Fernando Corena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fernando Corena, nato Fernando Korena (Ginevra, 22 dicembre 1916Lugano, 26 novembre 1984) è stato un basso svizzero, specializzato nei ruoli di carattere buffo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da madre italiana e padre turco, iniziò gli sudi teologici a Friburgo con l'intenzione di diventare prete, ma successivamente, dopo aver vinto un concorso, decise di coltivare la passione per il canto. Studiò dapprima nella città natale per due anni (1937-38); notato poi da Vittorio Gui, si recò a Milano, dove seguì gli insegnamenti di Enrico Romani.

Durante la guerra cantò per la radio svizzera, mentre il debutto ufficiale avvenne nel 1947 a Trieste come Varlaam nel Boris Godunov. Nel 1948 cantò al Maggio Musicale Fiorentino. Nel 1949 debuttò alla Scala nella prima rappresentazione de Il Cordovano di Goffredo Petrassi e partecipò l'anno successivo alla prima de L'allegra brigata di Gian Francesco Malipiero.

Grazie anche alle spiccate doti di recitazione, si rivolse presto, in modo pressoché esclusivo, al repertorio buffo, apparendo nei principali teatri italiani ed europei (Vienna, Salisburgo, Londra, Parigi) in opere di Mozart (Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Così fan tutte), Rossini (Il barbiere di Siviglia, L'italiana in Algeri, La Cenerentola), Donizetti (Don Pasquale, L'elisir d'amore), oltre che in Gianni Schicchi, Falstaff, La forza del destino (Melitone).

Nel 1954, nel ruolo di Leporello in Don Giovanni, uno dei preferiti, debuttò al Metropolitan Opera accanto a Cesare Siepi, con il quale fece coppia di frequente, oltre che in Don Giovanni, come Don Bartolo nel Barbiere di Siviglia di Rossini. Al Metropolitan, che divenne il suo teatro di elezione, fu presente regolarmente fino al 1978, prendendo parte a 723 rappresentazioni. Cantò anche a Chicago, San Francisco, Buenos Aires.

Scomparve a quattro settimane dal sessantottesimo compleanno.

Conologia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1948 è Don Bartolo ne Il barbiere di Siviglia (Rossini) all'Arena di Verona con Giulietta Simionato.

Per il Teatro Verdi (Trieste) nel 1949 è Kecal ne La sposa venduta, Geronimo ne Il matrimonio segreto con Fedora Barbieri, Il Marchese di Boisfleury in Linda di Chamounix con Giuseppe Taddei, nel 1950 Schaunard ne La bohème con Gianni Poggi, nel 1951 Don Magnifico ne La Cenerentola con la Simionato, Varlaam nel Boris Godunov, Fra Melitone ne La forza del destino con la Simionato e Cesare Siepi e Don Pasquale, nel 1952 Taddeo ne L'Italiana in Algeri con la Simionato, Sulpice ne La figlia del reggimento, Il maestro di cappella curando anche la regia, nel 1953 Lunardo ne I quatro rusteghi con Cloe Elmo e Magda Olivero e Bartolo ne Il barbiere di Siviglia (Rossini) al Castello di San Giusto con Tito Gobbi.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1949 è Alcindoro nella ripresa di "La bohème", nel 1950 è Semplicio nella première di "L'allegra brigata" di Gian Francesco Malipiero e Varbel nella prima rappresentazione di "Lodoïska" di Luigi Cherubini, nel 1951 è Uberto nella prima rappresentazione di La serva padrona e Rodrigo ne L'osteria portoghese di Luigi Cherubini, nel 1952 Don Pasquale, nel 1953 canta nella prima rappresentazione di Leonora 40/45 di Rolf Liebermann con Renato Capecchi, nel 1954 canta nella prima di Arlecchino di Ferruccio Busoni con la Simionato e Rolando Panerai diretto da Dimitri Mitropoulos, nel 1957 Don Annibale nella prima di Il campanello con Fiorenza Cossotto e Panerai, Il Dottore Dulcamara ne L'elisir d'amore con Rosanna Carteri, Renata Scotto e Giuseppe Di Stefano nella trasferta scaligera al King's Theatre di Edimburgo, Prosdocimo ne Il turco in Italia con Sesto Bruscantini, Luigi Alva e la Cossotto sempre a Edimburgo e nel 1969 Bartolo nella prima di Il barbiere di Siviglia (Rossini) con Teresa Berganza ed Hermann Prey diretto da Claudio Abbado.

Nel Teatro Donizetti di Bergamo nel 1951 canta nelle riprese di Werther (opera) con Renato Capecchi e Don Pasquale con Giuseppe Taddei, nel 1952 in "Linda di Chamounix" con Gianni Raimondi e nel 1953 nella première di "Don Ciccio ovvero La trappola" di O. Gentilucci.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1953 è Bartolo ne Le nozze di Figaro, Varlaam in Boris Godunov con Boris Christoff e Marmeladoff in Delitto e castigo di Arrigo Pedrollo e nel 1954 Baldassarre in Amahl e gli ospiti notturni di Gian Carlo Menotti e Lunardo ne I quattro rusteghi.

