Susan Sontag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Susan Sontag nel 1994

Susan Sontag (New York, 16 gennaio 1933New York, 28 dicembre 2004) è stata una scrittrice e intellettuale statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Susan Sontag nacque a New York, in una famiglia di ebrei-americani: il padre era Jack Rosenblatt e la madre Mildred Jacobsen. Dopo la morte per tubercolosi del padre (un commerciante in pellame) in Cina, avvenuta quando la Sontag aveva cinque anni, la madre si risposò con Nathan Sontag, e così Susan e la sorella Judith presero il cognome del padre adottivo.

Susan crebbe a Tucson, in Arizona, e poi frequentò le scuole superiori a Los Angeles. Saltò tre anni scolastici e si diplomò così a soli quindici anni. Ricevette la laurea (Bachelor of Arts degree) al College dell'Università di Chicago.

A diciassette anni sposò Philip Rieff. Dalla coppia nacque un figlio, David Rieff, che divenne in seguito editore della madre, e poi scrittore. La Sontag e Rieff restarono sposati per 8 anni fino al divorzio nel 1958.

Verso la fine degli anni Ottanta, la Sontag iniziò una relazione con la fotografa Annie Leibovitz, relazione che è durata sino alla morte della Sontag stessa.

Nel 1992 pubblicò il romanzo storico L'amante del Vulcano, ispirato al triangolo amoroso composto da lady Emma Hamilton, sir William Hamilton e Horatio Nelson; questo romanzo riscosse un grande successo.

Morì il 28 dicembre 2004, di leucemia. Oggi è sepolta nel cimitero di Montparnasse a Parigi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Annie Leibovitz, C'eravamo tanto amate, Milano.[1]
  • Susan Sontag, L'amante del vulcano, collana: Oscar bestsellers, Milano, Mondadori, 1997, ISBN 88-04-43167-9.
  • Susan Sontag, Il benefattore, collana: Oscar Scrittori Moderni, Milano, Mondadori, 1997, ISBN 978-88-04-43169-5.
  • Susan Sontag, Davanti al dolore degli altri, collana: Strade blu, trad. Paolo Dilonardo, Milano, Mondadori, 2003, ISBN 88-04-51804-9.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Elenco, non completo, delle traduzioni in lingua italiana delle opere di Susan Sontag:

  • Il kit della morte, 1973
  • Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società, 1977
  • Malattia come metafora. Aids e cancro, 1992
  • L'amante del vulcano, Mondadori, 1995
  • Stili di volontà radicale, 1999
  • Io, eccetera, 2000
  • Tradurre letteratura, 2004
  • Pellegrinaggio, 2004
  • Troppo umano. La giustizia nell'era della globalizzazione - Michael Ignatieff, Susan Sontag, Tzvetan Todorov, 2005
  • La nobile tradizione del dissenso - Kenzaburo Oe, Susan Sontag, 2005
  • Nello stesso tempo. Saggi di letteratura e politica, 2008

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per la letteratura (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la letteratura (Spagna)
— 2003
Membro dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marcello Sorgi, La celebre fotografa racconta in un libro i 15 anni della sua relazione con la scrittrice simbolo della sinistra americana, scomparsa nel 2004 Leibovitz-Sontag c'eravamo tanto amate in La Stampa, 11 ottobre 2006, p. 27. URL consultato il 27-09-2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 108171730 LCCN: n79049274