Dom Sébastien

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Sebastiano, re del Portogallo
Dom Sébastien de Donizetti - 2.me acte - scène du champ de bataille.jpg
Duprez, Barroilhet e la Stoltz raffigurati sul campo di battaglia del secondo atto
Titolo originale Dom Sébastien, roi de Portugal
Lingua originale francese
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Eugène Scribe
(traduzione italiana di Giovanni Ruffini)
Fonti letterarie Dom Sébastien de Portugal di Paul-Henri Fouchet
Atti cinque
Epoca di composizione febbraio-novembre 1843
Prima rappr. 13 novembre 1843
Teatro Opéra di Parigi
Prima rappr. italiana 14 agosto 1847[1]
Teatro Teatro alla Scala di Milano
Versioni successive

Dom Sebastian (versione tedesca):[2] Theater am Kärntnertor di Vienna, 6 febbraio 1845

Personaggi
  • Libretto francese
    • Zayda, fille de Ben-Selim (mezzosoprano)
    • Dom Sébastien, roi de Portugal (tenore)
    • Juam de Sylva, grand inquisiteur (basso)
    • Abayaldos, chef des tribus arabes, fiancé de Zayda (baritono)
    • Le Camoëns, soldat et poëte (baritono)
    • Dom Henrique, lieutenant de Dom Sébastien (basso)
    • Dom Antonio, son oncle, régent du royaume en son absence (tenore)
    • Ben-Selim, gouverneur de Fez (basso)
    • Don Luis, envoyé d'Espagne (tenore)
    • Seigneurs et dames de la cour de Portugal. Soldats et matelots portugais. Soldats et femmes arabes. Membres de l'Inquisition. Hommes et femmes du peuple.
  • Libretto italiano
    • Zaida, figlia di Ben-Selim (mezzosoprano)
    • Don Sebastiano, re di Portogallo (tenore)
    • Don Giovanni da Silva, presidente del tribunale supremo, consigliere privato di sua maestà (basso)
    • Abaialdo, capo delle tribù arabe, promesso sposo di Zaida (baritono)
    • Camoens, soldato e poeta (baritono)
    • Don Enrico, luogotenente di Sebastiano (basso)
    • Don Antonio, suo zio, reggente in assenza del re (tenore)
    • Ben-Selim, governatore di Fez (basso)
    • Don Luigi, inviato di Spagna (tenore)
    • Grandi e dame della corte di Portogallo. Soldati e marinari portoghesi. Soldati e donne arabe. Inquisitori del Santo officio. Uomini e donne del popolo.

Dom Sébastien, roi de Portugal o Don Sebastiano re del Portogallo, grand-opera in 5 atti di Gaetano Donizetti su libretto di Eugène Scribe (la traduzione per la versione italiana è di Giovanni Ruffini). Fu rappresentata per la prima volta all'Opéra di Parigi il 13 novembre 1843.[2] Una versione riveduta in tedesco andò in scena al Theater am Kärntnertor di Vienna, 6 febbraio 1845.[2]

Gli interpreti delle prime rappresentazioni furono:

Ruolo Interprete
(13 novembre 1843)[2]
Interprete
(6 febbraio 1845)[2]
Interprete
(14 agosto 1847)[1]
Zayda Rosina Stolz Clara Heinefetter Carlotta Gruitz
Dom Sébastien Gilbert-Louis Duprez Josef Erl Lodovico Graziani
Juam de Sylva Nicholas-Prosper Levasseur Josef Draxler Nicolas-Prosper Dérivis
Abayaldos Jean-Etienne Massol Franz Wild
Camoëns Paolo Barroilhet Eduard Leithner
Dom Henrique Ferdinand Prévost Eugenio Musich
Dom Antonio Jean-Baptiste Octave Karl Wolf Eugenio Musich
Ben-Selim Hyppolyte Brémont Gustav Hölzel

Donizetti cercò di comporre un'opera che potesse competere con simili lavori storici di Daniel Auber, Fromental Halévy e Giacomo Meyerbeer. Una critica sfavorevole ha descritto il Dom Sébastien come "un funerale in cinque atti".[3] Al contrario, Winton Dean, nel suo commento sugli insoliti aspetti drammatici dell'opera ne ha individuato la caratteristica nell'"intransigente onestà drammatica".[4] Mary Ann Smart ha preparato un'edizione critica dell'opera in francese, che include appendici con varianti e aggiunte fatte da Donizetti per la produzione in tedesco del 1845.[5]

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'azione si svolge nel 1578. Il primo, terzo, quarto e quinto atto a Lisbona, il secondo in Africa.

Atto I[modifica | modifica sorgente]

Lisbona.

Il re Don Sebastiano lascia allo zio Don Antonio il governo del Portogallo, poiché si accinge a partire per l'Africa per una crociata contro i Mori. Tra i personaggi che partono con Sebastiano vi sono il poeta Camoëns e la principessa musulmana Zaida, che egli ha salvato, su indicazione di Camoëns, dal rogo a cui era stata condannata perché cercava di scappare dal monastero in cui era stata rinchiusa. Sebastiano intende riportare Zaida al padre Ben-Selim.

Atto II[modifica | modifica sorgente]

Fez, Marocco.

