I Capuleti e i Montecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Capuleti e i Montecchi
DickseeRomeoandJuliet.jpg
Romeo e Giulietta sul balcone in un dipinto di Dicksee
Lingua originale italiano
Genere Opera seria
Musica Vincenzo Bellini
Libretto Felice Romani
(libretto online)
Atti due
Epoca di composizione fine gennaio - inizio marzo 1830
Prima rappr. 11 marzo 1830
Teatro Teatro La Fenice, Venezia
Personaggi
  • Romeo Montecchi (mezzosoprano)
  • Giulietta Capuleti (soprano)
  • Tebaldo (tenore)
  • Lorenzo (basso), medico e familiare dei Capuleti
  • Capellio Capuleti (basso), padre di Giulietta
Autografo Museo Belliniano, Catania

I Capuleti e i Montecchi è un'opera in due atti con musica di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani, rappresentata in prima assoluta al Teatro La Fenice di Venezia, l'11 marzo 1830.


Composizione e fortuna[modifica | modifica sorgente]

Il libretto costituisce un adattamento di un precedente melodramma di Romani, già messo in musica da Nicola Vaccaj. Esso si basa su un'ampia tradizione letteraria italiana (tra cui la novella IX di Matteo Bandello - 1554) dedicata alla celebre coppia di innamorati veronesi, e non, come talvolta si legge, sulla tragedia Romeo e Giulietta di William Shakespeare, all'epoca pressoché sconosciuta in Italia.

L'opera fu composta in poco più di un mese, tra la fine di gennaio ed i primi di marzo, tanto che Bellini dovette attingere a piene mani a motivi della Zaira, l'opera composta l'anno precedente e andata incontro ad un irrimediabile insuccesso. La romanza di Giulietta Oh! quante volte, oh quante!, il brano più famoso dell'opera, fu, invece, ricavata dall'opera d'esordio, Adelson e Salvini. In tutti questi casi, tuttavia, Bellini non si limitò a riciclare la vecchia musica, bensì la sottopose ad un'accurata rielaborazione, per adattarla ai personaggi, ai versi e agli interpreti, al punto che di alcuni brani non è facile riconoscere ad orecchio la fonte.

Come in Zaira, la coppia dei protagonisti è affidata a due voci femminili. La scelta del mezzosoprano en travesti per la parte di Romeo è quanto mai appropriata alla rappresentazione di un amore adolescenziale. È semmai interessante come l'amore tra fratello e sorella in Zaira, spesso con la musica relativa, si converta senza difficoltà in quello tra i due innamorati di Verona.

Nell'arco della parabola creativa belliniana I Capuleti e i Montecchi segna il punto di massima canonizzazione delle macrostrutture e microstrutture operistiche. La successione dei numeri musicali, la loro articolazione interna, così come la struttura del periodo musicale concedono poco all'imprevisto, ma al tempo stesso mostrano un equilibrio maggiore che nelle precedenti partiture. Certo si tratta di una soluzione dettata anche dalla fretta, ma resta il fatto che con quest'opera Bellini sembra gettare le fondamenta su cui si svilupperà la ricerca formale dei capolavori successivi.

Negli ultimi anni I Capuleti e i Montecchi è stata spesso allestita nei teatri italiani, anche in virtù di una scrittura vocale non trascendentale e di una drammaturgia semplice ma efficace, basata su una trama di sicura presa. In precedenza, tuttavia, essa dovette soffrire di ogni genere di stravolgimenti. Per tutto il corso dell'Ottocento, seguendo l'esempio dato da Maria Malibran, il tenero e commovente duetto finale composto da Bellini - libero da vincoli formali ma reo di non concedere abbastanza all'esibizione vocale - venne sistematicamente sostituito dal convenzionale finale dell'opera di Vaccaj.

Nel XX secolo la parte di Romeo fu a lungo affidata alla voce di tenore, come nell'incisione diretta da Claudio Abbado nel 1966, nella quale il celebre direttore d'orchestra alterò anche la strumentazione e l'armonia.
Più in stile, oltre che più fedele, appare l'incisione discografica diretta da Riccardo Muti nel 1985, con Edita Gruberova nella parte di Giulietta.

