Opéra national de Paris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Opéra National de Paris)
Opéra national de Paris
Palais Garnier.jpg
Il Palais Garnier è la sede storica dell'Opera parigina
Ubicazione
Stato Francia Francia
Località Parigi
Indirizzo 8 rue Scribe, 75 009
Dati tecnici
Fossa presente
Sito ufficiale

L'Opéra national de Paris è un teatro pubblico francese posto sotto la tutela del Ministero della Cultura francese. Esso ha come scopo di rendere accessibile il patrimonio lirico e coreografico al maggior numero di persone, e quello di favorire la creazione e la rappresentazione delle opere contemporanee. A questo titolo, l'Opéra, dispone di due sale: l'Opéra Garnier (che ospita il corpo di ballo dell'Opéra) e l'Opéra Bastille.

La prima opera che è andata in scena per l'inaugurazione dell'Académie Royale de Musique et de Danse nella Salle du Jeu de paume de la Bouteille è stata la prima assoluta di Pomone di Robert Cambert il 3 marzo 1671 ed ha avuto 146 recite.

Nel 1672 avviene la prima assoluta di Les fêtes de l'Amour et de Bacchus di Jean-Baptiste Lully per l'inaugurazione della Salle du Bel-Air (architetto Carlo Vigarani) in Rue de Vaugirard, il 27 aprile 1673 la prima di Cadmus et Hermione di Lully, nel 1674 del successo di Alceste, ou Le triomphe d'Alcide di Lully per l'inaugurazione del Théâtre du Palais-Royal (rue Saint-Honoré) di 1.400 posti, nel 1679 del successo di Bellérophon, nel 1682 di Persée di Lully, nel 1684 del successo di Amadis di Lully, nel 1697 del successo di Issé di André Cardinal Destouches, nel 1706 del successo di Alcyone di Marin Marais, nel 1710 del successo di Les Festes vénitiennes di Campra, del successo nel 1712 di Callirhoé di Destouches, nel 1714 del successo di Les fêtes ou Le triomphe de Thalie di Jean-Joseph Mouret, nel 1716 il successo di Les festes de l'été di Michel Pignolet de Montéclair, nel 1735 del successo di Les grâces di Mouret e nel 1748 di Pygmalion di Jean-Philippe Rameau ripresa con successo nel 1751. Nel 1752 avviene la ripresa di La serva padrona di Pergolesi che scatenò una disputa, nota come la Querelle des bouffons, fra i sostenitori dell'opera tradizionale francese, incarnata dallo stile di Lully e Rameau, e i sostenitori della nuova opera buffa italiana fra cui alcuni enciclopedisti (in particolare Jean Jacques Rousseau, anch'egli compositore). La disputa divise la comunità musicale francese e la stessa corte (con la regina che si schierò a fianco degli "italiani"), per due anni, e portò ad una rapida evoluzione del gusto musicale del paese transalpino verso modelli meno schematici e più moderni.

L'Opéra national de Paris contribuisce inoltre alla formazione professionale e al perfezionamento dei cantanti e dei ballerini, per il suo centro di formazione d'arte lirica e per la scuola di danza di Nanterre.

Infine, il settore animazione e giovani elabora ogni stagione un programma pedagogico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuta come Académie d'opéra, l'Académie royale de musique fu fondata nel 1669 per volere di Colbert in risposta all'Académie royale de danse. Incaricata di diffondere l'opera francese in tutto il Paese, è indicata abitualmente come l'Opéra.

Non avendo altre risorse finanziarie che i ricavi dei biglietti (e non come per la Comédie-Française o il Théâtre italien de Paris, una sovvenzione reale), l'Opéra ottenne il privilegio di rappresentare dei brani teatrali in musica, con il divieto per altri di fare lo stesso senza autorizzazione.

L'Académie royale de musique cambiò tredici volte il luogo delle sue rappresentazioni durante il XVIII secolo, fino alla trasformazione, con la Rivoluzione francese, nel Teatro delle arti, oggi chiamato Opéra national de Paris.

Il 9 ottobre 1826 avviene la prima assoluta di Le siège de Corinthe di Gioachino Rossini con Adolphe Nourrit.

Il 26 marzo 1827 avviene la prima assoluta di Moïse et Pharaon di Rossini con Nicolas Levasseur e Nourrit.

Il 20 agosto 1828 avviene la prima assoluta di Il Conte Ory di Rossini con Levasseur e Nourrit.

Il 3 agosto 1829 avviene la prima assoluta di Guglielmo Tell (opera) di Rossini con Levasseur e Nourrit.

Il 13 novembre 1843 avviene la prima assoluta di Dom Sébastien di Gaetano Donizetti con Gilbert-Louis Duprez, Rosina Stoltz, Nicolas Levasseur e Paul Barroilhet.

Il 26 novembre 1847 avviene la prima assoluta di Jérusalem di Giuseppe Verdi.

Spettacoli storici[modifica | modifica wikitesto]

Sale[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione conta quindici sale utilizzate dall'Opéra per i suoi spettacoli.

  Nome Date Luogo Storia
1 Sala d'Issy 1659 Issy-les-Moulineaux Demolita
2 Sala della Bouteille 1671-1672 Rue Mazarine Demolita
3 Sala del Bel-Air 1672-1673 Rue de Vaugirard Demolita
4 Prima sala del Palais-Royal 1673-1764 Palais-Royal  
5 Sala delle Tuileries 1764-1770 Palais des Tuileries Costruita nel 1662 ma rimaneggiata a più riprese. Demolita col palazzo nel 1873.
6 Seconda sala del Palais-Royal 1770-1781 Palais-Royal Distrutta da un incendio nel 1781
7 Salle des Menus-Plaisirs 1781 Rue Bergère Demolita
8 Salle de la Porte-Saint-Martin 1781-1794 Boulevard Saint-Martin Costruita nel 1781. Distrutta da un incendio nel 1871 (Comune di Parigi) e ricostruita sullo stesso luogo.
9 Sala della rue de Richelieu 1794-1820 Rue de Richelieu
(fino al 1815, rue de la Loi).
Luogo della square Louvois
Costruita nel 1781. Distrutta su ordine delle autorità.
10 Sala della rue Louvois 1820 Rue Louvois Costruita nel 1791. Chiusa nel 1825, demolita nel 1827.
11 Salle Favart 1820-1821 Place Boieldieu Costruita nel 1783. Distrutta nel 1839 da un incendio e ricostruita sul luogo.
12 Sala della rue Le Peletier 1821-1873 Rue Le Peletier e rue Grange-Batelière
Luogo dell'hôtel Drouot.
Costruita nel 1820-1821. Distrutta da un incendio nel 1873.
13 Sala Ventadour 1874-1875 Rue Méhul Costruita nel 1826 - 1829. Chiusa nel 1879 e trasformata in banca.
14 Opéra Garnier dal 1875 Place de l'Opéra  
15 Opéra Bastille dal 1990 Place de la Bastille  

Altre sale d'opera parigine sono il Théâtre du Châtelet, l'Opéra-Comique ed il Théâtre des Champs-Élysées.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]