Ernesto Sabbatini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine di Ernesto Sabbatini risalente ai primi del Novecento

Ernesto Sabbatini (Padova, 8 settembre 1878Milano, 5 ottobre 1954) è stato un attore italiano di cinema e teatro.

Discendente da una dinastia di attori - era pronipote di Adelaide Ristori e figlio di Enrico Sabbatini ed Enrichetta Rissone - abbandona gli studi per dedicarsi alla recitazione debuttando nel 1899 a fianco di Ermete Novelli. Lavora poi come primo attor giovane con Teresa Mariani, diventando successivamente capocomico con Oreste Calabresi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Definito dalla critica attore misurato e composto, nella sua carriera affronta generi diversi. Nei primi anni del Novecento con la prima moglie, Giannina Chiantoni, prende parte alla Compagnia Stabile di Milano diretta da Marco Praga. Nel primo dopoguerra è con Irma Gramatica e, nel 1924, nella compagnia di Maria Melato con la quale prende parte a Il giardino dei ciliegi che viene rappresentato per la prima volta in Italia, avendo inoltre accanto a sé anche Renzo Ricci e Margherita Bagni.

Riscuote quindi un particolare successo nel 1925 interpretando Gutibli di Giovacchino Forzano. Nello stesso anno, con la compagnia di Tatiana Pavlova, comincia l'attività di direttore artistico, che svolge per quasi trent'anni. Di quel periodo la sua regia del dramma Gelosia di Мichail Arcybašev messo in scena al Teatro Goldoni di Venezia, dove il debutta il 26 agosto 1926 e che viene accolto con grande entusiasmo da pubblico e critica. Nel 1928, con una compagnia sua, mette in scena per la prima volta Minnie, la candida di Massimo Bontempelli al Teatro di Torino ma senza particolari apprezzamenti da parte del pubblico.

Attivo anche nel secondo dopoguerra, nel 1944 è con Laura Adani - sua cognata in quanto sorella di Lena Adani, seconda moglie di Ernesto che aveva da tempo annullato il primo matrimonio - in Agnese Bernauer di Friedrich Hebbel che si tiene al maggio musicale fiorentino accanto ai giovani Ernesto Calindri, Vittorio Gassman e Tino Carraro.

Nel cinema debutta nel 1914, prendendo parte al film Amore senza stima e proseguendo, anche nel sonoro, la sua attività come caratterista.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]