Cast della prima assoluta[modifica | modifica sorgente]

Ruolo Registro vocale Interprete
Romeo mezzosoprano Giuditta Grisi
Giulietta soprano Rosalbina Carradori Allan
Tebaldo tenore Lorenzo Bonfigli
Lorenzo basso Ranieri Pocchini
Capellio basso Gaetano Antoldi

Brani famosi[modifica | modifica sorgente]

  • È serbata a questo acciaro, cavatina di Tebaldo (atto I)
  • Se Romeo t'uccise un figlio, cavatina di Romeo (atto I)
  • Oh! quante volte, oh quante!, romanza di Giulietta (atto I)
  • Se ogni speme è a noi rapita, stretta del Finale Primo (atto I)
  • Deh tu, deh tu bell'anima!, romanza di Romeo (atto II)

Numeri musicali[modifica | modifica sorgente]

  • Sinfonia

Atto I[modifica | modifica sorgente]

  • 1 Introduzione Aggiorna appena (Coro)
  • 2 Scena e cavatina È serbata a questo acciaro (Tebaldo, Coro)
  • 3 Scena e cavatina "Se Romeo t'uccise un figlio (Romeo, Coro)
  • 4 Scena e romanza Oh quante volte, oh quante (Giulietta)
  • 5 Duetto Sì, fuggire, a noi non resta (Romeo, Giulietta)
  • 6 Coro Lieta notte avventurosa
  • 7 Finale Primo Deh per pietà, t'arresta (Lorenzo, Romeo, Coro, Giulietta, Tebaldo, Capellio)

Atto II[modifica | modifica sorgente]

  • 8 Introduzione, scena ed aria Morte io non temo (Giulietta, Coro)
  • 9 Scena e duetto Stolto! Ad un sol mio grido (Tebaldo, Romeo, Coro)
  • 10 Finale secondo Siam giunti (Coro, Romeo, Giulietta, Capellio, Lorenzo)

Incisioni discografiche[modifica | modifica sorgente]

Anno Cast (Giulietta, Romeo, Tebaldo, Capellio, Lorenzo) Direttore Etichetta
1958 Antonietta Pastori, Fiorenza Cossotto, Renato Gavarini, Vittorio Tatozzi, Ivo Vinco Lorin Maazel Opera D'Oro
1966 Margherita Rinaldi, Giacomo Aragall, Luciano Pavarotti, Nicola Zaccaria, Walter Monachesi Claudio Abbado Opera D'Oro
1973 Katia Ricciarelli, Veriano Luchetti, Giorgio Merighi, Bruno Marangoni, Walter Monachesi Piero Bellugi Mondo Musica
1975 Beverly Sills, Janet Baker, Nicolai Gedda, Robert Lloyd, Raimund Henrickx Giuseppe Patanè EMI
1984 Edita Gruberova, Agnes Baltsa, Dano Raffanti, Gwynne Howell, John Tomlinson Riccardo Muti EMI
1997 Eva Mei, Vesselina Kasarova, Ramon Vargas, Umberto Chiummo, Simone Alberghini Roberto Abbado RCA
1998 Hei-Kyung Hong, Jennifer Larmore, Paul Groves, Raymond Aceto, Robert Lloyd Donald Runnicles Teldec
2008 Anna Netrebko, Elina Garanca, Joseph Calleja, Tiziano Bracci, Robert Gleadow Fabio Luisi Deutsche Grammophon

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Edizione critica a cura di Claudio Toscani, Milano, Ricordi 2003.
Progetto Musica Classica
V.Bellini
Opere di Vincenzo Bellini

Adelson e Salvini (1825) | Bianca e Fernando (1826) | Il pirata (1827) | La straniera (1829)
Zaira (1829) | I Capuleti e i Montecchi (1830) | La sonnambula (1831)
Norma (1831) | Beatrice di Tenda (1833) | I puritani (1835)