Avviene il ricongiungimento tra Zaida e Ben-Selim, ma ella rifiuta il matrimonio con il condottiero arabo Abaialdo a cui è stata destinata.

Un campo di battaglia in Marocco.

Abaialdo ha guidato i mori in battaglia contro le forze di Sebastiano e le ha quasi sterminate. Sebastiano è ferito e si salva solo perché il suo assistente Don Enrico, mortalmente ferito, prima di spirare si fa passare per Sebastiano stesso con Abaialdo. Zaida ottiene poi che venga risparmiata la vita a Sebastiano, creduto un semplice soldato da Abaialdo, in cambio del suo consenso al matrimonio. Ella è in realtà innamorata di Sebastiano, e in questo modo cerca di restituirgli l'aiuto ricevuto quando il re l'ha salvata dal rogo.

Atto III[modifica | modifica sorgente]

Una piazza pubblica, Lisbona.

Camoëns è sopravvissuto alla battaglia. Ritorna a Lisbona e apprende che Antonio si è alleato con il Grande Inquisitore Don Giovanni da Silva, che sta tramando affinché la Spagna possa impadronirsi del Portogallo, e ha usurpato il trono. Camoëns si imbatte in Sebastiano, anch'egli riuscito a rientrare in patria, proprio mentre passa la processione funebre per il re creduto morto. Camoëns incita con rabbia Sebastiano a riprendersi il trono e Sebastiano viene riconosciuto dal popolo. Abaialdo però, che si trova a Lisbona accompagnato da Zaida per proporre un'alleanza ad Antonio, conferma di avere visto morire il re, e Sebastiano è incarcerato come impostore.

Atto IV[modifica | modifica sorgente]

Sala di un tribunale, Lisbona.

Al processo contro Sebastiano, Zaida dà prova dell'amore per lui testimoniandone la vera identità e raccontando come sia scampato alla morte. Abaialdo l'accusa di adulterio, così anche Zaida viene imprigionata.

Atto V[modifica | modifica sorgente]

Appartamento destinato al Presidente del Tribunale nella torre di Lisbona.

Don Giovanni da Silva offre di salvare la vita a Sebastiano se Zaida lo convincerà a firmare l'atto di abdicazione in favore del re di Spagna. Dopo un primo rifiuto, Sebastiano firma, pur di salvare la vita a Zaida. Libera ma sconvolta, Zaida fugge intenzionata ad affogarsi.

Terrazzo esterno della torre di Lisbona che dà sul mare.

Sebastiano raggiunge Zaida in cima alla torre. Vedono Camoëns, venuto a salvarli con un'imbarcazione. Sebastiano e Zaida si calano con una fune, ma vengono scoperti a metà della discesa: la fune viene recisa ed essi vanno incontro alla morte. Camoëns viene ucciso da armi da fuoco e, al calare del sipario, si vede la flotta spagnola apparire all'orizzonte. Il Portogallo ha perduto l'indipendenza.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast
(Zaida, Dom Sébastien, Camoëns,Dom Juan de Silva)
Direttore,
Coro e Orchestra
Etichetta[6]
1984 Klára Takács,
Richard Leech,
Lajos Miller,
Sergei Koptchak
Eve Queler,
Opera Orchestra of New York e Schola Cantorum of New York
(Registrazione dal vivo alla Carnegie Hall, 23 marzo)
Audio CD: Legato Classics
Cat: LCD 190-2
1998 Monica Minarelli,
Robert Woroniecki,
Ettore Kim,
Randall Jabosh
Elio Boncompagni,
Sinfonie Orchester Aachen e Aachener Städische Theater Chorus
Audio CD: Kicco Classic
Cat: KCO18CD-1/2
2005 Vesselina Kasarova,
Giuseppe Filianoti,
Carmelo Corrado-Caruso,
Alastair Miles
Mark Elder,
Orchestra e Coro del Covent Garden[7]
Audio CD: Opera Rara
Cat: ORC 33

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Ashbrook, Donizetti. La vita, Torino, EDT, 1986, ISBN 88-7063-041-2.
  • (EN) Osborne, Charles, The Bel Canto Operas of Rossini, Donizetti, and Bellini, Portland, Oregon: Amadeus Press, 1994 ISBN 0931340713
  • (EN) Weinstock, Herbert, Donizetti and the World of Opera in Italy, Paris, and Vienna in the First Half of the Nineteenth Century, New York: Pantheon Books, 1963. ISBN non esistente

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b almanacco di amadeusonline (consultato il 10 marzo 2012)
  2. ^ a b c d e William Ashbrook, Donizetti. Le opere, EDT, 1986
  3. ^ Donal Henehan, "Donizetti's Dom Sebastien". New York Times, 24 marzo 1984.
  4. ^ Winton Dean, "Donizetti's Serious Operas". Proceedings of the Royal Musical Association, 100, 123-141 (1973).
  5. ^ Dom Sebastien, roi de Portugal, Universityof Chicago Press (consultato il 28 dicembre 2011)
  6. ^ Informazioni sulle registrazioni: operadis-opera-discography.org.uk
  7. ^ Tim Ashley, "Donizetti: Dom Sébastien, Kasarova/ Filianoti/ Keenlyside/ Miles/ Royal Opera House Chorus and Orchestra/ Elder". The Guardian, 11 maggio 2007.
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica