Riccardo Pick-Mangiagalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Riccardo Pick-Mangiagalli (Strakonice, 10 luglio 1882Milano, 8 luglio 1949) è stato un pianista e compositore boemo naturalizzato italiano.

Libretto del 1919 dell'opera
"Il Carillon Magico".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato in Boemia, ma in parte di origine italiana, ha studiato e vissuto nella penisola. Studiò al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano sotto la guida dei maestri Vincenzo Appiani (pianoforte) e Vincenzo Ferroni (composizione). Compì studi anche a Praga e Vienna, dove fu allievo di Richard Strauss. La sua carriera musicale iniziò con grande successo come concertista di pianoforte, ma ben presto si dedicò esclusivamente alla composizione.

Riccardo Pick Mangiagalli

Nel 1936 succedette ad Ildebrando Pizzetti quale direttore del Conservatorio Giuseppe Verdi, incarico che mantenne fino alla morte. La sua produzione comprende opere liriche, balletti, musiche da camera, composizioni per pianoforte e orchestra e perfino musiche per il cinema. Il suo stile, assai personale, contemperava e coniugava diversi tratti del sinfonismo tedesco con elementi dell'impressionismo francese.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

Tra i suoi lavori si ricordano una Sonata per violino e pianoforte, un Quartetto per archi, una Ballata sinfonica, una Humoresque per piano e orchestra, numerose composizioni per pianoforte (tra cui i "Deux Lunaires" op. 33) e alcune raccolte di liriche.

Opere liriche e balletti[modifica | modifica sorgente]

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

Per il cinema compose le musiche per il film Scandalo per bene (1939) e per il lungometraggio di animazione La Rosa di Baghdad (1949). Infine, fra i suoi numerosi lavori si segnala anche l'Inno dei Cavalieri del Santo Sepolcro (op. 63), scritto nel 1939 su parole di Luigi Orsini.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19945572 LCCN: no89001301