Linda di Chamounix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linda di Chamounix
Lingua originale italiano
Genere melodramma semiserio
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Gaetano Rossi
(libretto online)
Fonti letterarie La Grace de Dieu di Adolphe-Philippe d'Ennery e Gustave Lemoine
Atti 3
Epoca di composizione dicembre 1841-marzo 1842
Prima rappr. 19 maggio 1842
Teatro Teatro di Porta Carinzia, Vienna
Personaggi
  • Linda (soprano)
  • Pierrotto, giovane orfano savoiardo (contralto)
  • Carlo, Visconte di Sirval (tenore)
  • Antonio, affitaiuolo, padre di Linda (baritono)
  • Maddalena, madre di Linda (soprano)
  • Il marchese di Boisfleury ( basso)
  • Il prefetto (basso)
  • L'intendente del feudo (tenore)
  • Savoiardi, fanciulli (coro)

Linda di Chamounix è un'opera in tre atti di Gaetano Donizetti. L'opera, denominata melodramma semiserio è su libretto di Gaetano Rossi. L'opera debuttò al Teatro di Porta Carinzia di Vienna, il 19 maggio 1842. Una versione riveduta venne preparata nell'autunno seguente e andò in scena a Parigi il 17 novembre 1842.[1]
L'opera non divenne nota al pari di Elisir d'amore, Don Pasquale o Figlia del reggimento, ma il suo titolo è diventata nota per la famosa aria della protagonista, Oh luce di quest'anima. Molti soprani si cimentarono solo in quest'aria (Joan Sutherland, Beverly Sills), o anche interpretando integralmente il ruolo di Linda (Edita Gruberova, Mariella Devia).
L'opera ebbe importanti rappresentazioni nel corso del '900: la più nota è quella alla Scala, con Margherita Rinaldi e Alfredo Kraus diretti da Gianandrea Gavazzeni.

Cast delle prime rappresentazioni[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Interprete
(Vienna, 19 maggio 1842)[1][2]
Interprete
(Parigi, 17 novembre 1842)[1][3]
Linda Eugenia Tadolini Fanny Tacchinardi Persiani
Carlo Napoleone Moriani Mario
Pierotto Marietta Brambilla Marietta Brambilla
Antonio Felice Varesi Antonio Tamburini
Marchese di Boisfleury Agostino Rovere
Prefetto Prosper Dérivis Luigi Lablache

Trama[modifica | modifica sorgente]

Atto I[modifica | modifica sorgente]

Il marchese di Boisfleury trama per poter avere Linda, figlia di Antonio e Maddalena, fingendo di volerla proteggere. I due genitori temono per la figlia, e Linda, amante segreta di Carlo (in realtà il Visconte di Sirval e nipote del marchese), per fuggire alle insidie del marchese con Pierrotto e alcuni amici savoiardi si reca a Parigi.

Atto II[modifica | modifica sorgente]

Linda vive in un appartamento che Carlo le ha offerto e si è arricchita, ma viene raggiunta dal Marchese, che tenta ancora di sedurla. Linda lo respinge. Intanto, Antonio, è giunto a Parigi per rivedere la figlia, ma non la riconosce nella ricca signora che è diventata. Quando Linda si rivela, temendo che abbia perduto il suo onore, Antonio la ripudia. A complicare la situazione è la notizia di Pierrotto, che comunica che Carlo ha sposato una donna di nobili origini. Linda perde la ragione ed impazzisce, e viene riportata a Chamounix.

Atto III[modifica | modifica sorgente]

Carlo torna a Chamounix, ed apprende la situazione di Linda, e le spiega che aveva rifiutato le nozze imposte dalla madre. Linda così riacquista la ragione e l'opera si conclude nella felicità generale.

Arie famose[modifica | modifica sorgente]

  • Oh luce di quest'anima (Linda)
  • A consolarmi affrettisi (Linda-Carlo)
  • Se tanto in ira agli uomini (Carlo)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Linda, Carlo, Marchese, Antonio, Pierrotto) Direttore
1953 Margherita Carosio, Gianni Raimondi, Carlo Badioli, Giuseppe Taddei, Rina Corsi Alfredo Simonetto
1956 Antonietta Stella, Cesare Valletti, Renato Capecchi, Giuseppe Taddei, Fedora Barbieri Tullio Serafin
1972 Margherita Rinaldi, Alfredo Kraus, Enzo Dara, Renato Bruson, Elena Zilio Gianandrea Gavazzeni
1991 Mariella Devia, Luca Canonici, Alfonso Antoniozzi, Petter Salomaa, Sonia Ganassi Gabriele Bellini
1992 Edita Gruberova, Don Bernardini, Anders Melander, Ettore Kim, Monica Groop Friderich Haider

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Ashbrook, p. 329
  2. ^ almanacco di amadeusonline
  3. ^ almanacco di amadeusonline

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Ashbrook, prima edizione in lingua inglese: Donizetti and his Operas, Cambridge University Press, 1982, trad. it. di Luigi Della Croce, Donizetti. Le opere, EDT, Torino 1987, pp. 226-235, 329 - ISBN 88-7063-047-1
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica