Giuseppe Taddei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Taddei nel 1965

Giuseppe Taddei (Genova, 26 giugno 1916Roma, 2 giugno 2010) è stato un baritono italiano, talvolta impegnato anche in ruoli di basso buffo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rivela fin dall'infanzia la sua attitudine verso il canto: trasferitosi a Roma per studiare, a diciotto anni partecipa ad un concorso bandito dal Teatro dell'Opera di Roma. Due anni dopo, debutta al Teatro Costanzi di Roma come Araldo nel Lohengrin. Arruolatosi nel 1942, è preso prigioniero e internato nei campi di concentramento in Germania [1]. Al termine del conflitto, entra a far parte del gruppo di artisti che si esibisce negli spettacoli organizzati dallo Special Service per i soldati alleati. A Salisburgo, conosce Von Karajan, con il quale inizia una lunga e collaborazione.

Tornato alle scene teatrali nell'immediato dopoguerra, canta per due stagioni (1946 e 1947) allo Staatsoper di Vienna: da qui inizio la sua carriera internazionale. Il debutto al Teatro alla Scala di Milano avvenne nel 1948. È stato attivo sulle scene almeno fino al 1984, anno in cui cantò L'elisir d'amore al Teatro Comunale di Firenze.

Lavora con tutti i più grandi cantanti e direttori d’orchestra, da Serafin a Karajan, fino a Zubin Mehta e Claudio Abbado, con il quale eseguirà a Vienna nel 1991 un memorabile Simon Boccanegra all’età di 75 anni.

Scrive Enrico Stinchelli nel profilo pubblicato nel volume Le stelle della lirica:

« La voce di Giuseppe Taddei è di rara bellezza timbrica più volte paragonata alla morbida e vellutata cavata di un violoncello, una voce pastosa, calda, emessa con perizia tecnica. Inoltre Taddei possiede l’innato, e raro, gusto per la fantasia interpretativa, riuscendo a trovare per ogni personaggio l’esatta definizione espressiva, sia in termini puramente vocali (accenti, colori, inflessioni) sia con la gestualità del grande attore. Il repertorio non può che essere estremamente vario e ampio: da uno splendido Mozart al Verdi della maturità (Macbeth, Rigoletto, Boccanegra, Otello), ai più importanti personaggi del verismo tra cui Scarpia, Tonio, Schicchi Gérard. Ma non vanno dimenticati il suo Hans Sachs dei Maestri cantori, L'Olandese Volante, il Principe Igor, I Pescatori di Perle, l'Eugenio Onieghin »

È scomparso nel 2010, all'età di 93 anni.[2] Ha pubblicato la sua biografia Ich, Falstaff (Amalthea, 2006), scritta insieme al suo genero Peter Launek, sposo della figlia Marina.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia
Anno Opera Compositore Direttore Personaggio
1941 Andrea Chénier Giordano Oliviero De Fabritiis Pietro Fléville
1941 Andrea Chénier Giordano Oliviero De Fabritiis Fouquier Tinville
1949 Gianni Schicchi Puccini Alfredo Simonetto Gianni Schicchi
1950 Il barbiere di Siviglia Rossini Fernando Previtali Figaro
1950 Falstaff Verdi Mario Rossi John Falstaff
1951 La bohème Puccini Gabriele Santini Marcello
1951 Ernani Verdi Fernando Previtali Don Carlo
1951 La traviata Verdi Oliviero De Fabritiis Giorgio Germont
1951 Aida Verdi Oliviero De Fabritiis Amonasro
1952 Guillaume Tell Rossini Mario Rossi Guglielmo Tell
1952 Adriana Lecouvreur Cilea Gabriele Santini Michonnet
1952 La traviata Verdi Gabriele Santini Giorgio Germont
1953 Madama Butterfly Puccini Angelo Questa Sharpless
1953 Linda di Chamounix Donizetti Alfredo Simonetto Antonio
1953 L'elisir d'amore Donizetti Gianandrea Gavazzeni Belcore
1953 Die Zauberflöte Mozart Herbert von Karajan Papageno
1953 Eugenio Onieghin Čajkovskij Nino Sanzogno Evgenij Onieghin
1954 Tosca Puccini Oliviero De Fabritiis Scarpia
1954 Rigoletto Verdi Angelo Questa Rigoletto
1954 Otello Verdi Franco Capuana Jago
1954 L'elisir d'amore (DVD) Donizetti Mario Rossi Dulcamara
1955 Don Giovanni Mozart Max Rudolf Don Giovanni
1955 Les Huguenots Meyerbeer Tullio Serafin Nevers
1955 Andrea Chénier Giordano Angelo Questa Carlo Gérard
1955 Tosca Puccini Vincenzo Bellezza Scarpia
1956 Moïse et Pharaon Rossini Tullio Serafin Faraone
1956 Linda di Chamounix Donizetti Tullio Serafin Antonio
1956 Falstaff (DVD) Verdi Tullio Serafin John Falstaff
1957 I vespri siciliani Verdi Tullio Serafin Guido de Monforte
1957 Moïse et Pharaon Rossini Tullio Serafin Faraone
1957 Tosca Puccini Tullio Serafin Scarpia
1958 Otello Verdi Thomas Beecham Jago
1958 L'elisir d'amore Donizetti Tullio Serafin Dulcamara
1959 Le nozze di Figaro Mozart Carlo Maria Giulini Figaro
1959 Don Giovanni Mozart Carlo Maria Giulini Leporello
1960 Macbeth Verdi Vittorio Gui Macbeth
1960 Les Pêcheurs de perles Bizet Armando La Rosa Parodi Zurga
1961 La forza del destino Verdi Fernando Previtali Don Carlo di Vargas
1961 Le nozze di Figaro Mozart Carlo Maria Giulini Figaro
1962 Tosca Puccini Herbert von Karajan Scarpia
1962 Tosca Puccini Carlo Felice Cillario Scarpia
1962 Così fan tutte Mozart Karl Böhm Guglielmo
1962 Die Meistersinger von Nürnberg Wagner Lovro von Matacic Hans Sachs
1963 La bohème Puccini Herbert von Karajan Schaunard
1964 Macbeth Verdi Thomas Schippers Macbeth
1964 Knias Igor Borodin Armando La Rosa Parodi Igor Sviatoslavich
1965 Pagliacci Leoncavallo Herbert von Karajan Tonio
1966 Simon Boccanegra Verdi Giuseppe Patanè Simon Boccanegra
1967 L'elisir d'amore Donizetti Gianandrea Gavazzeni Belcore
1967 L'elisir d'amore (DVD) Donizetti Gianandrea Gavazzeni Belcore
1968 Ernani Verdi Ermanno Wolf-Ferrari Carlo
1969 Belisario Donizetti Gianandrea Gavazzeni Belisario
1973 Caterina Cornaro Donizetti Alfredo Silipigni Lusignano
1974 Luisa Miller Verdi Alberto Erede Miller
1974 Guillaume Tell Rossini Jacques Delacôte Guglielmo Tell
1974 Un giorno di regno Verdi Piero Bellugi Barone di Kelbar
1975 Don Pasquale Donizetti Carlo Franci Don Pasquale
1976 Le convenienze ed inconvenienze teatrali Donizetti Carlo Franci Mamma Agata
1977 Adriana Lecouvreur Cilea Gianandrea Gavazzeni Michonnet
1980 Falstaff Verdi Herbert von Karajan John Falstaff
1982 Falstaff (DVD) Verdi Herbert von Karajan John Falstaff
1992 Manon Lescaut Puccini James Levine Geronte di Ravoir

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo nell'Archivio storico del Corriere della Sera.it
  2. ^ Notizia della morte da ADNKronos

Controllo di autorità VIAF: 88567477 LCCN: n82099735

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica