 1941) è stato un direttore d'orchestra e compositore italiano, fratello di Angelo.

La vita e l'opera[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nel 1880 a Brescia con Macbeth e, negli anni successivi, lavorò soprattutto a Roma dove, fra il 1884 e il 1889 diresse alcune prime rappresentazioni italiane, fra cui Fidelio di Beethoven e Olympie di Spontini. Sostenuto da Giuseppe Verdi, che lo stimava[1], ricevette l'incarico, nel 1891, di primo direttore del Teatro alla Scala di Milano dove fece conoscere per la prima volta al pubblico lombardo alcuni capolavori wagneriani: Tannhäuser, Il vascello fantasma e La Valchiria. Sempre sul podio scaligero diresse la prima rappresentazione assoluta de La Wally (1892) e di Falstaff (1893) che fu portata al successo da Mascheroni anche in Germania e Austria. Oltre che nei paesi di lingua tedesca Mascheroni fu particolarmente attivo, fra gli ultimi anni dell'Ottocento e i primi del Novecento, in Francia, Spagna e America Latina. Nel 1913 fu fra i promotori delle manifestazioni celebrative del centenario verdiano, cui partecipò come esecutore a Busseto.

Mascheroni fu apprezzato come direttore d'orchestra per il suo rigore filologico e la sua precisione. Ci ha lasciato due opere, entrambe su libretti di Luigi Illica, Lorenza (1901) e La perugina (1909) e alcune composizioni sacre e da camera.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Porzio (a cura di), Verdi, Lettere (1835-1900), Milano, Mondadori, 2000, pp. 379, 389-390.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]