Nel febbraio 1954 in debutta come Leporello al Metropolitan, accanto a Cesare Siepi nel ruolo del protagonista, Margaret Harshaw (Donna Anna), Cesare Valletti (Don Ottavio), Lucine Amara (Donna Elvira), Roberta Peters (Zerlina), con la direzione di Max Rudolf. Sempre in febbraio al Metropolitan Opera House è Dr. Bartolo ne Il barbiere di Siviglia (Rossini) con Robert Merrill e Siepi, in dicembre è Lescaut in Manon (Massenet) con Victoria de los Angeles e Rosalind Elias e Dr. Bartolo ne Le Nozze di Figaro con Siepi e Lisa Della Casa, nel febbraio 1955 è il Sacrestano in Tosca (opera) diretto da Fausto Cleva, in dicembre Don Pasquale, nel gennaio 1956 Fra Melitone ne La forza del destino con Renata Tebaldi e Richard Tucker, in marzo Geronte in Manon Lescaut con Eleanor Steber diretto da Dimitri Mitropoulos, nel 1957 Mathieu in Andrea Chénier, nel 1958 Gianni Schicchi, nel 1960 Dr. Dulcamara in L'elisir d'amore e Varlaam in Boris Godunov, nel 1961 Benoit ne La bohème con la Tebaldi e Siepi, nel 1964 Sir John Falstaff diretto da Leonard Bernstein, nel 1971 Bailiff in Werther con Christa Ludwig, nel 1972 Sergeant Sulpice ne La Fille du régiment con Joan Sutherland e Luciano Pavarotti e nel 1973 Mustafà ne L'Italiana in Algeri con Marilyn Horne. Fece coppia di frequente con Siepi, oltre che in Don Giovanni come Don Bartolo nel Barbiere di Siviglia di Rossini.

Nel Teatro dell'Opera di Roma nel 1954 canta nella prima rappresentazione di "Amahl e gli ospiti notturni" di Menotti con Capecchi e nel 1965 è Bartolo ne Il barbiere di Siviglia (Rossini) con Alva, la Berganza e Panerai diretto da Carlo Maria Giulini.

Al Glyndebourne Festival Opera di Edimburgo nel 1955 è Sir John Falstaff diretto da Giulini e con la Royal Philharmonic Orchestra.

All'Opera di Chicago nel 1956 è Leporello in Don Giovanni diretto da Georg Solti, nel 1958 Bartolo ne Il barbiere di Siviglia con Gobbi e la Simionato, nel 1959 Don Magnifico ne La Cenerentola, Ping in Turandot con Leontyne Price, Di Stefano e Birgit Nilsson, Don Alfonso in Così fan tutte con Elisabeth Schwarzkopf e Palémon in Thaïs (opera) diretto da Georges Prêtre, nel 1960 Bartolo ne Le nozze di Figaro e Benoit ed Alcindoro ne La bohème con la Scotto e nel 1963 Don Pasquale con Bruscantini ed Alfredo Kraus.

Nel 1957 canta nella première nel Teatro della Pergola di Firenze di "Venere prigioniera" di Gian Francesco Malipiero e nella scenica di "Il figliuol prodigo" sempre di Malipiero.

Nel Teatro San Carlo di Napoli nel 1959 è padre Agostino nella prima rappresentazione di "Il matrimonio al convento" di Sergej Sergeevič Prokof'ev e nel 1963 è "Don Pasquale con Kraus e Capecchi.

Nel 1960 è Dottor Bartolo ne Il barbiere di Siviglia con Panerai e la Berganza al Royal Opera House di Londra diretto da Giulini.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 1963 è Figaro ne Les Noces de Figaro con la Berganza, nel 1965 è Sir John Falstaff con la Barbieri, nel 1966 Don Pasquale con Reri Grist, nel 1967 Leporello in Don Giovanni con José van Dam e Graziella Sciutti, nel 1970 Don Magnifico ne La Cenerentola con la Berganza e nel 1977 Le Sacristain in Tosca con Gianfranco Cecchele.

Al Wiener Staatsoper nel 1963 è Don Pasquale, Figaro ne Le nozze di Figaro, Leporello in Don Giovanni e Fra Melitone ne La forza del destino con Antonietta Stella, la Simionato e Siepi, nel 1964 il Sagrestano in Tosca e Sparafucile in Rigoletto, nel 1966 Osmin in Die Entführung aus dem Serail, nel 1974 Bartolo ne Il barbiere di Siviglia con Prey, Bonaldo Giaiotti. Bartolo sarà il ruolo maggiormente rappresentato a Vienna con 32 recite fino al 1982. Infine sempre allo Staatsoper nel 1980 è il Dottor Dulcamara ne L'elisir d'amore. Complessivamente Corena ha preso parte in 72 recite viennesi.

Nel 1966 canta nella prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Firenze di "Don Pasquale".

Nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo nel 1969 canta nella ripresa di "Il barbiere di Siviglia" diretto da Claudio Abbado e nel 1971 canta nella prima rappresentazione di "Don Pasquale" con Panerai diretto da Riccardo Muti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alain Pâris: Le dictionnaire des interprètes, Robert Laffont (1989)

Controllo di autorità VIAF: 51874826 LCCN: n81026542

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]