Il borgomastro di Saardam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il borgomastro di Saardam
Titolo originale Il borgomastro di Saardam
Lingua originale Italiano
Genere Opera buffa
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Domenico Gilardoni
Atti Due
Epoca di composizione 1827
Prima rappr. 19 agosto 1827
Teatro Teatro del Fondo, Napoli
Autografo Archivio Ricordi, Milano[1]

Il borgomastro di Saardam è un'opera buffa in due atti di Gaetano Donizetti. La sua prima esecuzione venne data al Teatro del Fondo di Napoli il 19 agosto 1827. I napoletani la accolsero con favore e Donizetti divenne molto popolare in città, ma quando l'opera venne rappresentata al Teatro alla Scala di Milano ottenne un completo fiasco. Il fallimento di Milano fece molto piacere al suo competitore Vincenzo Bellini, la cui opera Il pirata venne fatta oggetto di ottime critiche ed acclamata dal pubblico più o meno nello stesso periodo. La compagnia di canto della prima mondiale comprendeva la prima donna Caroline Unger, per la quale era stato composto il ruolo della protagonista. Ella ottenne un grande successo alla prima, circondata da un cast di primo ordine, che comprendeva il basso buffo Carlo Casaccia. La partitura contiene molti rossinismi e Donizetti dimostra un approccio veramente geniale alla scrittura dell'opera buffa. Il libretto, di Domenico Gilardoni, si basa sulla commedia del 1818 Le bourgmestre de Sardam, ou Les deux Pierres di Mélésville, Jean-Toussaint Merle e Eugène de Cantiran Boirie. Albert Lortzing utilizzò la stessa storia per la sua opera Zar und Zimmermann nel 1837.

Pietro il Grande[modifica | modifica sorgente]

Pietro il Grande fu lo zar di Russia dal 1672 al 1725. Dopo la morte di sua madre nel 1694, realizzò una serie di riforme cruciali per la Russia che divenne così una grande potenza. Nel 1703 fondò la città di San Pietroburgo e nel 1712 la sua seconda moglie, una contadina di Livonia, che gli succedette al trono con il nome di Caterina I. Alexis, il figlio nato dal suo primo matrimonio con Eudoxia Lopukhina, venne torturato ed ucciso nel 1718, dopo aver cospirato con il clero e l'aristocrazia.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Ruolo Voce Compagnia di canto della prima, 19 agosto 1827
(Direttore d'orchestra: – )[1][2]
Marietta soprano Caroline Unger
Pietro Filmann tenore Berardo Calvari Winter
Pietro Mikailof, o Pietro il Grande baritono Celestino Salvatori
Vambett, il borgomastro basso buffo Carlo Casaccia
Carlotta, sua figlia mezzo-soprano Almerinda Manzocchi
Timoteo basso Raffaele Casaccia
Leforte basso Giovanni Pace
Guardie, soldati olandesi, coro di carpentieri e contadini

Trama[modifica | modifica sorgente]

Luogo: Amsterdam

Epoca: Fine del XVII secolo

Pietro il Grande finge di essere un falegname nei cantieri di Saardam in Olanda, e lavora con il disertore russo Flimann. Flimann è di condizione umile e sta cercando disperatamente di sposare Marietta, la figlia del sindaco. Il sindaco sapendo che lo zar è arrivato in città sotto mentite spoglie, si convince che Flimann sia Pietro il Grande. Nel frattempo, il vero zar è richiamato in patria per sedare una rivolta e deve rivelare la sua vera identità. Prima di partire, concede a Flimann un titolo nobiliare, che gli permette di sposare la sua Marietta.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast
Marietta, Lo zar Pietro,
Pietro Flimann,
Vambett (Il Borgomastro)
Direttore,
Orchestra e Coro
Etichetta[3][4]
1973 Ans Philippo,
Pieter van den Berg,
Philip Langridge,
Renato Capecchi
Jan Schaap,
Orchestra e coro dell'Opera di Zaanstad
(Registrazione dal vivo a Zaanstad)
LP:
MRF (1984)
Cat: 190-S

Unique Opera Records Corporation
Cat: UORC 166

Raritas
Cat: OPR 7

CD:
Living Stage (2004)
Cat: LS 1104

Myto Records (1999)
Cat: 2MCD 991.202

Pantheon (1995)
Cat: PHE 6630.31

Italian Opera Rarities (1994)
Cat: LO 7721-2

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ashbrook, Le opere, p. 295
  2. ^ Première de Il borgomastro di Saardam sull'almanacco di amadeusonline
  3. ^ Discografia su operadis-opera-discography.org.uk
  4. ^ Discografia dalla Fondazione Donizetti

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Ashbrook, prima edizione in lingua inglese: Donizetti and his Operas, Cambridge University Press, 1982, trad. it. di Luigi Della Croce, Donizetti. Le opere, EDT, Torino 1987, pp. 81, 295 - ISBN 88-7063-047-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica