Wolfgang Windgassen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Wolfgang Windgassen (Annemasse, 26 giugno 1914Stoccarda, 8 settembre 1974) è stato un tenore tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cantò nel 1941 a Pforzheim, passando nel 1945 all'Opera di Stoccarda, dove rimase fino al 1972.

Si esibì con frequenza soprattutto a Bayreuth come interprete degli eroi wagneriani, ma il suo repertorio comprende anche opere di Gluck, Weber, Puccini, Strauß, Hindemith.

Con una voce di suadente metallo ben timbrato, di ampia duttilità di emissione e di finissima sensibilità, raggiunse esiti suggestivi anche nei vigorosi passaggi drammatici. Secondo il critico Elvio Giudici, la sua massima prova la diede nella Tetralogia diretta da Georg Solti, interpretando il ruolo di Siegfried.

Dominò letteralmente la scena di Bayreuth dal 1951 (anno del suo debutto) al 1970, ricoprendo tutti i principali eroi wagneriani. Al Bayreuther Festspiele nel 1951 è Parsifal (opera) e Froh in Das Rheingold con Elisabeth Schwarzkopf diretto da Herbert von Karajan, nel 1953 Sigfrido (opera) con Astrid Varnay, Siegfried ne Il crepuscolo degli dei e Lohengrin (opera), nel 1954 canta nella Sinfonia n. 9 (Beethoven) diretto da Wilhelm Furtwängler, nel 1955 Tannhäuser (opera) con Dietrich Fischer-Dieskau, nel 1956 Siegmund in Die Walküre e Walther von Stolzing in Die Meistersinger von Nürnberg, nel 1957 Tristan in Tristan und Isolde con Birgit Nilsson diretto da Wolfgang Sawallisch e nel 1960 Erik in Der fliegende Holländer con Anja Silja.

Nel 1953 è Siegfried per la prima volta, ruolo che, reinventato dalle ceneri delle muscolari interpretazioni dei suoi predecessori (Max Lorenz, Lauritz Melchior), diventerà suo fino al ritiro. È con Windgassen che il personaggio, da facilone eroe roboante qual era, si ammanta di sensibilità e candore giovanili, profondità psicologica e melanconia. Interpretazione sul cui solco si inseriranno buona parte dei principali cantanti wagneriani del futuro (René Kollo e soprattutto Siegfried Jerusalem). È il senso della cd Neue Bayreuth.

Sue partner femminili nei ruoli da protagonista saranno soprattutto Martha Mödl (Kundry e Brünnhilde) e Astrid Varnay (la Brünnhilde di una generazione) prima, Birgit Nilsson (Brünnhilde e Isolde) poi.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1952 è Florestano nella prima rappresentazione di Fidelio diretto da Karajan, nel 1953 Lohengrin nella prima diretta da Karajan con la Schwarzkopf, nel 1955 Siegmund nella prima di La Walchiria con Leonie Rysanek e nel 1959 Tristano nella prima di Tristano e Isotta con la Nilsson diretto da Karajan.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1953 è Tristano in Tristano e Isotta, nel 1968 Loge in Das Rheingold, Siegfried ne Il crepuscolo degli dei e Siegmund ne La Walkiria, nel 1972 è il regista ne Il vascello fantasma e nel 1974 de Il franco cacciatore.

Al Wiener Staatsoper nel 1953 debutta come Lohengrin, poi Florestan in Fidelio diretto da Furtwängler (38 rappresentazioni viennesi fino al 1971) e Hoffmann in Les contes d'Hoffmann con Walter Berry, nel 1954 Duca di Mantova in Rigoletto, Don José in Carmen (opera), B.F. Pinkerton in Madama Butterfly, Tamino in Die Zauberflöte ed Erik in Der fliegende Holländer con Leonie Rysanek, nel 1956 Tannhäuser in Tannhäuser und der Sängerkrieg auf Wartburg, Walther von Stolzing in Die Meistersinger von Nürnberg e Mario Cavaradossi in Tosca (opera), nel 1957 Tristan in Tristan und Isolde, Siegmund in Die Walküre con Leonie Rysanek e Christa Ludwig diretto da Karajan e Siegfried con la Nilsson e Wilma Lipp diretto da Karajan, nel 1958 Loge in Das Rheingold diretto da Karajan, nel 1959 Parsifal, nel 1960 Siegfried ne Il crepuscolo degli dei con la Nilsson, la Ludwig e la Lipp diretto da Karajan, nel 1961 Aegisth in Elettra (Strauss) e nel 1970 Bernardo Novagerio in Palestrina (opera). Fino al 1974 prese parte in 226 recite a Vienna.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 1953 è Tristan in Tristan und Isolde, nel 1958 Florestan in Fidelio e Lohengrin, nel 1961 Tannhaüser, nel 1964 Parsifal e nel 1965 Erik in Der fliegende Holländer con la Silja.

