Il campanello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il campanello
Pietro Longhi 012.jpg
L'ipotecario nella bottega, dipinto di Pietro Longhi
Lingua originale italiano
Genere farsa
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Gaetano Donizetti
(libretto online)
Fonti letterarie La sonnette de la nuit di Léon Lévy Brunswick, Mathieu-Barthélemy Troin e Victor Lhérie
Atti uno
Epoca di composizione 1836
Prima rappr. 1º giugno 1836
Teatro Teatro Nuovo di Napoli
Personaggi
  • Serafina (soprano)
  • Don Annibale Pistacchio, speziale e sposo di Serafina (basso buffo)
  • Enrico, l'innamorato di Serafina (baritono)
  • Mamma Rosa (contralto)
  • Spiridione (tenore)
  • Parenti e convitati di Don Annibale - Servi
Autografo Conservatorio S. Pietro a Majella, Napoli

Il campanello è una farsa in un atto di Gaetano Donizetti, nota anche con i titoli Il campanello di notte e Il campanello dello speziale.

Il libretto, scritto dallo stesso Donizetti, è tratto dal vaudeville di Léon Lévy Brunswick, Mathieu-Barthélemy Troin e Victor Lhérie La sonnette de la nuit (appunto, 'Il campanello di notte').

Alla sua prima rappresentazione, avvenuta al Teatro Nuovo (Napoli) il 1º giugno del 1836, l'opera conteneva alcuni dialoghi parlati in dialetto napoletano. L'anno successivo l'autore trasformò i dialoghi in recitativi, adattando l'intero libretto alla lingua italiana per favorire la diffusione del lavoro. Nell'occasione operò altre modifiche, di natura musicale, e aggiunse un duetto tra Annibale ed Enrico.

Cast della prima assoluta[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Interprete[1]
Serafina Amalia Schütz Oldosi
Don Annibale Raffaele Casaccia
Enrico Giorgio Ronconi

Trama[modifica | modifica sorgente]

La vicenda si svolge a Napoli.

La giovane e bella Serafina viene promessa in sposa allo speziale Don Annibale Pistacchio, con gran dispetto dell'innamorato di Serafina (ricambiato), il giovane Enrico. Nonostante i tentativi di impedire il matrimonio, la cerimonia viene fissata per il giorno precedente la partenza di Don Annibale per Roma, ove lo speziale deve assolutamente recarsi per presenziare all'apertura del testamento di una sua zia defunta e dove si fermerà per più di un mese. Appreso questo fatto Enrico, con la complicità di Serafina, cerca in tutti i modi di impedire che il matrimonio venga consumato quella notte, così da guadagnar tempo per un successivo tentativo di farlo annullare. Lo speziale è obbligato in forza di legge a fornire i suoi prodotti medicinali a chi ne faccia richiesta anche di notte e quindi il campanello esterno alla bottega, sita sotto l'abitazione dello speziale, sarà lo strumento di Enrico per disturbare la prima notte di nozze di Don Annibale. Presentandosi via via sotto spoglie diverse (un francese ammalato, un cantante rauco e un vecchietto ironico che canterà la famosa e difficilissima aria Mio signore venerato) Enrico continuerà a farsi ricevere da Don Annibale, suonando appunto il campanello, con i pretesti più strampalati finché, giunta l'alba, lo speziale dovrà partire in diligenza per Roma lasciando Serafina illibata a casa.


Il basso continuo nei recitativi secchi è eseguito da un clavicembalo o nelle rappresentazioni più moderne da un pianoforte.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast:
Serafina, Enrico,
Don Annibale, Rosa,
Spiridione
Direttore,
Orchestra e Coro
Etichetta[2][3]
1949 Clara Scarangella,
Renato Capecchi,
Sesto Bruscantini,
Miti Truccato Pace,
Angelo Mercuriali
Alfredo Simonetto,
Orchestra e Coro della RAI di Torino
LP:
CETRA 50027

CD:
URANIA 22.113 (1999)
WARNER FONIT WF 5050.467.1044.2.6 (2004)
1965 Emma Bruno De Sanctis,
Alberto Rinaldi,
Alfredo Mariotti,
Flora Rafanelli,
Mario Guggia
Ettore Gracis,
Orchestra e Coro del Teatro La Fenice di Venezia
LP:
DEUTSCHE GRAMMOPHON DG 139 123
1979 Mariella Devia,
Leo Nucci,
Giuseppe Taddei,
Biancamaria Casoni,
Carlo Gaifa
Bruno Amaducci,
Wiener Symphoniker
(Registrato dal vivo a Bregenz)
LP:
HRE 403
1980 Elena Baggiore,
Giorgio Gatti,
Alfredo Mariotti,
Stella Silva,
Mario Marchisio
Gianfranco Rivoli ,
Orchestra della Suisse Romande e Coro Radio Lyrique
CD:
GG001
1981 Sof'ya Yal'sheva,
Sergei Leiferkus,
Andrei Khramtsov,
Taisiya Kuznetsova,
?
Robert Ljuter,
Kirov Opera Orchestra e Chamber Chorus
(Cantato in russo)
LP:
MELODIYA C10 17323009
RK 11320
1983 Agnes Baltsa,
Angelo Romero,
Enzo Dara,
Biancamaria Casoni,
Carlo Gaifa
Gary Bertini,
Orchestra Sinfonica di Vienna e Coro dell'Opera di Stato di Vienna
LP:
CBS 38450 (1984)
PRO-ARTE PAD 125

CD:
CBS MK 38450 (1988)
1995 Anna Rita Taliento,
Leo Nucci,
Enzo Dara,
Cinzia De Mola,
Luca Casalin
Fabrizio Maria Carminati,
Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino
(Registrato dal vivo nel mese di maggio)
CD:
BMG Ricordi 74321 35613-2 (1996)
Ricordi RFCD 2024.1
1996 Madeline Bender,
Shon Sims,
Samuel Hepler,
Barbara Kokolus,
James Powell
Christopher Larkin,
Orchestra e Coro della Manhattan School of Music
(Registrato dal vivo nel mese di aprile)
CD:
Newport Classics NPD 85608
1997 Francesca Rinaldi,
Piero Guarnera,
Giorgio Gatti,
Daniela Gentile,
Massimo Iannone
Giorgio Proietti,
Orchestra e Coro del Conservatorio «Giovanni Pierluigi da Palestrina» di Cagliari
(Registrato dal vivo al Teatro Comunale di Cagliari)
CD:
Bongiovanni GB 2207-2
2010 Stefania Donzelli,,
Roberto de Candia,
Alfonso Antoniozzi,
Elena Bresciani,
Martino D’Amico
Marco Beltrami,
Orchestra Sinfonica G. Rossini e Coro del Teatro della Fortuna
(Registrato dal vivo al Teatro della Fortuna di Fano)
DVD:
Bongiovanni AB 20020 (2012)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ashbrook, Le opere, p. 316
  2. ^ Registrazioni su operadis-opera-discography.org.uk
  3. ^ Registrazioni da donizetti.org

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Ashbrook, Donizetti. Le opere, prima edizione in lingua inglese: Donizetti and his Operas, Cambridge University Press, 1982, trad. it. di Luigi Della Croce, EDT, Torino 1987, pp. 154-155, 316-317 - ISBN 88-7063-047-1

Edizione critica[modifica | modifica sorgente]

A cura di Ilaria Narici, Ricordi, Milano 1998 - ISBN 0634070789

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica