Paul McNulty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul McNulty

Paul McNulty (Houston, 21 ottobre 1953) è un pianista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta nel 1976 il Conservatorio Peabody di chitarra classica si interessa di strumenti classici, tra i quali le prestazioni del liuto. Nel 1978 entra a far parte della “Scuola del New England di Tecnologia degli strumenti a corda a tastiera” dove studia sotto la guida di Bill Garlick. Nell’esame finale Paul ottenne il riconoscimento più elevato : “esaminatore d’accordatura”.

Negli anni successivi frequenta un seminario presso la fabbrica di pianoforte Steinway, a New York, venendo assunto come restauratore e tecnico. Nell' incessante ricerca del proprio perfezionamento Paul scelse, per due anni, di dedicarsi alla carriera di costruttore di fortepiano, sotto la guida di Robert Smith, a Somerville, nel Massachusetts. Il primo strumento costruito da Paul fu acquistato dall’Accademia Norvegese di Musica di Oslo, dove funziona ancora perfettamente dopo venticinque anni. Incantato dal suono di questo strumento, sia il pianista austriaco Paul Badura-Skoda, che Trevor Pinnock, ne ordinariono uno. Trevor Pinnock, con questo strumento diede un concerto alla Carnegie Hall.

Nel 1986 John Gibbons invitò Paul McNulty ad accompagnarlo nel suo tour europeo con L’orchestra del diciottesimo secolo di Frans Bruggen. Gibbons eseguì i concerti di Mozart K.491 in Do minore e K.466 in Re minore, durante il quale si distinse il suono del fortepiano di McNulty. Nello stesso anno si trasferì ad Amsterdam. Nel 1988, presso la EXPO di Bruge, in Belgio, il fortepiano di Paul fu oggetto di notevole interesse, interesse a cui seguirono numerosi ordini.

Una lunga ricerca del miglior materiale con il quale costruire il suo fortepiano, portò Paul McNulty nella Repubblica Ceca. Nel 1823 si diceva che Conrad Graf preferì ottenere la cassa di risonanza del fortepiano, attraverso alberi tagliati e raccolti dalla Schwarzenberg Forest (oggi Sumova ) situata nel Sud della Boemia. Ancora oggi in zona è presente lo stretto Canale di Schwarzenberg, che dal 1790 conduce alle sorgenti della Moldava e del Danubio per poi giungere a Vienna. Dal 1995 Paul ha vissuto e lavorato a Divišov, una piccola città ceca. Nel 2004 sposa la fortepianista russo-canadese Viviana Sofronitsky.

Fortepiani di Paul McNulty[modifica | modifica wikitesto]

  • Fortepiano in stile J.A.Stein circa 1788
  • Fortepiano in stile Walter 1782
  • Fortepiano in stile C.Graf 1819, op 318
  • Fortepiano in stile J.Pleyel 1830
  • Fortepiano in stile Boisselot 1846, op.2800

Nel 2009, Paul fabbrica la prima copia moderna di un fortepiano francese di questo periodo, il preferito di Fryderyk Chopin. Nel 2011 Paul fabbrica il fortepiano personale di Ferenc Liszt, un fortepiano in stile Boisselot n° 2800, del 1846. Questo strumento fu realizzato nel 1846 per il tour Russo del 1847 di di Liszt. Dal 1985 Paul ha fabbricato più di 150 piani tra cui per : John Gibbons, per il gran tour con l’Orchestra del Diciottesimo Secolo (Amsterdam), Mario Aschauer, Wien, Malcolm Bilson, Ronald Brautigam, Prof. David Breitman, dell’Oberlin College, Maggie Cole, Penelope Crawford, Univ. of Michigan, Sara Erro (Madrid), Vladimir Feltsman, Prof. Stanley Hoogland, Robert Levin, Sergiu Luca, Helena Marinho (Portogallo), Trudelies Leonhardt, Prof.Geoffrey Lancaster, Kristian Bezuidenhout, Jacques Ogg, Prof. Zvi Meniker, Mitsuko Uchida, Conservatorio di Amsterdam, Conservatorio Den Haag, Festival Glyndebourne, UK, Hochschule di Hannover, Alice e Nikolaus Harnoncourt, Harvard University, Linz A.Bruckner Privatuniversität, Music sources“CA (USA), Oberlin College (USA), (USA), Royal College of Music a Londra, Royal Academy of Music a Londra, Schola Cantorum Basiliensis, Sibelius Academy Helsinki, Smith College (USA), Università Cinese di Hong Kong, Festival Mozart di Varsovia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]