Giorgio Zancanaro (baritono)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Zancanaro (Verona, 9 maggio 1939) è un baritono italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato in gioventù in polizia, dalla metà degli anni sessanta inizia a dedicarsi seriamente al canto, studiando con Maria Palanda. Nel 1969 vince il concorso per voci verdiane di Busseto, che gli apre le porte del debutto, l'anno successivo a Mantova, nel ruolo di Riccardo ne I puritani.

Negli anni seguenti si esibisce nei principali teatri italiani, in opere come I masnadieri, Luisa Miller, La traviata, emergendo come uno dei maggiori baritoni verdiani della sua generazione. Sviluppa inoltre un'attività internazionale che lo porta ad esibirsi nei principali teatri, quali Londra, Parigi, Vienna, Barcellona.

Nel 1982 fa l'importante debutto alla Scala nel ruolo di Ford in Falstaff, cui seguiranno negli anni successivi Attila e I vespri siciliani, sotto la direzione di Riccardo Muti. Nello stesso anno debutta al Metropolitan Opera di New York come Renato in Un ballo in maschera. Sempre nel 1982 canta al Festival di Orange nel Don Carlo e nel 1985 al Festival di Bregenz ne I puritani.

Frequenta un repertorio che spazia dal belcanto del Guglielmo Tell al verismo di Andrea Chénier, distinguendosi in particolare in quello verdiano: oltre ai titoli già citati, Rigoletto, La forza del destino, Il trovatore. Tra gli altri ruoli figurano Escamillo in Carmen, Ashton in Lucia di Lammermoor, Scarpia in Tosca.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Mancini&Rouveroux La guide de l'opera, les indispensables de la musique Fayard, 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 7575872