Premio internazionale per la pace degli editori tedeschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'edizione del 2009 ha premiato l'italiano Claudio Magris. Nella foto, Magris, all'interno della chiesa di San Paolo, rivolge un discorso ai presenti.
Magris riceve il premio.

Il premio internazionale per la pace degli editori tedeschi (in Tedesco Friedenspreis des Deutschen Buchhandels) è un premio assegnato, in occasione della Fiera del libro di Francoforte, all'interno della ex chiesa di San Paolo[1]. Assegnato dal 1950, il premio è andato ad intellettuali dal prestigio internazionale che hanno saputo richiamare l'attenzione, attraverso la cultura, su zone dove il processo di pace è stato spesso travagliato o dove la situazione non si è ancora definitivamente stabilizzata, come nel caso delle tensioni tra Palestinesi ed Israeliani. Il premio consiste in 25.000€[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b sito del premio