Marin Faliero (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marin Faliero
Lingua originale italiano
Genere tragedia lirica
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Giovanni Emanuele Bidera
Fonti letterarie Marino Faliero di Casimir Delavigne
Atti tre
Epoca di composizione estate 1834-febbraio 1835[1]
Prima rappr. 12 marzo 1835
Teatro Théâtre Italien, Parigi
Personaggi
  • Marin Faliero, doge di Venezia (basso)
  • Israele Bertucci, capo dell'Arsenale (baritono)
  • Fernando, nipote del doge (tenore)
  • Steno, giovine patrizio, uno dei quaranta (baritono)
  • Leone, patrizio, uno dei dieci (tenore)
  • Elena, moglie del doge (soprano)
  • Irene, damigella d'Elena (soprano)
  • Vincenzo, un servo del doge (tenore)
  • Un gondoliere (tenore)
  • Beltrame, scultore, congiurato (basso)
  • Pietro, gondoliere, congiurato (basso)
  • Strozzi, pescatore, congiurato (basso)
  • Marco, figlio d'Israele, congiurato (figurante)
  • Arrigo, figlio d'Israele, congiurato (figurante)
  • Giovanni, figlio d'israele, congiurato (figurante)
  • I signori della notte, i Dieci, cavalieri, dame, artigiani, pescatori, servitori, soldati ( coro)
Autografo Conservatorio di San Pietro a Majella, Napoli[2]

Marin Faliero è una tragedia lirica di Gaetano Donizetti, su libretto di Giovanni Emanuele Bidera. L'opera debuttò al Théâtre Italien di Parigi il 12 marzo 1835.

Donizetti contro Bellini[modifica | modifica wikitesto]

Le prime rappresentazioni in Italia e all'estero ottennero un grande successo grazie alla prestigiosa compagnia di canto (Luigi Lablache, Faliero; Antonio Tamburini, Israele; Giulia Grisi, Elena; Giovan Battista Rubini, Fernando). La stessa compagnia di canto era già stata protagonista de I Puritani di Vincenzo Bellini (rispettivamente, Giorgio, Riccardo, Elvira ed Arturo) nello stesso teatro. Il paragone tra le due opere fu ovviamente inevitabile, e per questo ci fu una sorta di contrasto tra i due compositori. Bellini non risparmiò feroci critiche a Donizetti, che, invece lo ammirava e lo stimava, anche se questa stima non verrà mai ricambiata. Purtroppo l'opera di Donizetti nel tempo non resse più il paragone con quella di Bellini, ed uscì dal repertorio. Tornò alla ribalta solo nel 1966 a Bergamo. Nel 1970 fu eseguita a Milano, e in seguito incisa in studio (protagonista Cesare Siepi). Recenti esecuzioni nel 1998 da parte dell'Opera Camerata di Washington, nel 2002 al Regio di Parma e da parte dell'Opera Orchestra of New York (OONY),[3] nel 2003 alla Fenice e nel 2008 a Sassari e Bergamo protagonista Giorgio Surjan. Dell'edizione parmense del 2002, diretta da Ottavio Dantone, per la regia di Daniele Abbado, con Michele Pertusi, Mariella Devia, Rockwell Blake e Roberto Servile, è stata pubblicata la videoregistrazione in DVD (Hardy Classic).

Ruolo Registro vocale Interprete
Marin Faliero basso Luigi Lablache
Israele baritono Antonio Tamburini
Fernando tenore Giovan Battista Rubini
Elena soprano Giulia Grisi

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è ambientata nel 1355 a Venezia. Elena, moglie di Faliero, è continuamente calunniata dal patrizio Steno, che ella ha respinto. Punito, Steno insulta pesantemente Israele, capo dell'Arsenale, davanti ai suoi operai. Per questo motivo, Israele convince Faliero a fare una congiura contro il Consiglio dei Dieci.

Alla congiura si mescola l'innamoramento di Elena per Fernando, nipote di Faliero, che vuole lasciare la Serenissima per non disonorarla. Durante un ballo in maschera, Fernando sfida a duello Steno, reo di insultare ancora l'amata. Quando Fernando viene trovato morente nel luogo in cui si stavano radunanando i congiurati, Faliero giura vendetta per il nipote.

A causa di un tradimento, la congiura cade e il Doge è condannato a morte; Elena, prima che lo uccidano, gli rivela che ha avuto una relazione con Fernando. Faliero la sta per maledire, ma, sentendo la morte ormai vicinissima, la perdona.

Numeri musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • Sinfonia e Preludio

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 Introduzione Issa, issa là (Coro, Israele, Steno)
  • 2 Cavatina No, no di abbandonarla (Fernando)
  • 3 Duetto Tu non sai, la nave è presta (Fernando, Elena)
  • 4 Duetto Se pur giungi a trucidarlo (Faliero, Israele)
  • 5 Coro Vieni o dell'Adria (Coro)
  • 6 Finale I Invitato all'empia festa (Israele, Faliero, Fernando, Elena)

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

  • 7 Coro di Gondolieri e Barcarola Siamo figli della notte
  • 8 Aria Notte d'orrore! (Fernando)
  • 9 Aria Bell'ardir di congiurati (Faliero)

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 Coro La notte inoltrasi
  • 11 Aria Tutto or morte (Elena)
  • 12 Coro ed aria Lode a Leoni! e Odio il suon di chi sprezza i perigli (Israele)
  • 13 Preghiera Gran Dio, che in tua virtù (Faliero)
  • 14 Duetto Santa voce al cuor mi suona (Faliero, Elenea)

Brani famosi[modifica | modifica wikitesto]

  • No, no di abbandonarla cavatina di Fernando (Atto I)
  • Se pur giungi a trucidarlo, duetto tra Israele e Faliero (Atto I)
  • Bell'ardir di congiurati, aria di Faliero (Atto II)
  • Fra due tombe, fra due spettri, cabaletta di Elena (Atto III)
  • Santa voce al cor duetto di Elena e Faliero (Atto III)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast:
Marino Faliero,
Israele Bertucci, Fernando, Elena
Direttore,
Orchestra e Coro
Etichetta[4]
1966 Agostino Ferrin,
Carlo Meliciani,
Angelo Mori,
Margherita Roberti
Adolfo Camozzo,
Orchestra e Coro del Teatro Donizetti di Bergamo
(Registrazione dal vivo al Teatro Donizetti di Bergamo)
LP:
  • Raritas OPR 4
  • E. J. SMITH EJS 381
  • GFC 31/32

CD:

  • Melodram 27030
1976 Cesare Siepi,
Licinio Montefusco,
Giuliano Ciannella,
Marisa Galvany
Elio Boncompagni,
Orchestra Sinfonica di Milano della RAI
LP:
  • HRE 426 (1984)

CD:

  • Bongiovanni 2408/9-2 (2006)
  • Myto Records MCD 054.314
  • House of Opera CD 102
  • Première Opera Ltd. CDNO 4542
1999 Tamás Altorjay,
Attila Réti,
Tamás Albert,
Mária Farkasréti
Tamás Pál,
Orchestra Salieri e Coro del Teatro Nazionale di Szeged
CD:
  • Agorà AG 229.2
2002 Michele Pertusi,
Roberto Servile,
Rockwell Blake,
Mariella Devia
Ottavio Dantone,
Orchestra e Coro del Teatro Regio di Parma
(Registrato a Parma il 2 gennaio)
CD:
  • Première Opera Ltd. CDNO 4392

DVD:

  • Hardy Video Classic
  • House of Opera DVDBB 681
  • House of Opera DVDCC 878
2008 Giorgio Surian,
Luca Grassi,
Ivan Magri,
Rachele Stanisci
Bruno Cinquegrani,
Orchestra e Coro del Festival Donizetti di Bergamo
(Registrato al Teatro Donizetti, Bergamo, 31 ottobre e 2 novembre)
DVD:
  • Naxos VD 2.110616-17

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ashbrook, Le opere, p. 313
  2. ^ Ashbrook, Le opere, p. 314
  3. ^ Tom Kaufman, Donizetti: Marino Faliero, «Opera Today», 31 maggio 2006.
  4. ^ Discografia dalla Fondazione Donizetti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • William Ashbrook, Donizetti. Le opere, prima edizione in lingua inglese: Donizetti and his Operas, Cambridge University Press, 1982, trad. it. di Luigi Della Croce, EDT, Torino 1987, pp. 140-144, 313-314 - ISBN 88-7063-047-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica