Nino Sanzogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nino Sanzogno (Venezia, 13 aprile 1911Milano, 4 maggio 1983) è stato un direttore d'orchestra e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la propria formazione musicale studiando violino e composizione al Liceo Musicale di Venezia rispettivamente con de Guarneri e Agostini; successivamente, sempre nella città natale, si perfezionò con Gian Francesco Malipiero. Nel 1937 divenne stabilmente direttore d'orchestra al Teatro La Fenice di Venezia e poco dopo anche direttore dell'Orchestra Sinfonica della RAI a Milano. Sempre nel capoluogo lombardo, nel 1939 vi fu la sua prima direzione al Teatro alla Scala e nel 1955 con Il matrimonio segreto di Domenico Cimarosa inaugurò la Piccola Scala. Due anni dopo diresse L'elisir d'amore di Gaetano Donizetti e nuovamente il capolavoro cimarosiano al Festival di Edimburgo. In questo periodo sotto la sua direzione furono rappresentate alla Scala alcune prime di lavori prodotti da compositori suoi contemporanei, tra le quali si ricordano Les dialogues des Carmélites di Francis Poulenc, L'allegra brigata di Malipiero e Lady Macbeth of the Mtsensk District di Dmitri Shostakovich. Fu successivamente direttore ospite in prestigiose orchestre, tra le quali la BBC Symphony Orchestra e tra il 1962 al 1965 direttore di ruolo alla Scala di Milano. Importante registrare che nel 1952 diresse alla Scala Rigoletto con Leonard Warren. fu sua prima incursione nel repertorio verdiano.

Relativamente alla sua attività compositiva egli scrisse due poemi sinfonici, I quattro cavalieri dell'Apocalisse (1938) e Vanitas (1931), un concerto per viola (1935), uno per violoncello (1937) e altri lavori strumentali minori. Insegno inoltre direzione d'orchestra a Darmstadt.

Controllo di autorità VIAF: 197574 LCCN: n81108856