Carl Friedrich von Weizsäcker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carl Friedrich von Weizsäcker

Carl Friedrich Freiherr von Weizsäcker (Kiel, 28 giugno 1912Söcking, 28 aprile 2007) è stato un fisico, astrofisico e filosofo tedesco.

È stato il più longevo membro del team di ricerca che fece ricerche nucleari nella Germania nazista durante la seconda guerra mondiale, sotto il comando di Werner Heisenberg.

Weizsäcker era figlio del diplomatico Ernst von Weizsäcker, fratello maggiore dell'ex presidente tedesco Richard von Weizsäcker, padre del fisico e ricercatore ambientale Ernst Ulrich von Weizsäcker e suocero dell'ex segretario generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese Konrad Raiser.

Nato a Kiel, Weizsäcker trascorse l'infanzia a Stoccarda e a Copenaghen. Dal 1929 al 1933 studiò fisica, matematica e astronomia a Berlino, Gottinga e Lipsia. Il supervisore delle sue tesi di dottorato fu Friedrich Hund.

I suoi maggiori interessi come giovane ricercatore erano l'energia di legame degli atomi e i processi nucleari nelle stelle. Assieme a Hans Bethe creò un formula riguardante questi ultimi, chiamata formula Bethe-Weizsäcker, e studiò il processo ciclico di fusione nelle stelle.

Negli anni trenta partecipò al programma nucleare militare tedesco facendo parte del gruppo di scienziati raccolti intorno alla prestigiosa guida del premio Nobel Werner Karl Heisenberg, che condusse una serie di di ricerche tese a verificare la possibilità di costruire armi nucleari, che non trovarono compimento. A pochi mesi dall'inizio della seconda guerra mondiale, il suo nome venne menzionato da Albert Einstein in una lettera al presidente statunitense Roosevelt, in cui Einstein sollecitava quest'ultimo a predisporre risorse e particolare attenzione alla ricerca sull'uranio. Carl Friedrich von Weizsäcker viene citato nella lettera come ricercatore legato al Kaiser-Wilhelm-Institut di Berlino, dove venivano portate avanti ricerche sull'uranio, e come persona influente, figlio dell'allora segretario di stato per gli esteri tedesco Ernst von Weizsäcker. capace di attirare risorse sul progetto nuclere tedesco.[1]

Nel 1945 fu catturato da reparti speciali alleati, nella cosiddetta operazione Alsos, insieme ad altri scienziati che si occupavano del programma nucleare e internato a Farm Hall, vicino Cambridge. Il gruppo durante i sei mesi di reclusione fu costantemente sottoposto a controllo con microfoni nascosti, al fine di conoscere lo stato e le finalità delle ricerche nucleari svolte dal gruppo di cui von Weizsäcker e Heisenberg erano gli esponenti più in vista. Le trascrizioni furono pubblicate solo nel 2001[2]; non chiarirono comunque l'ambiguità che ha sempre avvolto le ricerche e le intenzioni dei fisici atomici durante il nazismo.

Nel dopoguerra riprese i suoi studi scientifici,dedicandosi all'insegnamento e collaborando alla Società Max Planck. Già nel 1944 aveva riproposto l'ipotesi nebulare per la formazione del sistema solare, introducendo perfezionamenti che lo sviluppo del sapere aveva reso possibili dall'epoca di Laplace. Tale ipotesi è ora ritenuta la più probabile. Negli stessi anni intensificò l'interesse per gli aspetti filosofici della fisica che aveva già manifestato anche in gioventù, frequentando Heidegger.[3] Fu anche professore di Filosofia all'università di Amburgo dal 1957 al 1970.[4]

Nel 1989 gli fu assegnato il Premio Templeton per i suoi contributi scientifici. Gli è stato dedicato un asteroide, 13531 Weizsacker.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia per le scienze e per le arti (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per le scienze e per le arti (Austria)
— 1970

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Albert Einstein to Franklin D. Roosevelt - August 2, 1939, testo originale della lettera
  2. ^ Jeremy Bernstein, Il club dell'uranio di Hitler. I fisici tedeschi nelle registrazioni segrete di Farm Hall, 2005, 8851800510
  3. ^ Carl Friedrich von Weizsäcker, L’immagine fisica del mondo, Fratelli Fabbri, 1967
  4. ^ Jeremy Bernstein, op. cit, 2005, p.415

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71399085 LCCN: n79097438