Al Royal Opera House, Covent Garden di Londra nel 1954 è Tristan in Tristan und Isolde, nel 1956 Siegfried nell'opera omonima e poi ne Il crepuscolo degli dei con la Joan Sutherland, nel 1960 Siegmund in Die Walküre con Amy Shuard. Fino al 1965 prende parte in 30 rappresentazioni del Covent Garden.

Nel 1956 è Rocco nella ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino di Montecarlo di "Fidèlio" con Leonie Rysanek.

Al Metropolitan Opera House di New York nel 1957 debutta come Siegmund in Die Walküre diretto da Dimitri Mitropoulos, seguito da Siegfried nell'opera omonima e poi ne Il crepuscolo degli dei.

Al King's Theatre di Edimburgo, con la Varnay nella produzione del Württemberg State Opera di Stoccarda, nel 1958 è Tristan in Tristan und Isolde e nel 1966 Lohengrin.

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 1959 è Siegmund in Die Walküre e nel 1960 Siegfried nell'opera omonima e poi ne Il crepuscolo degli dei con la Varnay.

Nel 1959 è Tristano nella ripresa nel Teatro dell'Opera di Roma di "Tristano e Isotta" con la Nilsson.

Al San Francisco Opera nel 1970 è Tristan in Tristan und Isolde con la Nilsson e Giorgio Tozzi.

Windgassen è tendenzialmente riconosciuto il più importante tenore wagneriano del dopoguerra e, in generale, tra i più grandi di tutti i tempi per voce, capacità interpretativa e recitazione.

Karl Böhm (col quale realizzò alcune delle sue più significative registrazioni, vedi discografia) commentò:

« Windgassen aveva tutte le doti: sensibilità, presenza scenica, intrinseche doti canore e intelligenza. »

Poco conosciuta, rara ed estremamente efficace e suggestiva è la sua unica interpretazione nel ruolo di Otello (nell'opera omonima cantata per l'occasione in tedesco), diretta da Angelo Quadri.

Discografia ragionata[modifica | modifica sorgente]

  • Rienzi, nel ruolo omonimo (Matačić 1957)
  • Lohengrin, nel ruolo omonimo (Keilberth 1953 e Jochum 1954)
  • Tannhäuser, nel ruolo omonimo (Cluytens 1955, Sawallisch 1962, Gerdes 1970)
  • La valchiria, nel ruolo di Siegmund (Furtwängler 1953 e Knappertsbusch 1956)
  • Sigfrido, nel ruolo omonimo (Keilberth 1953, Krauss 1953, Keilberth 1955, Solti 1962 e Böhm 1966)
  • Il crepuscolo degli dei, nel ruolo di Siegfried (Keilberth 1953, Krauss 1953, Keilberth 1955, Solti 1964 e Böhm 1967)
  • Tristano e Isotta, nel ruolo di Tristan (Böhm/Nilsson/Windgassen/Heater 1966) Deutsche Grammophon
  • Parsifal, nel ruolo omonimo (Knappertsbusch 1951, 1952, 1954 e 1963)

In ruoli non wagneriani:

  • Fidelio, nel ruolo di Florestan (Furtwängler 1953)
  • Euryanthe, nel ruolo di Adolar (Leitner 1954)
  • Otello, nel ruolo omonimo (Quadri 1965)
  • Il pipistrello - Böhm/Janowitz/Windgassen/WPO, 1971 Deutsche Grammophon

Controllo di autorità VIAF: 7575743 LCCN: n/82/43268